Le sfide della Svizzera secondo l'economista Sergio Rossi
L'economia globale
e radicata nel territorio
SERGIO ROSSI, ECONOMISTA UNIVERSITÀ DI FRIBURGO


L’economia elvetica è generalmente classificata tra quelle più competitive nell’ambito della globalizzazione. Ciononostante, il sistema economico svizzero deve affrontare un numero importante di problemi ampiamente interconnessi sia sul piano nazionale sia su quello mondiale.
Le criticità rivelate dalla crisi finanziaria globale scoppiata nel 2008 hanno evidenziato le difficoltà di mantenere la competitività di svariate attività in Svizzera, a seguito della forza del franco, dei crescenti processi di digitalizzazione e deindustrializzazione, e della necessità di ristrutturare e riorientare le attività sulla piazza finanziaria elvetica.
L’elenco delle sfide del sistema-paese svizzero è lungo. Alcune di esse sono essenziali per la sua sostenibilità: l’invecchiamento della popolazione (e l’immigrazione indotta, cui molti si oppongono); l’impossibilità di finanziare le assicurazioni sociali con i soli redditi da lavoro, quando la situazione nel mercato del lavoro e la robotizzazione delle attività economiche per ottenere il massimo profitto comprimono gli stipendi del ceto medio della popolazione, facendo dilagare le forme atipiche del lavoro (sottoimpiego, precariato e lavoro gratuito); la concorrenza fiscale intercantonale o internazionale che riduce le risorse fiscali dello Stato, quando la spesa pubblica dovrebbe aumentare allo scopo di sostenere l’insieme dell’economia; le grandi disparità intercantonali che sono accentuate dall’affievolirsi del federalismo; l’insostenibilità dei regimi pensionistici a seguito della crisi finanziaria globale e dell’indebolimento della solidarietà, che è uno dei principi costitutivi della Svizzera.
Il tentativo di resistere alla globalizzazione da parte di alcune forze politiche sul piano cantonale e nazionale rivela l’esistenza di un crescente processo di trasferimento della sovranità dalla politica all’economia, dallo Stato nazionale a organismi multilaterali transnazionali e dal settore pubblico a quello privato. Ciò limita sempre più il servizio pubblico in ambiti importanti (ferrovie, poste, telecomunicazioni, cure sanitarie, radio e televisione), che sono stati un cardine dell’efficienza del sistema-paese svizzero e della sua coesione nazionale.
Un’economia globale senza radicamento nella comunità territoriale non riuscirà mai a contribuire al bene comune. L’economia, anche se è globalizzata, non può essere fine a se stessa, ma deve fare parte della vita di ognuno e soddisfarne i bisogni senza arrecare danno alla società o all’ambiente. Si tratta della più grande sfida del ventunesimo secolo e il sistema-paese svizzero deve saperla cogliere in modo da contribuire al bene comune abbandonando l’autoreferenzialità del sistema istituzionale. La popolazione merita delle risposte coraggiose, intelligenti e lungimiranti.
21.01.2018


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Troppi negozi chiusi,
ogni mese 5 in meno"
L'INCHIESTA

La "bolla integralista"
cresce nelle carceri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Sparate leghiste
da ignorare sempre
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una politica assente
per il business migranti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.
06.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2018
01.06.2018
In occasione della "Settimana europea per lo sviluppo sostenibile", in programma dal 30 maggio al 5 giugno 2018, il Dipartimento del territorio (DT) ha aggiornato le pagine del proprio sito tematico, mettendo in evidenza attività e progetti promossi in collaborazione con i numerosi partner [www.ti.ch/sviluppo-sostenibile]
30.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile e primo trimestre 2018
29.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile e primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Macron
ipoteca
il mini vertice
europeo

Bosnia-Erzegovina:
la rotta dei migranti
al confine
con la Croazia