Dieci anni fa crollò la banca d'affari e iniziò la crisi
Immagini articolo
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
LORETTA NAPOLEONI


Dieci anni fa il grande crollo, un evento terrificante, quasi quanto l’11 settembre. Tutti ne furono colpiti, dai grandi investitori fino ai poveri dei Paesi in via di sviluppo e tutti ricordano che il casus belli fu il fallimento della Lehman Brothers, una delle maggiori banche d’affari americane ed internazionali.
A Londra la storia di questa banca ci viene raccontata come la degenerazione del sogno americano in una rappresentazione teatrale, la Trilogia di Lehman, tratta dall’opera di Stefano Massini e presentata al Piccolo di Milano la scorsa primavera. Massini traccia un legame solido tra capitalismo e sogno americano i cui elementi sono valori etici che possono essere riassunti come segue: senza l’iniziativa privata ed il duro lavoro non esiste ricompensa per l’individuo. Ed è questo il motto che motiva i tre fratelli Lehman subito dopo il loro arrivo negli Stati Uniti nel lontano 1830. Il loro viaggio verso la ricchezza inizia con un modesto negozio a Montgomery, in Alabama, da dove ci si allarga al commercio del cotone, del caffè per arrivare ad investire nelle ferrovie e nel settore bancario. La storia della famiglia Lehman, dunque, corre in parallelo a quella del capitalismo americano.
Tutto cambia negli anni Sessanta, quando l’impero Lehman non viene più gestito dalla famiglia ma passa nelle mani di professionisti da questa ingaggiati. È a questo punto che profitti e ricchezza diventano obiettivi da raggiungere attraverso i servizi finanziari e non più grazie all’investimento nell’economia reale. La storia del declino della Lehman Brothers, dunque, continua a correre in parallelo a quella del capitalismo occidentale, in fondo tutto il sistema ha percorso la stessa parabola discendente. Tuttavia, non è la prima volta che ciò avviene, è successo alla fine del diciannovesimo secolo, nel 1929, negli anni Settanta. Ed ogni volta il capitalismo è stato ricostruito apportando cambiamenti radicali al suo funzionamento.
Nonostante la crisi finanziaria sia stata un devastante fallimento del libero mercato e contrariamente a quanto accaduto in passato, ad esempio negli anni Settanta, i politici hanno a malapena messo in discussione i ruoli relativi del governo e dei mercati. Ecco perché a dieci anni dallo scoppio della crisi del 2008 ciò che colpisce è quanto poco si sia fatto per cambiare il sistema, per renderlo più sicuro. La scomparsa della Lehman, insomma, non ha trasformato l’etica delle banche d’affari né le ha spinte a riabbracciare quella capitalista professata dai tre fratelli Lehman all’inizio della loro carriera. E questo spiega perché sebbene la leva finanziaria sia minore, i limiti di liquidità maggiori e le regole più restrittive, nulla è stato fatto per contenere e ridurre il debito nel settore privato, la causa principale del crollo.
Le critiche non hanno intaccato l’essenza del sistema: qualsiasi riforma strutturale è oggi come dieci anni fa sinonimo di abbassamento delle tasse e de-regolamentazione del mercato del lavoro. Sebbene tutti esprimano preoccupazione riguardo alle disuguaglianze, gli sforzi per ridurle sono stati minimi. I politici, poi, hanno ignorato la pericolosa dipendenza della domanda dal debito, per far crescere la prima bisogna aumentare il secondo. Le attività di monopolio e quelle a somma zero, dove il guadagno dell’uno corrisponde alla perdita dell’altro, continuano ad essere pervasive. Infine, nel dibattito politico e nelle attività finanziarie non si parla mai dei rischi relativi ad una nuova crisi, del tutto simile a quella del 2008.
Non c’è da meravigliarsi se in questo contesto i populisti sono così di moda, data questa inerzia e le difficili condizioni economiche in cui la maggior parte dei cittadini sopravvivono. Ricordiamo che la politica aborre il vuoto e la mancanza di riforme radicali ne conferma l’esistenza. Ed ecco perché idee altrettanto pericolose e divergenti come quelle del presidente americano Donald Trump o di Matteo Salvini, vice primo ministro italiano, finiscono per riempirlo.
09.09.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur