L'intervista al direttore del Dfe, Christian Vitta
"Un cambiamento utile
per tutti i commerci"
MASSIMO SCHIRA


Un ulteriore passo avanti sull’obbligatorietà generale del Contratto collettivo nel settore del commercio e verso l’introduzione della nuova legge - approvata a livello popolare a febbraio 2016 - sembra alle porte. E il primo ad esserne soddisfatto è il direttore del Dipartimento finanze ed economia, Christian Vitta. "L’attuale quadro legislativo del commercio risale al 1968, in quell’anno non ero ancora neppure nato - commenta il ministro -. Sono passati quasi 50 anni e il settore è molto cambiato. È importante poter avere una legge nuova ed adeguata ai tempi".
Vede la luce in fondo a questo (lungo) tunnel?
"La prima spinta positiva è venuta da quel 60% di ticinesi che alle urne ha detto sì al nuovo testo. Sapere che il dossier è ormai pronto a proseguire il suo percorso fa ben sperare".
Che le regole sui commerci siano da rivedere lo dimostrano anche le recenti critiche nei suoi confronti, non crede?
"Quando si prendono decisioni sulle deroghe e si ricevono critiche le distanze dal quadro legislativo datato 1968 appaiono più evidenti. Sì, servono regole adatte tempi. Ma è anche chiaro che l’obbligatorietà generale del Contratto collettivo valorizzerà il partenariato sociale".
Si agisce anche con l’obiettivo di sostenere un settore sotto pressione?
"Il periodo non è facilissimo per i commerci. La concorrenza e la pressione sui margini si fanno sentire. Si tratta quindi di infondere un po’ di fiducia, cogliendo l’attimo buono per introdurre un cambiamento legislativo quanto mai necessario".

m.s.
05.11.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Troppa canapa light
e il mercato è saturo
L'INCHIESTA

Se lavori oltre i 65
rendite più ricche
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dagli esodati
ai pensionati d'oro
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una tregua "olimpica"
riunisce le due Coree
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La folle corsa nucleare
non è solo propaganda
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La tendenza a esagere
...ereditata dai greci
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2018
12.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre 2017
12.02.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È in linea il nuovo dossier concernente la protezione dell'ambiente in Ticino
08.02.2018
La Segreteria del Gran Consiglio ha pubblicato la lista delle presenze dei Deputati alle sedute della legislatura in corso
07.02.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 febbraio prossimo
01.02.2018
Aggiornato il formulario della domanda di costruzione (versione 01.2018) [www.ti.ch/edilizia]
31.01.2018
Lingue e stage all'estero - 20 anni di scambi linguistici. Partecipa al concorso.
22.01.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2017
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kosovo:
si festeggiano
i 10 anni
d'indipendenza

Messico:
la terra trema
e le paure
riaffiorano