I riflessi della crisi del 2008 sull'economia svizzera
Immagini articolo
"Nessuna lezione
dal crac di Lehman"
MAURO SPIGNESI


No, da quel fallimento, il disastroso e devastante fallimento di Lehman Brothers, non è stata tratta alcuna lezione. Anzi, la crisi è sempre lì, a un millimetro". L’avvocato e docente di diritto penale dell’economia Paolo Bernasconi, che collabora con il Centro studi dell’Associazione bancaria ticinese, è pessimista. "E non potrei essere altrimenti - replica -. Basta vedere cosa sta accadendo in Turchia e in Argentina, solo per fare due esempi. Quelle economie stanno esplodendo e i riflessi, come era accaduto con Lehman Brothers, si sentiranno anche da noi, in Svizzera". Come si erano sentiti quelli del fallimento della Lehman Brothers, travolta dalla crisi dei mutui subprime, che aveva coinvolto diversi istituti elvetici, costretti a rimborsare i clienti con risarcimenti da milioni e milioni di franchi.
"Però c’è da dire che le banche svizzere - aggiunge Bernasconi - hanno recepito le direttive che sono arrivate dalle varie autorità finanziarie. A cominciare dai continui adeguamenti al principio del regime too-big-to-fail, cioè troppo grandi per fallire, che hanno riguardato soprattutto i principali istituti costretti ad avere sempre più capitale proprio e a distribuire attentamente i rischi per evitare appunto di finire nei guai". E di dover ricorrere all’aiuto dello Stato, e dunque dei contribuenti, per poi uscirne. Ed ecco perché il Consiglio federale dall’ottobre 2008, riprendendo le indicazioni non soltanto europee ma anche di importanti economisti, ha dettato nuovi parametri attraverso la banca nazionale. Che tuttavia mentre da noi ha avuto un effetto-argine, così non si può dire per altri Paesi dove i parametri di rischio non vengono rispettati. O meglio, vengono rispettati formalmente ma non nella pratica. "Ed ecco perché la crisi è sempre incombente. Pensiamo soltanto alle grandi banche cinesi che sono gonfie di prodotti a rischio o che hanno strategie che non si sa da che parte porteranno. Se saltano da un giorno all’altro, come è capitato con la Lehman Brothers, che succede?", si chiede ancora Bernasconi.
Già, in un sistema globalizzato, come ci ha insegnato il crac di Lehman Brothers, l’effetto domino è dietro la porta. Tanto che numerosi centri di ricerca economica in questi ultimi dieci anni hanno messo in guardia i governi di tutto il mondo, per evitare di dover affrontare una nuova bancarotta di dimensioni mondiali. "Ma i governi - spiega ancora Paolo Bernasconi - si sono dimostrati totalmente inaffidabili. La speculazione finanziaria viene portata avanti senza regole in molti Paesi, dove c’è un clima di liberismo esasperato, una voglia di annullare le regole e di imporre principi di sovranismo con regole fatte in casa. E questo a breve termine nuoce gravemente all’economia e a lungo produrrà seri danni per i clienti, per quei risparmiatori che dalle banche vengono spremuti come limoni".

m.sp.
09.09.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14