L'economia nella normalità, ora basta misure speciali
Immagini articolo
"L'orario ridotto
ci ha salvati, ma..."
CLEMENTE MAZZETTA


Le prospettive sono buone. Il tasso di cambio franco/euro è rientrato entro parametri accettabili. Tutti gli indicatori economici sono positivi, a partire dall’occupazione", dice Glauco Martinetti. Il presidente della Camera di commercio considera positiva anche la recente decisione del Segreteria di Stato dell’economia  (Seco) di ritenere le eventuali perdite per la fluttuazione del cambio del franco un "normale rischio dell’azienda", non più utilizzabili per richiedere l’orario ridotto, come era stato possibile dal gennaio del 2015. "Quella mezza catastrofe che ci si poteva attendere dopo l’abbandono della difesa del cambio fisso da parte della Banca nazionale, non c’è stata. Ma in questi tre anni l’industria ticinese ha dovuto stringere i denti, abbassando i listini anche del 20%, se non del 25% per restare competitivi sul mercato estero".
Il Ticino dal 2015 ha perso oltre un milione di ore di lavoro: un  centinaio le imprese che hanno fatto ricorso all’orario ridotto, fenomeno che ha interessato nel complesso oltre duemila lavoratori e che si può considerare come l’effetto reale sull’industria ticinese causato dal "franco forte", dopo l’abbandono della difesa del cambio fisso di 1,2 per 1 euro della Bns.  
Un effetto molto meno pesante rispetto alla crisi del 2008/2009. Allora in un solo anno in 200 aziende si persero 3,6 milioni di ore di lavoro. Oggi il cambio del franco, che era sceso quasi alla parità, è risalito a valori quasi "normali" oscillando fra l’1,17 e l’1,20. Più o meno il tasso del 2014. "Una normalità che fa ben sperare - aggiunge Martinetti –. Ma se le turbolenze del cambio si sono calmate ci sono ancora forti incognite, soprattutto legate a quel che succederà politicamente in Italia. Se a causa delle nuove decisioni del governo italiano, che suscita preoccupazioni negli Usa e anche in Europa, si arrivasse ad un crollo dell’euro, il franco svizzero ritornerebbe ad essere un bene rifugio per i capitali. E saremmo di nuovo daccapo".
La super valutazione del franco aveva penalizzato fortemente alcuni settori economici chiave del Ticino: l’industria, il turismo e il commercio al dettaglio.  "L’industria per restare competitiva ha dovuto ridurre gli utili, rinviando anche molti investimenti. Tenendo però l’occupazione. I problemi non sono dunque tutti risolti, visto poi che il franco forte ha messo in ginocchio il settore del commercio. Una vera e propria mazzata  - precisa Martinetti –. Basti pensare che gli acquisti all’estero dopo l’abbandono del cambio fisso sono rapidamente  schizzati da otto a 13 miliardi".  Settore commerciale a parte, a tre anni dall’abbandono della soglia minima di cambio franco/euro, la crisi pare archiviata.  Anche se qualche economista segnala una "certa fragilità" della ripresa  (vedi le dichiarazioni sotto di Sergio Rossi).  Le previsioni parlano di una crescita del prodotto interno lordo (Pil) della Svizzera del 2,2% per il 2018.  Chi  temeva per la decisione della Bns, la distruzione di posti di lavoro, è stato smentito.  "Attualmente in Ticino la disoccupazione è ai minimi storici. In questi anni, nè la crisi finanziaria, neppure quella del turismo hanno impedito  all’economia cantonale di crescere in modo costante", conclude Martinetti.
Pur non sottovalutando le difficoltà  del cantone cita uno studio dell’Istituto Bak Economics che segnala la costante crescita economica in Ticino negli ultimi 15 anni. Notevolissima soprattutto se la si confronta con quella italiana, termine di paragone naturale.

c.m.
17.06.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

I matrimoni politici
impossibili (o quasi)
L'INCHIESTA

Il bluff della canapa light
in 5 minuti diventa droga
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Gli affari d'amore
non si fanno in banca
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Trump con i tassi bassi
sogna d'essere Reagan
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra senza confini
dei "mercenari killer"
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
07.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 novembre prossimo
26.10.2018
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2017 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
26.10.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da sabato 27 ottobre 2018 alle ore 8:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
24.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 5 novembre 2018.
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Atene: scontri
alle celebrazioni
per la Rivolta
del Politecnico

CIA:
il principe saudita
ha fatto uccidere
Khashogggi