Dove emigrano gli investitori a caccia di tasse basse
Immagini articolo
Passaporti in vedita
nelle fughe offshore
MAURO SPIGNESI


Le hanno provate tutte. Sono andati via dal Ticino e si sono trasferiti a Zugo, poi hanno fatto retromarcia verso sud e si sono trasferiti nei Grigioni. Tanti imprenditori alla perenne caccia di un tasso di imposte sull’utile più basso, o investitori riottosi a compilare la denuncia di redditi, dopo che la Confederazione ha imboccato la strada del denaro pulito e ha siglato accordi per lo scambio automatico di informazioni, guardano oltre il mare. Verso un’isola che per molti dentro l’Unione europea, è diventata l’ultimo, grande e agguerrito paradiso fiscale: Malta, dove la residenza si acquista attraverso l’investimento. E dove sono state individuate diverse "cassaforti" di artisti, società e imprenditori che figurano nell’inchiesta Paradise Papers.
Un Paese, come l’ha definito Norbert Walter-Borjans, ministro delle finanze del Land tedesco Renania-de-Nord-Westfalia, "Panama d’Europa". E che oggi si presenta facendo il verso proprio alle parole d’ordine utilizzate dalla Svizzera per calamitare negli anni imprese e persone facoltose: stabilità, sicurezza e, soprattutto, una tassazione bassa. Questo grazie al Malta Residency & Visa Program, una normativa che consente di acquisire la residenza se si acquista una casa o la si affitta, se si investono 250mila euro in obbligazioni governative per un periodo minimo di cinque anni, e se si possiede un reddito annuo di non meno di 100mila euro "derivanti da Malta" o di un capitale non inferiore a mezzo milione di euro. Proprio il Malta Residency & Visa Program è risultato per il terzo anno consecutivo il miglior programma di cittadinanza e di investimento al mondo dalla classifica della Henley & Partners, leader mondiale nella pianificazione appunto della cittadinanza e della residenza. Il suo studio annuale, che sarà presentato questa settimana a Hong Kong, è un’analisi sistematica sulle principali migrazioni mondiali e gli investimenti, e dopo Malta al secondo posto c’è Cipro.
Intanto un’inchiesta del giornale Malta Today, ha rivelato che il Paese ha rimborsato 2 miliardi di euro di imposte nel 2015 alle società detenute da stranieri. Un dato che ha fatto scattare più di un campanello d’allarme negli uffici e nel Parlamento di Bruxelles che proprio contro evasione o elusione fiscale, o peggio riciclaggio, ha da anni in corso una crociata. Il primo ministro maltese, il laburista Joseph Muscat, che sarà presente all’incontro  organizzato da Henley & Partners in Asia, ha tuttavia ribadito che il suo Paese non è un paradiso fiscale e rispetta tutte le norme dell’Ue.
Ma le pressioni e i sospetti restano. "Un anno fa - ha scritto il settimanale italiano l’Espresso dopo l’esecuzione della giornalista d’inchiesta maltese Daphne Caruana Galizia, fatta saltare in aria con la sua auto - erano iscritte alla camera di commercio 53.247 società per 78mila proprietari". In pratica Malta ha il tasso d’imposta sui profitti delle società più basso d’Europa. Ufficialmente è del 35%, ma se una società di proprietà di stranieri - che devono avere la fedina penale pulita - distribuisce utili agli azionisti, allora il fisco maltese rimborsa l’85% delle imposte e il tasso reale precipita al 5%. Molto più vantaggioso di altre realtà come Bulgaria (10%) e Irlanda (12,5%). L’isola è così diventata l’eldorado per 600 fondi di investimento. Oltre che per grandi investitori che vogliono "ottimizzare" il proprio rapporto con il fisco e "delocalizzano" il proprio centro degli interessi lontano dalla Confederazione. Nella nuova frontiera dei Paesi offshore che promette passaporti e dimora a ricchi contribuenti stranieri.
Per evitare guai, Malta ha spiegato che la normativa è espressamente vietata ai cittadini svizzeri, dell’Area economia europea (Eea), e dell’Unione europea. Ma il trucco per aggirare il divieto è dato da decine e decine di fiduciarie, trust e altri "schermi" sul filo della legalità come ha dimostrato l’inchiesta sui Malta Files che ha svelato i nomi di centinaia di imprenditori con soldi a Malta. Quasi 8 mila società maltesi sono controllate da azionisti solo italiani. Naturalmente non tutti si sono trasferiti sull’isola illegalmente. Anche dalla Svizzera.

m.sp.
12.11.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Lampi di guerra
e fulmini su Trump
L'INCHIESTA

Viviamo circondati
da 8mila videocamere
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dalle buche di Roma
a quelle di Bellinzona
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ecco come l'Occidente
scoprì la globalizzazione
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Alienati per il lavoro?
La cucina è l'antidoto
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
28.03.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 aprile prossimo
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018
21.03.2018
L'Ufficio dei beni culturali (UBC) ospite della trasmissione RSI "Finestra popolare" per una serie di incontri dedicati al patrimonio culturale del Cantone Ticino.
21.03.2018
Aperte le iscrizioni all'evento "Un’altra opportunità è d’obbligo - La nuova procedura di annuncio dei posti vacanti" promosso dal Servizio aziende URC della Divisione dell’economia del DFE.
16.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, febbraio 2018
12.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere Ticino, gennaio 2018 e quarto trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Siria:
ispettori Opac
entrano
a Douma

Nicaragua:
almeno 10 morti
per le proteste
sulle pensioni