Chieste regole più flessibili nell'amministrazione cantonale
Immagini articolo
Funzionari a ritmo
di "job sharing"
MAURO SPIGNESI


Serve più flessibilità se si vuole che anche le donne, o i papà con figli piccoli, riescano ad accedere ai vertici dell’amministrazione statale. E una strada da imboccare potrebbe essere quella di "abrogare la soglia minima dell’80% per l’occupazione delle funzioni dirigenziali". Lo ha scritto nero su bianco la Commissione della gestione e delle finanze nel suo rapporto finale sull’iniziativa parlamentare per modificare la legge sull’ordinamento degli impiegati statali, sollecitando un nuovo articolo che introduca regole più duttili e moderne.
Far cadere il muro dell’80%, inoltre, potrebbe consentire di condividere la responsabilità di un incarico a capo di importanti uffici pubblici con due direttori, magari uno al 60% e l’altro al 40%.  Un’idea, questa del "job sharing" con griglie orarie più elastiche, che fa parte di un articolato "pacchetto" come congedi per malattia e paternità, per "una politica di sostegno alla conciliabilità tra vita professionale e familiare".
Ma sul limite del tempo parziale  il Consiglio di Stato ha già detto no preliminarmente, spiegando che "la normativa permette già una deroga". La parola passa al Gran consiglio.
"In realtà – spiega il capo Sezione risorse umane dell’amministrazione cantonale Daniel Fischbach - la soglia minima dell’80% per l’occupazione di funzioni dirigenziali è già possibile attraverso appunto deroghe previste dall’attuale normativa. Peraltro nell’amministrazione ci sono già alcuni di questi casi, anche se sono pochi. Non è escluso in futuro che, se qualcuno lo chiedesse, possano aumentare, naturalmente se ci saranno le condizioni". Secondo Fischbach, invece, "il discorso sulla possibilità di condividere la responsabilità di un ufficio tra due dirigenti a tempo parziale è diverso. Perché questa soluzione andrebbe a incidere sull’organizzazione del lavoro, che bisognerebbe rivedere".
In altri Paesi europei, come la Germania (vedi articolo sotto) si promuove la filosofia del  "diversity manager", e si vogliono sperimentare forme di flessibilità, facendo cadere il tabù delle 8 ore lavorative classiche adeguando i ritmi di lavoro ai tempi della digitalizzazione nell’amministrazione pubblica, in Ticino la proposta divide. Eppure il Gran consiglio, approvando la nuova legge sugli stipendi dei dipendenti statali, aveva puntato in questa direzione promuovendo una "gestione per obiettivi" da raggiungere per il funzionario dirigente piuttosto che una sua presenza costante in ufficio. "Detto in soldoni - ha scritto il relatore della commissione gestione e finanze, il plrt Nicola Pini - orientamento alla conduzione e ai risultati piuttosto che il semplice presidenzialismo".
"Non so, questa iniziativa mi pare molto teorica e francamente non capisco quanto poi possa realmente incidere", spiega Raoul Ghisletta, segretario cantonale del sindacato dei servizi pubblici e sociosanitari (Vpod). "Il ruolo del dirigente - aggiunge Ghisletta - oggi è cambiato. Da lui si pretende molto. Ma soprattutto deve essere un interlocutore sempre presente per dare risposte ai collaboratori. E dunque non so immaginare una responsabilità condivisa tra due funzionari". Sui problemi sollevati da Ghisletta, la commissione in realtà è stata chiara: "L’importanza della presenza e del contatto con i collaboratori non può essere negata e sottovalutata per un dirigente, ma neppure considerata come l’unico metro di conduzione e valutazione o l’unica ragione di rispetto, capacità e autorevolezza".  
Dunque la commissione insiste chiedendo più flessibilità. E facendo presente che nelle 254 funzioni dirigenti, solo 39 registrano una presenza femminile. "Se l’idea della commissione - aggiunge ancora Raoul Ghisletta - è quello di offrire la possibilità a sempre più donne di arrivare ai vertici dell’amministrazione statale, secondo me sarebbe meglio puntare maggiormente ai servizi sociali di base per le famiglie. Come ad esempio più asili nido a costi accessibili e doposcuola, oltre che congedi condivisi tra papà e mamma".

m.sp.
10.12.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

I figli della provetta
compiono 40 anni
L'INCHIESTA

"La Svizzera annetta
Campione d'Italia"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La sfida masochista
dei partiti di sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il populismo di Erdogan
sulla strada per l'Islam
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
10.08.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 10 agosto 2018 alle ore 11.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
03.08.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico dell'Ufficio di Consulenza tecnica e dei lavori sussidiati [www.ti.ch/consulenza-tecnica]
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Romania:
scontri e feriti
nel corteo
anticorruzione

La Nasa
lancia "Parker",
la sonda
verso il Sole