L'economia nella normalità, ora basta misure speciali
Immagini articolo
"L'orario ridotto
ci ha salvati, ma..."
CLEMENTE MAZZETTA


Le prospettive sono buone. Il tasso di cambio franco/euro è rientrato entro parametri accettabili. Tutti gli indicatori economici sono positivi, a partire dall’occupazione", dice Glauco Martinetti. Il presidente della Camera di commercio considera positiva anche la recente decisione del Segreteria di Stato dell’economia  (Seco) di ritenere le eventuali perdite per la fluttuazione del cambio del franco un "normale rischio dell’azienda", non più utilizzabili per richiedere l’orario ridotto, come era stato possibile dal gennaio del 2015. "Quella mezza catastrofe che ci si poteva attendere dopo l’abbandono della difesa del cambio fisso da parte della Banca nazionale, non c’è stata. Ma in questi tre anni l’industria ticinese ha dovuto stringere i denti, abbassando i listini anche del 20%, se non del 25% per restare competitivi sul mercato estero".
Il Ticino dal 2015 ha perso oltre un milione di ore di lavoro: un  centinaio le imprese che hanno fatto ricorso all’orario ridotto, fenomeno che ha interessato nel complesso oltre duemila lavoratori e che si può considerare come l’effetto reale sull’industria ticinese causato dal "franco forte", dopo l’abbandono della difesa del cambio fisso di 1,2 per 1 euro della Bns.  
Un effetto molto meno pesante rispetto alla crisi del 2008/2009. Allora in un solo anno in 200 aziende si persero 3,6 milioni di ore di lavoro. Oggi il cambio del franco, che era sceso quasi alla parità, è risalito a valori quasi "normali" oscillando fra l’1,17 e l’1,20. Più o meno il tasso del 2014. "Una normalità che fa ben sperare - aggiunge Martinetti –. Ma se le turbolenze del cambio si sono calmate ci sono ancora forti incognite, soprattutto legate a quel che succederà politicamente in Italia. Se a causa delle nuove decisioni del governo italiano, che suscita preoccupazioni negli Usa e anche in Europa, si arrivasse ad un crollo dell’euro, il franco svizzero ritornerebbe ad essere un bene rifugio per i capitali. E saremmo di nuovo daccapo".
La super valutazione del franco aveva penalizzato fortemente alcuni settori economici chiave del Ticino: l’industria, il turismo e il commercio al dettaglio.  "L’industria per restare competitiva ha dovuto ridurre gli utili, rinviando anche molti investimenti. Tenendo però l’occupazione. I problemi non sono dunque tutti risolti, visto poi che il franco forte ha messo in ginocchio il settore del commercio. Una vera e propria mazzata  - precisa Martinetti –. Basti pensare che gli acquisti all’estero dopo l’abbandono del cambio fisso sono rapidamente  schizzati da otto a 13 miliardi".  Settore commerciale a parte, a tre anni dall’abbandono della soglia minima di cambio franco/euro, la crisi pare archiviata.  Anche se qualche economista segnala una "certa fragilità" della ripresa  (vedi le dichiarazioni sotto di Sergio Rossi).  Le previsioni parlano di una crescita del prodotto interno lordo (Pil) della Svizzera del 2,2% per il 2018.  Chi  temeva per la decisione della Bns, la distruzione di posti di lavoro, è stato smentito.  "Attualmente in Ticino la disoccupazione è ai minimi storici. In questi anni, nè la crisi finanziaria, neppure quella del turismo hanno impedito  all’economia cantonale di crescere in modo costante", conclude Martinetti.
Pur non sottovalutando le difficoltà  del cantone cita uno studio dell’Istituto Bak Economics che segnala la costante crescita economica in Ticino negli ultimi 15 anni. Notevolissima soprattutto se la si confronta con quella italiana, termine di paragone naturale.

c.m.
17.06.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Sgravi fiscali per tutti
con un taglio del 5%
L'INCHIESTA

L'estate al museo
con 100mila visitatori
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nelle città turistiche
non si santifica la festa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I missili non aiutano
la Siria senza pace
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

"Florence"
declassato
ma vittime
e danni

Città del Messico:
sparatoria
in pieno centro,
morti e feriti