Avenir Suisse spiega come potrebbe cambiare il Paese
Immagini articolo
Nel 2030 saremo così,
sei scenari per il futuro
MAURO SPIGNESI


Come andrà a finire nessuno lo sa. Perché è vero che il futuro è nelle nostre mani, è legato alle nostre scelte, ma oggi più di ieri è condizionato da ciò che ci gira attorno, da una società che muta sempre più rapidamente con virate brusche, spesso inattese. E dunque come sarà la Svizzera nel 2030, che strade avrà imboccato? Sarà sempre un piccolo Paese capace di conservare una invidiabile stabilità politica, dare una impronta di diversità, mantenere un benessere sostenuto da una rara etica del lavoro e dalla fantasia dei suoi imprenditori? Se lo è chiesto il "think tank" Avenir Suisse, che ha provato a tratteggiare sei possibili scenari per il futuro prossimo. E li ha racchiusi in un "Libro bianco" per stimolare una riflessione su chi siamo e cosa vogliamo diventare. "Si tratta di scegliere tra l’apertura e la chiusura identitaria, tra soluzioni prettamente giuridiche e scelte alternative che implicano un cambiamento di prospettiva", spiega Marco Salvi, economista di Avenir Suisse e uno degli autori del "Libro bianco", che si apre con una citazione di Friedrich Dürrenmatt: "Il possibile è quasi infinito, il reale rigorosamente limitato".
Ma quali sono i sei scenari? Si parte dal primo, ipotizzando una Svizzera che si ripiega su se stessa, scegliendo una strada solitaria. Si passa poi a un’altra scelta, quasi uno strappo per disegnare un Paese oasi globale. Il terzo scenario invece riporta a una Confederazione che diventa quasi un piccolo club nel cuore dell’Europa. Tre possibilità, tre idee reali, molto legate a quanto sta emergendo, alle indicazioni affiorate in questi anni. Tre scenari che tuttavia non piacciono ad Avenir Suisse che ne disegna altrettanti. Si parte da una Svizzera che punta molto al partenariato sociale e sostenibile, per passare a uno Stato che si converte alla normalità europea, sino ad arrivare a quella che Marco Salvi, che ha curato questo capitolo, chiama "la via scandinava", che offre pro e contro, da valutare attentamente.
Prosperità, dinamicità, capacità di mantenere equilibri politici, uno stato sociale e una sanità d’eccellenza, salari dignitosi capaci di ridistribuire benessere attraverso spese e investimenti delle famiglie. Questa è la cornice attorno alla quale bisogna ragionare. La deriva invece, contenuta nei primi tre scenari descritti quasi didascalicamente nel "Libro bianco", porterebbe a una chiusura, al blocco di un Paese che invece con l’export ha fatto la sua fortuna. Secondo Avenir Suisse soltanto una maggiore interazione con l’Europa che circonda la Confederazione anche geograficamente, la caduta in senso liberale di molte barriere, le riforme ferme del cassetto da anni o bocciate dal popolo (come l’imposizione delle imprese, la riforma delle pensioni, gli accordi istituzionali con l’Ue), possono stimolare una svolta positiva.
"E il Ticino, che pure ha sue specificità, non è immune da queste ricette. Perché - spiega ancora Salvi - a lungo termine scelte come il protezionismo possono offrire vantaggi ma alla lunga portano soltanto impasse, un rallentamento dei business, un inceppamento progressivo dello sviluppo".
Il primo scenario del libro bianco parla di "ripiegamento autonomo" e ipotizza una Svizzera che imbocca la strada in solitaria. Dice no agli accordi bilaterali, chiude con Schengen, taglia i rapporti con l’Europa. Ma si trova isolata, meno attrattiva per investitori e possibili partner economici. Più ombre che luci anche nel secondo scenario, "oasi globale". Dove si tratteggia un futuro senza Ue, con più privatizzazioni, soprattutto nel settore pubblico e genera parecchi conflitti sociali. C’è poi, terza ipotesi, il "club Suisse", dove lo stop a tutto ciò che arriva da Bruxelles o da altri Paesi europei e alla libera circolazione viene compensata con una serie di riforme e un rafforzamento della sovranità. Ma tutto questo rischia seriamente di bloccare la crescita. Meglio, dunque, indica Avenir Suisse, stringere accordi, aprirsi al mondo, accettare la sfida della globalizzazione, aderire a una "normalità europea" per mantenere e migliorare le conquiste di oggi.
mspignesi@caffe.ch
01.07.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur