Alberto Petruzzella sulle banche svizzere in Italia
Questione di principio
...e di posti di lavoro
ALBERTO PETRUZZELLA, PRESIDENTE DELL'ABT


L’accesso al mercato italiano per le banche svizzere resta un problema irrisolto. Perché le banche non si danno vinte e non accettano la soluzione decisa dall’Italia che prevede l’obbligo di aprire una succursale nel paese per poter operare?
Si tratta, prima di tutto, di una questione di principio. Per le banche ma anche per il nostro Paese. Perché l’Italia, in sede di "road map", si era impegnata a "migliorare l’accesso delle banche svizzere al mercato Italiano", ma poi ha messo in vigore una legge che in realtà questo accesso lo complica e di parecchio. La Svizzera e le banche svizzere hanno fatto quanto pattuito in sede di "road map" e quindi penso sia giusto e importante che l’Italia faccia fronte ai propri impegni.
Questo decreto legge, che impone una succursale sul territorio Italiano per chi vuole accedere al mercato dei servizi finanziari, vale certo per tutti i paesi extraeuropei. Ma con la Svizzera si può trovare un accordo specifico. É quanto l’Italia si era impegnata a fare, è quello che noi chiediamo. Non è vero che Bruxelles non vuole, non è vero che non si può fare: con la Germania un accordo è stato trovato. Pacta sunt servanda, dicevano i latini: gli accordi vanno rispettati. A chi ci dice che la road map non è un accordo vincolante secondo il diritto internazionale, rispondiamo che noi agli accordi ci siamo attenuti e fra paesi amici, fra gentiluomini, gli accordi si rispettano, non si cavilla.
Detto delle questioni di principio (che sono importanti: sono alla base della fiducia reciproca) due parole su quale modello di business vogliamo adottare e perché la succursale in Italia non ci interessa. Quello che la clientela chiede e noi vogliamo offrire è: una banca svizzera, basata in Svizzera,  con collaboratori che in Svizzera risiedono e lavorano. Se per poter operare con la clientela italiana fossimo obbligati ad aprire una succursale in Italia e a spostare i nostri consulenti in Italia finiremmo per offrire qualcosa di diverso e che si differenzia solo marginalmente da quello che le banche italiane (e le banche straniere operanti in Italia) offrono sul territorio.
Infine, ma certamente non meno importante, ne va di molti posti di lavoro pregiati. Se spostiamo a Milano i consulenti, dopo aver centralizzato il back office a Zurigo (se non all’estero) cosa resterà della piazza finanziaria ticinese? Certo, il mercato italiano (pur importantissimo) non è l’unico ma noi siamo e resteremo geograficamente e culturalmente vicini all’Italia e sarebbe importante poter trovare un modo di continuare ad operare con la clientela italiana senza snaturare il nostro modello di business e senza sacrificare molti posti di lavoro. Per questo ci battiamo.
03.12.2017


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.02.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da martedì 19 febbraio 2019 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14