In Germania si chiede maggior flessibilità d'impiego
Immagini articolo
"Otto ore al giorno?
Una formula obsoleta"
STEFANO VASTANO


Ogni anno, prima di Natale, si celebra in Germania un rito particolare. I cosiddetti "5 Saggi", e cioè il "Sachverständigerrat" con i direttori dei 5 più rinomati Istituti di ricerca, consegna al cancelliere un rapporto sullo stato di salute dell’economia tedesca. E le diagnosi di quest’anno nel rapporto dell’istituzione guidata da Christoph Schmidt non potevano essere migliori - specie di questi tempi di crisi politica - per Angela Merkel. "L’economia tedesca - si legge nel rapporto - si trova in una forte ripresa: quest’anno il Pil in Germania crescerà del 2 per cento, e per il 2018 la crescita sarà del 2,2 per cento. Non solo le esportazioni del ‘made in Germany’, anche i consumi danno impulsi all’economia. Eppure - avvertono gli esperti - la locomotiva tedesca rischia di ‘surriscaldarsi’ ed è quindi ora che in Germania si passi, a più flessibilità tra datori di lavoro e dipendenti sull’orario di lavoro".
Apriti cielo. Un tabù quotidianamente osservato, quello delle 8 ore di lavoro, per un massimo settimanale di 48 ore e con (un minimo) di 11 ore di pausa tra una giornata e l’altra, è stato così messo in crisi dal verdetto dei "5 Saggi". Certo, nell’era digitale i tempi e modi di lavoro, anche nel Paese della Merkel, sono comunque cambiati. "L’idea che la giornata di lavoro inizi la mattina in ufficio e finisca la sera uscendo dall’azienda - ha spiegato Christoph Schmidt - è oggi obsoleta". "Oggi" significa che ogni dipendente, prima e dopo delle canoniche 8 ore, sia la mattina in autobus o la sera a casa sbriga ancora mail o telefonate di lavoro. "Le nostre imprese - continua Schmidt - dovrebbero avere la sicurezza di non infrangere leggi se un dipendente partecipa la sera a una video-conferenza o a colazione già legge mail di lavoro".
Il consiglio che i Saggi danno (al prossimo) governo della Merkel è dunque quello di rendere più flessibile, ma nel tetto delle 48 ore settimanali, non solo i ritmi giornalieri di lavoro, "ma di poter anche ridurre le pause di 11 ore tra una giornata e l’altra". La risposta, chiaramente indignata, da parte del Dgb, la potente confederazione dei sindacati, non s’è fatta attendere. Se ancora credono che nella Germania del 2017 si rispetti il ritmo delle 8 ore, "vuol dire che i Saggi - è intervenuto Rainer Hoffmann, presidente del Dgb - hanno perso il contatto con la realtà". E ciò per il semplice motivo che nelle imprese "valgono da tempo orari, contratti e tariffe, precisa il sindacalista, che offrono tutta una serie di modelli di lavoro e flessibilità". In effetti, solo nel 2016 i dipendenti tedeschi hanno accumulato - secondo i calcoli del Dgb - un monte di 1,8 miliardi di straordinari: "La metà dei quali - puntualizzano gli esperti del Dgb - non pagati". Anche l’agenzia del lavoro Sthree di Francoforte ha scattato una fotografia più che elastica della Germania del 2017: il 34% dei dipendenti già oggi distribuisce come vuole l’orario di lavoro.
Il 53% accumula straordinari. E il 71% lavora anche se malato (il 42% dichiarando che altrimenti non potrebbe sbrigare tutti i compiti). "La flessibilità di cui abbiamo bisogno - sintetizza Hoffmann - è a favore dei dipendenti, ne conteggi in modo più preciso ore di lavoro e straordinari". Nonché quelle ore che i dipendenti già oggi svolgono "online", al di fuori di uffici e tariffe ufficiali. Inoltre, a proposito di flessibilità diffuse, i sindacati premono anche nell’agevolare il ritorno del dipendente al tempo-pieno dopo un periodo part-time. Da parte loro, sia il Bdi che il Bda, le due associazioni degli imprenditori e datori di lavoro, insistono sia nello spuntare una flessibilità maggiore nell’arco della settimana, che per ridurre dalle attuali 11 a 9 ore la pausa tra i due giorni di lavoro. "In un mondo globalizzato - è il parere di Clemens Fuest, direttore del prestigioso Ifo di Monaco - c’è bisogno di regole più flessibili".
Per quale dei due concetti di "flessibilità" opterà la Merkel? Durante le consultazioni per il cosiddetto "governo-Jamaika", la Cdu e Csu e soprattutto i liberali della Fdp si erano apertamente schierati a favore della proposta dei 5 Saggi. Ma quelle consultazioni notoriamente sono fallite, e adesso l’unica possibilità per la Kanzlerin di formare un nuovo governo è puntare a  una coalizione con la Spd.
E i socialdemocratici, si sa, sono da sempre dalla parte dei sindacati, e per una flessibilità sul lavoro che non sfrutti e stressi ulteriormente i dipendenti.
10.12.2017


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.02.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da martedì 19 febbraio 2019 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14