Non tutti i lavoratori ricevono un salario in più a dicembre
Immagini articolo
"Per noi la tredicesima
resta ancora un sogno"
PATRIZIA GUENZI


Quella "busta paga" in più che arriva a metà dicembre, utile per molti lavoratori a far quadrare i conti di casa, non tutti la ricevono.  "Per molti è ancora un miraggio! - puntualizza Giorgio Fonio, sindacalista dell’Ocst -. D’altro canto non è obbligatoria. Negli ultimi anni i contratti di lavoro che non la prevedono sono sempre di più, soprattutto nel Mendrisiotto". Anche nel settore dei servizi, negli uffici ad esempio, è piuttosto rara, come spiega Giangiorgio Gargantini, del sindacato Unia: "I dipendenti che non hanno un contratto collettivo non ne hanno diritto, visto che né la legge sul lavoro né il codice delle obbligazioni la prevedono. A parte colossi della grande distribuzione come Migros e Coop dotati di un contratto aziendale. Anche per le badanti resta un sogno".
Eppure, quest’entrata in più è importante per moltissime economie domestiche. Contribuisce a riequilibrare il bilancio familiare a fine anno. La maggior parte la utilizza per pagare le tasse. Ma anche per saldare fatture accantonate, conguagli vari, assicurazione dell’auto. E, visto il periodo, serve pure per far fronte a regali e spese extra per le feste natalizie, per cui occorre metter mano al portafogli in maniera piuttosto sostanziosa. "È un’ingiustizia che non tutti i lavoratori la ricevano - riprende Gargantini -. Non dimentichiamo che il Ticino deve pure far fronte ad una forte pressione salariale, con stipendi mediamente più bassi rispetto al resto della Svizzera. Senza un contratto collettivo sono pochi quei datori di lavoro che versano qualcosa in più a fine anno". Alcune aziende prevedono una gratifica a dicembre, "ma non è sicura, e l’importo è sempre condizionato dall’andamento della cifra d’affari", precisa Silvano Beretta, dell’Ocst.  
Si calcola che all’incirca il 70% dei lavoratori in Ticino riceva il tredicesimo salario. Tra questi, quelli del settore dell’edilizia, della meccanica e i metalcostruttori, anche loro coperti da un contratto collettivo. "Mentre non è ancora obbligatoria, almeno per quest’anno, - ricorda Beretta - per i piccoli negozi. Se finalmente il settore del
Tra coloro che questo diritto ce l’hanno, non tutti percepiscono il salarrio extra a dicembre. Alcuni datori di lavoro lo dividono in due tranche. Altri lo suddividono sui dodici mesi. In pratica ci sarebbe all’incirca un buon 20 per cento di lavoratori che non vede la tredicesima prima di Natale. In ogni caso, si rivela sempre un’immissione di liquidità  quanto mai utile per rilanciare i consumi. Anche se i dati del secondo trimestre del 2017 ribadiscono che il settore del commercio al dettaglio ticinese sta lentamente recuperando terreno, grazie ad un afflusso di clienti più stabile e vendite in lieve rialzo. Tendenze settoriali che risultatno più accentuate per le superfici di vendita medie e grandi rispetto alle piccole realtà commerciali, che accusano un ritardo nella fase di rilancio.

p.g.
19.11.2017


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

"Mi sento vittima
di un complotto"
L'INCHIESTA

'No a piatti di plastica
alle feste e alle mense'
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I soldi dei contribuenti
per pagare il karaoke
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Trump con i tassi bassi
sogna d'essere Reagan
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Come i killer dell'Isis
ma non sono terroristi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
07.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 novembre prossimo
26.10.2018
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2017 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
26.10.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da sabato 27 ottobre 2018 alle ore 8:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
24.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 5 novembre 2018.
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch


Degenera
manifestazione
a Barcellona

Trump
denunciato
dopo la stretta
sull'asilo