Sempre più amanti del pedale fanno vacanza in bici
Il cicloturismo cresce
e ricava 300 milioni
MASSIMO SCHIRA


La cifra d’affari attorno alla bicicletta non è soltanto legata alle vendite, alle riparazioni e agli accessori più di moda per gli appassionati. No, perché la componente del "cicloturismo" è sempre più importante. E non si tratta soltanto di visitatori in arrivo dall’estero, soprattutto dai Paesi vicini, ma in larga maggioranza di una sostanziosa quota di cicloamatori che amano girare per la Svizzera alla scoperta di angoli nascosti, che solo pedalando si possono incontrare. La cifra generata dal turismo del pedale, analogamente al miliardo annuo abbondante del "business della bici", è di quelle importanti: oltre 300 milioni di franchi.
Che il cicloturismo sia cresciuto per interesse negli ultimi anni è chiaro anche per chi di turismo si occupa in maniera diretta. In Svizzera, ad esempio, c’è da diverso tempo la possibilità di ritagliarsi le proprie vacanze "a misura di pedale". Un sito (www.veloland.ch) e la relativa applicazione offrono al visitatore uno spaccato molto completo per quanto riguarda le diverse possibilità di visitare il Paese sulle due ruote. Tanto più che l’evoluzione del "parco delle e-bike" permette anche di trovare la bici elettrica bell’e pronta sul posto - magari addirittura in albergo - senza il fastidio di doversi portare il proprio mezzo da casa.
Tutti i percorsi principali, sia su strada, sia per i principali sentieri percorribili in mountain bike, sono presentati con precisione e segnalati a dipendenza delle difficoltà che presentano. Esattamente come succede per le piste da sci. Le giornate in bicicletta sono suddivise in percorsi nazionali, regionali o locali, e sono disponibili coordinate Gps e consigli a 360 gradi su cosa visitare, dove fermarsi e dove eventualmente trovare aiuto in caso di riparazioni. Alcuni degli itinerari sono anche inseriti nella grande rete dei percorsi "EuroVelo".
Un settore in continua crescita, quello del cicloturismo, come testimonia il fatto che, nel 2014, la cifra d’affari generata dai turisti del mercato interno ha toccato quota 290 milioni di franchi (compresi i pernottamenti in hotel e le spese per la ristorazione). A cui vanno aggiunti però anche i 65 milioni di franchi che entrano nelle casse del settore turistico svizzero grazie ai turisti stranieri. Che amano sempre più sfidare ad esempio le severe pendenze dei passi alpini, ma che usano la bicicletta anche come mezzo di trasporto principale verso le varie attrazioni durante le vacanze. Soprattutto quelle in famiglia.
Proprio per questo motivo, anche in Ticino, avere a disposizione sempre più percorsi ciclabili rappresenta un atout fondamentale per attrarre i cicloamatori in maggior numero. La sicurezza mentre si pedala è infatti uno dei fattori maggiormente presi in considerazione quando si sceglie la meta per un’uscita in bici. Specie se ci sono anche i bambini.
12.11.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Povere chiese...
con meno denaro
L'INCHIESTA

Un bebè su quattro
ha genitori stranieri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il Piano B italiano
senza canone Rai
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.
28.12.2017
Pubblicati online gli oggetti che sottostanno all’Ordinanza sulla protezione contro gli incidenti rilevanti (OPIR) con le loro aree di coordinamento [www.ti.ch/oasi]
28.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2017
22.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, novembre 2017
22.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2017
21.12.2017
Riqualifica del fondovalle di Airolo: credito di 50 milioni di franchi quale contributo cantonale [www.ti.ch/cantieri]
19.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
19.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 19.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
15.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, terzo trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Vienna:
"Non lasciate
governare
i nazisti"

Repubblica Ceca:
per le presidenziali
sarà
ballottaggio