Non tutti i lavoratori ricevono un salario in più a dicembre
Immagini articolo
"Per noi la tredicesima
resta ancora un sogno"
PATRIZIA GUENZI


Quella "busta paga" in più che arriva a metà dicembre, utile per molti lavoratori a far quadrare i conti di casa, non tutti la ricevono.  "Per molti è ancora un miraggio! - puntualizza Giorgio Fonio, sindacalista dell’Ocst -. D’altro canto non è obbligatoria. Negli ultimi anni i contratti di lavoro che non la prevedono sono sempre di più, soprattutto nel Mendrisiotto". Anche nel settore dei servizi, negli uffici ad esempio, è piuttosto rara, come spiega Giangiorgio Gargantini, del sindacato Unia: "I dipendenti che non hanno un contratto collettivo non ne hanno diritto, visto che né la legge sul lavoro né il codice delle obbligazioni la prevedono. A parte colossi della grande distribuzione come Migros e Coop dotati di un contratto aziendale. Anche per le badanti resta un sogno".
Eppure, quest’entrata in più è importante per moltissime economie domestiche. Contribuisce a riequilibrare il bilancio familiare a fine anno. La maggior parte la utilizza per pagare le tasse. Ma anche per saldare fatture accantonate, conguagli vari, assicurazione dell’auto. E, visto il periodo, serve pure per far fronte a regali e spese extra per le feste natalizie, per cui occorre metter mano al portafogli in maniera piuttosto sostanziosa. "È un’ingiustizia che non tutti i lavoratori la ricevano - riprende Gargantini -. Non dimentichiamo che il Ticino deve pure far fronte ad una forte pressione salariale, con stipendi mediamente più bassi rispetto al resto della Svizzera. Senza un contratto collettivo sono pochi quei datori di lavoro che versano qualcosa in più a fine anno". Alcune aziende prevedono una gratifica a dicembre, "ma non è sicura, e l’importo è sempre condizionato dall’andamento della cifra d’affari", precisa Silvano Beretta, dell’Ocst.  
Si calcola che all’incirca il 70% dei lavoratori in Ticino riceva il tredicesimo salario. Tra questi, quelli del settore dell’edilizia, della meccanica e i metalcostruttori, anche loro coperti da un contratto collettivo. "Mentre non è ancora obbligatoria, almeno per quest’anno, - ricorda Beretta - per i piccoli negozi. Se finalmente il settore del
Tra coloro che questo diritto ce l’hanno, non tutti percepiscono il salarrio extra a dicembre. Alcuni datori di lavoro lo dividono in due tranche. Altri lo suddividono sui dodici mesi. In pratica ci sarebbe all’incirca un buon 20 per cento di lavoratori che non vede la tredicesima prima di Natale. In ogni caso, si rivela sempre un’immissione di liquidità  quanto mai utile per rilanciare i consumi. Anche se i dati del secondo trimestre del 2017 ribadiscono che il settore del commercio al dettaglio ticinese sta lentamente recuperando terreno, grazie ad un afflusso di clienti più stabile e vendite in lieve rialzo. Tendenze settoriali che risultatno più accentuate per le superfici di vendita medie e grandi rispetto alle piccole realtà commerciali, che accusano un ritardo nella fase di rilancio.

p.g.
19.11.2017


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

La bestiale estate
del sovranismo
L'INCHIESTA

"La Svizzera annetta
Campione d'Italia"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nell'era degli ebook
i libri vanno a ruba
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'"altalena" della lira
nella crisi della Turchia
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, luglio 2018
10.08.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 10 agosto 2018 alle ore 11.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
03.08.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico dell'Ufficio di Consulenza tecnica e dei lavori sussidiati [www.ti.ch/consulenza-tecnica]
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Genova:
le esequie
e le polemiche

Austria:
la ministra
si sposa
e invita Putin