Migliori condizioni contrattuali per i big della distribuzione
Pausa-bebé parentale
per Migros e Coop
PATRIZIA GUENZI


Fine anno più roseo per i dipendenti di Migros e Coop. Da gennaio 2018 la loro busta paga peserà un po’ di più. Ma i due principali grandi distributori del Paese sono all’avanguardia anche sul fronte del congedo parentale. Coop ha migliorato le condizioni dei neo genitori, la "pausa bebè" si allarga sia per lei che per lui: sino a tre settimane il congedo paternità pagato e aumenta di due settimane quello di maternità integralmente rimunerato. Migros già concede a tutte le madri un congedo di 18 settimane con salario pieno, e durante il primo anno di vita del bambino anche i padri possono beneficiare di un congedo da una a cinque settimane. Tre di queste retribuite al 100%, per le due successive è possibile ottenere un congedo non pagato.
Tornando agli aumenti, Migros ha concordato con le sue parti sociali e contrattuali un aumento della massa salariale compreso tra lo 0.5% e lo 0.9%. Coop pagherà in media l’uno per cento in più del monte salari per aumenti individuali a favore dei collaboratori con salario mensile o orario; almeno due terzi dell’organico dovrebbero beneficiarne. Sempre Coop, congiuntamente ai rappresentanti dei collaboratori, ha annunciato di aver prolungato per altri quattro anni l’attuale contratto collettivo di lavoro che riguarda 37mila dipendenti provenienti da ogni parte del Paese.
Questi aumenti di stipendio dovrebbero riuscire a compensare l’inflazione. Stando a un’indagine di Ubs, a livello nazionale l’incremento salariale dovrebbe attestarsi in media, per il 2018, allo 0,7%. Così, tenuto conto di un’inflazione dello 0,6 per cento, il collaboratore guadagnerebbe lo 0,1 per cento in più. Le buste paga più pesanti dei dipendenti Migros, fa sapere il colosso della distribuzione arancione, sono assegnate a titolo individuale secondo criteri personali, come la funzione ricoperta e la valutazione delle prestazioni, tenendo anche conto delle esigenze strutturali.
Anche per Coop, che ha concluso con il sindacato Syna le trattative per il nuovo contratto di lavoro, i salari aumenteranno solo a titolo individuale. Coop ha pure riconosciuto l’urgenza di estendere il congedo paternità rimunerato. Per il sindacato, "un importante passo nella direzione dell’iniziativa ‘Per un congedo di paternità’, che chiede un congedo pagato di quattro settimane". Resta immutato il diritto del collaboratore a due settimane di congedo non pagato. Buone notizie pure per le neomamme il cui congedo maternità integralmente rimunerato è stato portato a 16 settimane già dal terzo anno di servizio. Infine, l’offerta Child Care di Coop viene iscritta nel contratto di lavoro. In sostanza offre un sostegno finanziario fino a 600 franchi al mese e a figlio ai collaboratori con famiglia monoparentale, se si avvalgono dell’aiuto di terzi per accudire i figli e non superano una determinata soglia salariale.
26.11.2017


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.02.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da martedì 19 febbraio 2019 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14