Il mercato delle bici in Svizzera è un business miliardario
Immagini articolo
Quando l'economia
pedala in bicicletta
MASSIMO SCHIRA


La passione degli svizzeri per la bicicletta non è un toccasana soltanto per la salute, ma è un volano estremamente importante per l’economia. Basti pensare che, negli ultimi trent’anni, la vendita annua di biciclette nel Paese è stata costante: tra le 300 e le 350mila bici nuove (modelli per bambini esclusi) scendono ogni anno sulle strade della Confederazione, il che porta il "parco" nazionale delle due ruote a pedali a quota 4,3 milioni. Anche se, sostengono gli studi e le statistiche, quelle veramente in circolazione sono all’incirca 3 milioni. Il settore garantisce quindi un giro d’affari tutt’altro che trascurabile, visto che "muove" oltre 1 miliardo di franchi l’anno.
Ci sono però diversi cambiamenti in atto. Sia a livello d’abitudini, sia di mercato. "La Svizzera è un Paese in cui i cittadini vivono in condizioni piuttosto agiate e quindi non deve sorprendere più di tanto che il prezzo medio delle biciclette acquistate sia stabile tra i 1’400 e i 1’500 franchi - spiega al Caffè Roland Fuchs, portavoce di Velosuisse, l’Associazione svizzera dei fornitori di biciclette -. Agli svizzeri la bicicletta continua a piacere, ma la scelta cade prevalentemente su modelli di gamma medio-alta. Certo, c’è anche chi acquista bici da 300 franchi nei grandi magazzini, ma solitamente si tratta di modelli che poi vengono utilizzati dai ragazzi. Oppure molto saltuariamente. Chi pedala parecchio, invece, non lesina sulle spese".
Che le abitudini siano in continua evoluzione lo dimostrano anche programmi come "Bike to Work", promosso da Pro Velo Svizzera, che stimola aziende e lavoratori affinché puntino sulla bicicletta per i percorsi casa-lavoro. Attualmente sono 1.749 le aziende iscritte al progetto, con oltre 32mila partecipanti. "È un segmento importante, ma che ha le sue prerogative - sottolinea ancora Fuchs -. Spesso nelle città le persone con la bicicletta raggiungono soltanto la stazione ferroviaria, per poi spostarsi con il treno. In quel caso è probabile che la persona abbia due biciclette. Una vecchia e magari malandata a cui far correre il rischio di danni o furto alla stazione. Un’altra per il tempo libero. E di solito la seconda è un’ottima bicicletta, che viene acquistata affinché duri nel tempo. Magari 10 anni o più.
Proprio l’uso della bicicletta durante il tempo libero è il settore maggiormente in evoluzione in questo periodo sul mercato svizzero. Perché - precisa Fuchs - anche dopo la pensione le persone sono in ottima salute. E, oltre ad elevate disponibilità finanziarie (in generale) hanno più tempo da dedicare alle gite, che spesso compiono proprio pedalando sulla classica "due ruote". "Senza dimenticare l’autentico boom delle bici elettriche - aggiunge il portavoce di Velosuisse -. Un vero e proprio fenomeno a livello nazionale, che, in pochi anni, ha visto lievitare oltre quota 400mila le e-bike in circolazione".
Il fenomeno e-bike si è diffuso a macchia d’olio in tutta Europa, ma è in Svizzera che - anche percentualmente - ha assunto le dimensioni di vera e propria tendenza nazionale. "È un successo abbastanza semplice da spiegare - afferma Roland Fuchs -. Da un lato, gli svizzeri spendono volentieri per la bicicletta, specie se di ottima qualità. Ciò è spesso il caso con le bici elettriche. D’altra parte, negli ultimi anni, l’offerta si è molto ampliata. Sul mercato elvetico troviamo oggi un’ottantina di produttori e un’infinità di modelli. Un fatto che ha allargato anche la forchetta dei prezzi. Fino a qualche tempo fa, per una e-bike si spendevano facilmente oltre 3’000 franchi. Ora, invece, già da 1’200 franchi si trovano modelli di qualità. Certo, poi si possono anche superare i 10mila franchi, ma…". Secondo l’esperto, un altro fattore fondamentale per l’evoluzione del mercato delle bici elettriche è rappresentato dalla loro efficienza. "La conformazione del territorio svizzero è molto diversa da quella delle grandi città europee - dice -. A Berlino, Monaco di Baviera, Milano o Parigi è sufficiente avere una normale city bike, perché sono zone pianeggianti. In Svizzera, invece, l’aiuto del motore elettrico è particolarmente apprezzato. Senza dimenticare che le e-bike hanno un’autonomia in continua crescita". Ultimo capitolo del "business del pedale" è rappresentato dagli accessori, come abbigliamento, caschi, occhiali. "È forse quello in maggiore espansione - conclude Fuchs -. Perché la bici è sempre più oggetto di moda e di fitness".

m.s.
12.11.2017


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"Su Argo 1 il governo
ha delle responsabilità"
L'INCHIESTA

Interessi immobiiari
dietro i milioni in pista
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La giovane Greta
contro le energie fossili
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Brexit un divorzio
che non avrà vincitori
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Otto appuntamenti
nel mondo che muta
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023.
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018
20.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, novembre 2018
18.12.2018
Licenziato il messaggio relativo all’approvazione del Piano cantonale delle aggregazioni
12.12.2018
Ampliato il ventaglio dei colori per le mappe della qualità dell'aria [www.ti.ch/oasi]
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ungheria
di nuovo
in piazza
contro Orban

Messico:
65 morti
durante furto
di combustibile