Migliori condizioni contrattuali per i big della distribuzione
Pausa-bebé parentale
per Migros e Coop
PATRIZIA GUENZI


Fine anno più roseo per i dipendenti di Migros e Coop. Da gennaio 2018 la loro busta paga peserà un po’ di più. Ma i due principali grandi distributori del Paese sono all’avanguardia anche sul fronte del congedo parentale. Coop ha migliorato le condizioni dei neo genitori, la "pausa bebè" si allarga sia per lei che per lui: sino a tre settimane il congedo paternità pagato e aumenta di due settimane quello di maternità integralmente rimunerato. Migros già concede a tutte le madri un congedo di 18 settimane con salario pieno, e durante il primo anno di vita del bambino anche i padri possono beneficiare di un congedo da una a cinque settimane. Tre di queste retribuite al 100%, per le due successive è possibile ottenere un congedo non pagato.
Tornando agli aumenti, Migros ha concordato con le sue parti sociali e contrattuali un aumento della massa salariale compreso tra lo 0.5% e lo 0.9%. Coop pagherà in media l’uno per cento in più del monte salari per aumenti individuali a favore dei collaboratori con salario mensile o orario; almeno due terzi dell’organico dovrebbero beneficiarne. Sempre Coop, congiuntamente ai rappresentanti dei collaboratori, ha annunciato di aver prolungato per altri quattro anni l’attuale contratto collettivo di lavoro che riguarda 37mila dipendenti provenienti da ogni parte del Paese.
Questi aumenti di stipendio dovrebbero riuscire a compensare l’inflazione. Stando a un’indagine di Ubs, a livello nazionale l’incremento salariale dovrebbe attestarsi in media, per il 2018, allo 0,7%. Così, tenuto conto di un’inflazione dello 0,6 per cento, il collaboratore guadagnerebbe lo 0,1 per cento in più. Le buste paga più pesanti dei dipendenti Migros, fa sapere il colosso della distribuzione arancione, sono assegnate a titolo individuale secondo criteri personali, come la funzione ricoperta e la valutazione delle prestazioni, tenendo anche conto delle esigenze strutturali.
Anche per Coop, che ha concluso con il sindacato Syna le trattative per il nuovo contratto di lavoro, i salari aumenteranno solo a titolo individuale. Coop ha pure riconosciuto l’urgenza di estendere il congedo paternità rimunerato. Per il sindacato, "un importante passo nella direzione dell’iniziativa ‘Per un congedo di paternità’, che chiede un congedo pagato di quattro settimane". Resta immutato il diritto del collaboratore a due settimane di congedo non pagato. Buone notizie pure per le neomamme il cui congedo maternità integralmente rimunerato è stato portato a 16 settimane già dal terzo anno di servizio. Infine, l’offerta Child Care di Coop viene iscritta nel contratto di lavoro. In sostanza offre un sostegno finanziario fino a 600 franchi al mese e a figlio ai collaboratori con famiglia monoparentale, se si avvalgono dell’aiuto di terzi per accudire i figli e non superano una determinata soglia salariale.
26.11.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

La bestiale estate
del sovranismo
L'INCHIESTA

"La Svizzera annetta
Campione d'Italia"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nell'era degli ebook
i libri vanno a ruba
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'"altalena" della lira
nella crisi della Turchia
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, luglio 2018
10.08.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 10 agosto 2018 alle ore 11.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
03.08.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico dell'Ufficio di Consulenza tecnica e dei lavori sussidiati [www.ti.ch/consulenza-tecnica]
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Genova:
le esequie
e le polemiche

Austria:
la ministra
si sposa
e invita Putin