I "buchi" accumulati dai Paesi europei e il record italiano
Immagini articolo
E ora rimetti a noi...
i nostri debiti pubblici
LORETTA NAPOLEONI


Il problema del debito pubblico italiano è strutturale. Su questo punto un po’ tutti, anche l’Unione Europea, sono d’accordo. Basta dare un’occhiata ai numeri per accorgersene. L’accumulo inizia nel lontano 1897, a seguito degli effetti della grande depressione della fine del secolo diciannovesimo. Improvvisamente il debito sale al 117 per cento del Pil. Un valore alto, che il Paese si trascina appresso fino alla fine della seconda guerra mondiale. Grazie all’aiuto di condoni ed inflazione il debito scende per poi iniziare a risalire nel 1974, con la crisi petrolifera fino ad arrivare al 124,3 per cento nel 1994. Da allora l’Italia convive con un debito alto e spesso ingestibile.
L’effetto negativo del debito negli ultimi vent’anni è sulla crescita, la frena, la rende a volte impossibile. L’Italia è l’unica nazione dell’eurozona che non è riuscita a far ripartire la propria economia dal crollo dei mercati finanziari del 2007-2008, senza parlare della crisi del debito sovrano del 2011.
A questo punto è chiaro che le politiche applicate fino ad oggi non funzionano, in primis quella dell’austerità promossa da Bruxelles dal 2011 ad oggi, quindi l’idea di ridurre il debito non è sbagliata, anzi sembra l’unica via d’uscita per la terza economia di Eurolandia. Sulla carta tutte le tecniche suggerite dalla coalizione Movimento 5 Stelle e Lega potrebbero funzionare, inclusa la riduzione "contabile" del debito pari a 250 miliardi di euro con l’ausilio della Bce. Il vero problema sono i mercati. Questi hanno sottoscritto un contratto tacito con Bruxelles secondo il quale la zona euro deve funzionare secondo alcune regole, ad esempio il divieto della banche centrali di finanziare il debito pubblico degli stati o i vincoli di bilancio applicati a tutti i membri. La rottura di tale contratto da parte di qualsiasi stato membro, basta ricordare la crisi della Grecia nel 2011-2012, farebbe crollare la fiducia dei mercati nei confronti dell’eurozona e mettere a nudo le contraddizioni strutturali di tutta questa costruzione.
Il nodo da sciogliere è questo e non saranno certo i regimi populisti europei a riuscirci perché la finanza non si è mai fidata del populismo. La remissione del debito non è il vero problema. Nella storia ci sono molti esempi che illustrano questo concetto. Nel libro "Questa volta è diverso. Otto secoli di follia finanziaria", Carmen Reinhart e Kenneth Rogoff  ripercorrono la storia dei fallimenti statali facendo notare che la ristrutturazione del debito o la sua cancellazione sono parte integrante delle grandi crisi finanziarie. E questo spiega perché l’unico paese che pagò tutte le riparazioni di guerra dopo la prima guerra mondiale fu la Finlandia e perché’ nel 1953 si decise di abolite tutto il debito esteriore della Germania, si trattò di cancellare l’equivalente del 284 per cento del Pil tedesco dal 1947 al 1953.
Fino ad ora l’Italia è riuscita a gestire il proprio debito pubblico usando i marchingegni ideati dalla Bce. Le banche italiane vendono i titoli del debito pubblico e la Bce li compra, tanto per avere un’idea nell’ultimo trimestre del 2017 gli istituti di credito italiani hanno ceduto 40 miliardi di euro. Ma la Bce ha dichiarato che tra meno di un anno smetterà di acquistare questi titoli, a quel punto si porrà il problema di come servire il debito. Quindi, in un orizzonte non troppo lontano, il debito italiano potrebbe mettere a repentaglio la salute dell’eurozona esattamente come avvenne con la Grecia.
Dato che non ci troviamo ancora con l’acqua alla gola, il nuovo governo potrebbe insediarsi ed iniziare le negoziazioni con calma. Perché’ non ha scelto questa strada?
La risposta è semplice, per implementare le riforme promesse, reddito di cittadinanza e flat-tax, ha bisogno di poter far gravitare almeno nel breve periodo il debito pubblico e quello di bilancio. Gli servono dai 100 ai 200 miliardi di euro ed i vincoli dell’eurozona glielo impediscono. La strada scelta del confronto diretto con Bruxelles è dunque l’unica praticabile, a meno che… a meno che non si rimandino le riforme ad una data non ben specificata, il che equivale a dire che verranno abbandonate. Ma questo significherebbe perdere una grossissima fetta dell’elettorato, non sarebbe la prima volta che tutto ciò succede in Italia.
27.05.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur