L'economista Sergio Rossi sulle banche svizzere in Italia
Questa è una pretesa
...controproducente
SERGIO ROSSI, ECONOMISTA


Le banche in Ticino pretendono di accedere al mercato italiano senza dover essere presenti nel territorio oltre frontiera. Si tratta di una pretesa irrealizzabile sul piano negoziale, ma soprattutto controproducente per il sistema economico su ciascun lato della frontiera italo-svizzera. Anche se la Commissione europea per delirio d’ipotesi accettasse la pretesa in cambio ad esempio del mantenimento della libera circolazione delle persone tra Ue e Svizzera, non sarebbe ragionevole continuare a raccogliere i capitali a risparmio in Italia per parcheggiarli nei mercati globali, da cui non "sgocciola" granché né in Italia né in Svizzera. Sarebbe invece molto più utile per l’insieme dell’economia italo-svizzera se le banche elvetiche aprissero filiali o succursali nella penisola.
Contrariamente a una cassa di risparmio, in realtà, qualsiasi banca è in grado di aprire linee di credito ai soggetti economici che offrono garanzie sufficienti per indebitarsi, già prima che la banca raccolga i risparmi necessari per finanziare i crediti da essa concessi. Come ben osservò l’economista austriaco Joseph A. Schumpeter, i prestiti concessi dalle banche sono all’origine dei depositi della loro clientela. Nessun deposito bancario può essere creato dal nulla ma risulta dalla linea di credito concessa da una banca a un soggetto economico qualsiasi. Quando si tratta di una impresa che ottiene un credito bancario per pagare i propri costi di produzione, appare un reddito (sotto forma di deposito bancario) che contribuirà alla crescita economica creando occupazione e risorse fiscali per il settore pubblico in una dinamica virtuosa per l’economia e la società. Se le banche in Ticino adottassero una strategia schumpeteriana è facile capire che accederebbero all’economia italiana dal suo stesso territorio in quanto creditori delle imprese anziché debitori a distanza dei risparmiatori privati o istituzionali. In questo modo potrebbero contribuire allo sviluppo economico dell’Italia, con implicazioni positive non solo per le banche in Ticino ma anche per l’economia elvetica attraverso un maggior interscambio commerciale con la penisola. Le analisi economiche mostrano tutte come la prossimità geografica tra due nazioni, a maggior ragione se condividono la stessa lingua, sia il fattore più importante per sviluppare delle relazioni economiche transfrontaliere. In tal caso, ma solo in tal caso, le banche in Ticino potrebbero tornare a prosperare facendo affari con l’Italia in modo sostenibile nel tempo e nello spazio.
L’abbandono forzato del segreto bancario per la clientela non residente in Svizzera costringe gli istituti bancari in Ticino a rivedere la loro strategia, per recuperare un vantaggio competitivo sulle concorrenti nella penisola. Anziché offrire il passaporto elvetico alle persone che dall’Italia vogliono risiedere fiscalmente in Ticino continuando a detenere i risparmi nelle banche svizzere, le autorità politiche dovrebbero incentivare le banche ticinesi a essere presenti nel territorio italiano in quanto erogatrici di credito alle imprese. L’occupazione e le finanze pubbliche nel Ticino ne trarrebbero un beneficio evidente.
03.12.2017


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

La bestiale estate
del sovranismo
L'INCHIESTA

"La Svizzera annetta
Campione d'Italia"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nell'era degli ebook
i libri vanno a ruba
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'"altalena" della lira
nella crisi della Turchia
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, luglio 2018
10.08.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 10 agosto 2018 alle ore 11.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
03.08.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico dell'Ufficio di Consulenza tecnica e dei lavori sussidiati [www.ti.ch/consulenza-tecnica]
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Genova:
le esequie
e le polemiche

Austria:
la ministra
si sposa
e invita Putin