Ogni giorno chiudono tre aziende, ecco come e perchè
Immagini articolo
"Solo il bio salverà
la nostra agicoltura"
ANDREA STERN


A livello nazionale ne chiudono tre al giorno, in Ticino circa due al mese. E l’ecatombe di aziende agricole non si arresta. A fine 2016 in Ticino se ne contavano 1.107, rispetto alle 1.130 di fine 2015 e alle 1.145 di fine 2014. A titolo di paragone, nel 2000 erano ancora 1.508 e nel 1990 addirittura 2.217. "È un po’ quello che vuole il Consiglio federale, anche favorendo l’apertura dei mercati", commenta il segretario dell’Unione contadini ticinesi, Sem Genini. "Vuole - aggiunge - strutture più grandi. E quindi i piccoli agricoltori fanno fatica, finché non decidono di chiudere".
La speranza di rilancio del settore arriva da chi viaggia in controtendenza, e ha imboccato la strada del biologico. Qui si è passati dalle 24 aziende del 1990 alle 85 del 2000, poi alle 108 del 2010 fino alle 134 del 2016. Tra chi ha abbracciato di recente questo tipo di agricoltura che rinuncia all’utilizzo di prodotti chimici c’è anche il presidente dell’Unione contadini ticinesi (Uct), Roberto Aerni, proprietario di una fattoria a Gordola. Il primo anno di agricoltura bio, dichiara Aerni al Caffè, "è andato meglio di quello che avrei pensato. Certo, siamo stati favoriti dal meteo, dal caldo e dalle poche precipitazioni, perché non usando chimica il problema principale sono le malerbe. Il bilancio è positivo e posso dire che non cambieremo più. Anzi, mi dispiace di non aver cambiato prima".
Aerni, poi, spiega di non aver mai avuto piacere ad usare la chimica, ma che una volta il biologico era una strada per imprenditori alternativi, per coraggiosi. "Oggi invece è più facile sia a livello di consulenza che economico, visto che questo mercato si è ampliato e si prendono più aiuti diretti. Conosco però contadini che dopo essere passati al biologico sono tornati all’agricoltura tradizionale, a causa delle regole rigorose e dei controlli incisivi. Hanno ricevuto penalità per cose che possono sembrare futili e hanno quindi deciso di tornare sui loro passi".
Uno dei pionieri del biologico in Ticino, Renzo Cattori, conferma che questo tipo di agricoltura non può essere applicato a tutte le aziende. "Vale la pena - dice - per i grandi, quelli che possono vendere i loro prodotti alla grande distribuzione, ma per i piccoli, che ne sono tagliati fuori, non è economicamente interessante". Trentun anni fa, quando l’agricoltore di Cadenazzo decise di passare al bio, anche lui incontrò non poche difficoltà. "Lo feci - racconta Cattori - per motivi morali, non economici. Ma appena cambiai, il supermercato di cui ero fornitore decise di interrompere la collaborazione. Allora era un’avventura perché i commercianti non accettavano i prodotti bio. Oggi invece sono loro stessi a promuoverli, ben più dei prodotti tradizionali".
L’unico aspetto critico, secondo Cattori, è che sempre più spesso si vogliono prodotti perfetti esteticamente. "Quello che è un po’ peggiorato - afferma - è che i supermercati trattano il bio come il tradizionale, quindi non accettano nessun difetto. Poi dall’altra parte vogliono vendere gli hamburger di vermi".
Provocazioni a parte, il biologico continua a tirare. Ma ancora di più, secondo la presidente dell’Associazione consumatrici della Svizzera italiana (Acsi) Evelyne Battaglia-Richi, vi è un’altra nicchia che sta prendendo piede in Ticino, quella del chilometro zero. "Chi è attento al bio è attento anche all’origine dei prodotti - afferma - spesso tra i criteri di scelta prevale quindi la conoscenza del coltivatore rispetto a un marchio che, specialmente se il prodotto arriva dall’estero, non per forza è sinonimo di qualità".

a.s.
14.01.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Sgravi fiscali per tutti
con un taglio del 5%
L'INCHIESTA

L'estate al museo
con 100mila visitatori
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nelle città turistiche
non si santifica la festa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I missili non aiutano
la Siria senza pace
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
24.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

"Florence"
declassato
ma vittime
e danni

Città del Messico:
sparatoria
in pieno centro,
morti e feriti