Nel Preventivo '18 crescono le uscite ma di più le entrate
Immagini articolo
Lo Stato spendaccione
salvato dalle imposte
CLEMENTE MAZZETTA


Crescono le uscite, aumenta il personale, salgono gli investimenti. Per far funzionare il Cantone nel 2018 saranno necessari 3,7 miliardi di franchi: 65 milioni in più rispetto a quest’anno. Non solo. Anche nei prossimi dodici mesi le spese il personale continueranno a salire: si prevede di spendere un miliardo e 23 milioni, circa 9,5 milioni in più rispetto al 2017. Un’uscita al rialzo anche per gli investimenti: 228 milioni contro gli attuali 217.
Il Ticino è sempre più  cantone della "spesa-continua", cosa non dovrebbero lasciar tranquilli i ticinesi, sui quali pesa un debito pubblico pro capite ormai di 6mila franchi, lattanti e centenari compresi. Le uscite correnti del canton Ticino si stanno assestando attorno ai tre miliardi e mezzo (livello che supereranno nel 2021), mentre il debito pubblico sta sfondando il muro dei due miliardi. Invece questi dati sono visti senza troppa preoccupazione. Tanto che tutti i partiti di governo quest’anno sosterranno convintamente il preventivo che sarà portato in discussione in parlamento nella seconda settimana di dicembre. Anche i socialisti, che avevano protestato per un taglio delle misure di rilancio dell’occupazione e sul sostegno ai disoccupati previsto inizialmente, una volta ottenuto il mantenimento di questa voce (3,2 milioni), lo voteranno.  
Il motivo di questo ampio consenso è dato dal fatto che la costante crescita delle uscite, delle spese, degli investimenti è comunque inferiore a quella delle entrate. In altre parole entrano più soldi di quelli che escono. Il ricavo per imposte, tasse, multe, imposte alla fonte sfiora ormai i due miliardi. Un limite che sarà definitivamente superato nel 2020.  Il ministro delle finanze Christian Vitta sembra riuscito in un compito che solo quattro anni fa era impensabile. Come diceva Napoleone "meglio un generale fortunato che bravo". Se poi le cose coincidono, tanto meglio. Fatto sta che per la prima volta da trent’anni, il bilancio del Cantone si presenta in attivo. Un utile di 7,5 milioni, su cui pesa ancora la spada di Damocle della tassa sui parcheggi (18 milioni), oggetto di ricorso al Tribunale federale, ma che lascia ben sperare. E così recentemente il governo, aggiornando le "linee direttive" fino al 2019, con il presidente del governo Manuele Bertoli ha affermato "che il Cantone può riprendere a progettare il proprio futuro sulla base di presupposti diversi e più solidi".
Ma non bisognerebbe dimenticare che questi "presupposti più solidi", questo bilancio in attivo è stato raggiunto anche grazie a qualche "taglio sociale". Ad esempio, le modifiche alla legge per  l’assegno familiare di prima infanzia (Api) e a quello familiare integrativo (Afi), approvate dal referendum nel febbraio 2017, hanno portato ad un "risparmio" di 2,4 milioni di franchi.

c.m.
03.12.2017


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.02.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da martedì 19 febbraio 2019 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14