I "senza lavoro"  calano e per le imprese iniziano i problemi
Immagini articolo
Disoccupati al minimo,
manodopera introvabile
LIBERO D'AGOSTINO


Sarà l’effetto dell’economia mondiale che ha ripreso a crescere, sarà per il cambio tra franco-euro più equilibrato che ha favorito l’industria delle esportazioni, fatto sta che la disoccupazione in Ticino è oggi ai minimi storici.  Di mese in mese il grafico della Seco, la Segretaria di Stato dell’economia, è precipitato in basso, segnando nell’aprile scorso addirittura un tasso del 2,8% (4.705 senza lavoro) che riporta il cantone al ruggente inizio del 2000, quando il sistema produttivo aveva ripreso a girare a pieno regime dopo la pesante crisi degli anni ‘90. Insomma, si è ormai ad un livello tale di disoccupazione per cui sarà sempre più difficile trovare sul mercato del lavoro locale la manodopera necessaria alle imprese.
Tanto più che secondo le stime dell’Ire, l’Istituto di ricerche economiche, nel terzo trimestre dell’anno il tasso dei senza lavoro dovrebbe scendere ancora, attestandosi al 2,6% nelle statistiche della Seco. Che la si misuri con i parametri della  Seco  o  con quelli dell’Ilo, l’Organizzazione internazionale del lavoro, la disoccupazione in Ticino è in picchiata. Già da mesi si segnalano difficoltà per le aziende nel trovare personale, in particolare profili specializzati in diverse attività industriali, nella logistica avanzata, nella farmaceutica dove, ad esempio, mancano tecnici di laboratorio, e nel commercio delle materie prime, uno dei settori emergenti dell’economia cantonale.
Potrebbe essere questo il tallone d’Achille per lo sviluppo futuro del Ticino, che con lo 0,9% ha un tasso di  crescita annua della popolazione al di sotto della media nazionale e una percentuale di anziani molto più elevata rispetto al resto della Svizzera. Un cantone, inoltre, dove da un decennio almeno si tenta in tutti i modi di ostacolare l’assunzione di lavoratori frontalieri di cui l’economia ha, invece, sempre più bisogno.
Dal 2005 al 2016 l’occupazione in Ticino è aumentata del 24% come ha evidenziato il recente studio commissionato dalla Camera di commercio all’istituto di analisi  Bak Economics. Ben 45mila nuovi posti di lavoro distribuiti tra 18mila residenti e 27mila nuovi frontalieri di cui le aziende evidentemente non possono fare a meno. C’è da chiedersi, infatti, dove le imprese ticinesi avrebbero potuto trovare questi 27mila dipendenti su un mercato del lavoro che tra disoccupati in senso stretto e cercatori d’impiego (ossia lavoratori registrati negli uffici di collocamento ma non immediatamente occupabili) non supera le 15mila persone.
L’economia del cantone in questi ultimi anni è cresciuta, il sistema produttivo con le sue 32.574 aziende si è diversificato, le esportazioni hanno registrato un ottimo rilancio, innescando così un forte aumento dell’occupazione.  Dati incontrovertibili che si scontrano però con un dibattito politico che continua ad essere dominato da una presunta emergenza lavoro. "Dire che l’economia ticinese cresce è un reato politico" ricordava qualche settimana fa l’ex ministro delle Finanze Marina Masoni all’assemblea dell’associazione Ticinomoda di cui oggi è presidente.
Certo, oltre alla ripresa dell’economia mondiale e ad un cambio franco-euro meno penalizzante, al calo della disoccupazione hanno contribuito anche altri due fattori. Come ha spiegato Moreno Baruffini dell’Ire, commentando i dati di aprile sul mercato del lavoro, hanno pure inciso l’attività più mirata  degli uffici regionali di collocamento nel reinserimento dei disoccupati e la maggiore sensibilità delle aziende nell’assunzione di residenti. Ma le imprese hanno ormai raschiato il fondo del barile con la manodopera locale.

l.d.a.
03.06.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14