Gli industriali vogliono un Ticino più competitivo
"Per guardare al futuro
va rivista la fiscalità"
ANDREA STERN


Prima di pensare alle strategie di sviluppo a medio termine, il Ticino deve rivedere la propria fiscalità, secondo Stefano Modenini, direttore dell’Associazione industrie ticinesi. "È urgente una riforma fiscale cantonale - sostiene -. A maggio voteremo sulla riforma fiscale federale. Se, come si auspica, questa verrà approvata, tutti i cantoni metteranno in atto a loro volta delle riforme. Il Ticino è già oggi nella parte bassa della classifica della competitività fiscale. Se non si interviene, rischierà di scivolare all’ultimo posto".
Una volta adeguate le tasse, cosa bisognerà fare? "Bisognerà smetterla di mettere i bastoni tra le ruote agli imprenditori - afferma -. Bisognerà snellire le pratiche a livello burocratico e legislativo". E soprattutto, aggiunge Modenini, bisognerà cambiare politica. "Il Cantone sta giustamente cercando di sostenere i progetti innovativi - osserva -, ma questo processo di sostegno viene inquinato da misure che sono riconducibili a una politica populista e sovranista che non porta da nessuna parte. Già oggi siamo un cantone poco competitivo. Se non ci diamo una mossa, ne patiremo le conseguenze".
Nella visione di Modenini la politica è quindi una sorta di pachiderma che schiaccia un tessuto economico al contrario dinamico e reattivo. "In Ticino ci sono poche aziende di grandi dimensioni - spiega -, ma ce ne sono tante che pur essendo piccole riescono ad avere mercato all’estero. Quel che conta non è la dimensione, bensì la capacità di differenziarsi, di specializzarsi e di adattarsi ai cambiamenti. Nel cantone ci sono diverse piccole realtà di rilievo mondiale, dalla farmaceutica alla micromeccanica. Queste aziende sono sicuramente una buona premessa per il futuro economico del cantone".
Un aspetto sul quale sarà necessario investire, secondo Modenini, è la formazione. "Ci vuole un migliore confronto tra lo Stato, le parti sociali e il mondo del lavoro - afferma -, per capire come meglio adattare il sistema scolastico ai mutamenti in atto. Oggi la formazione di base è buona. Ma poi non tutti i programmi di formazione professionale sono adattati alle nuove tecnologie. Un dialogo più serrato tra le scuole e le aziende permetterebbe di reagire meglio ai cambiamenti del mercato".
E la scuola, così come la politica, avrebbero molto da imparare dal mondo economico, sempre secondo Modenini. "Le aziende sono confrontate ogni giorno con i costi e con i ricavi - sottolinea - e devono reagire velocemente agli influssi esterni se non vogliono rimanere tagliate fuori dal mercato. Hanno tempi di reazione nettamente più veloci di quelli della scuola e della politica. In questo senso, un confronto tra la parti sarebbe sicuramente proficuo".
16.12.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Ecco come sarà
il Cardiocentro 1.0
L'INCHIESTA

Sembrano giocattoli
... eppure uccidono
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il formidabile esercito
...che ora si rinnova
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dall'Iran sino a Kim
donald alza il tiro
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
25.06.2019
Aggiornato il catasto del potenziale solare degli edifici con i dati di tettosolare.ch consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
19.06.2019
Nuova veste grafica, contenuti e funzionalità per il sito della Divisione della formazione professionale
17.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2019
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.
12.06.2019
Pubblicato il rapporto annuale 2018 sul programma di monitoraggio ICP-Waters [www.ti.ch/aria]
11.06.2019
Qualità dell'aria in Ticino: rapporto 2018 [www.ti.ch/aria]
07.06.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha rinnovato il suo portale tematico, modificando e aggiornando parte della documentazione [www.ti.ch/commesse]
05.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2019
31.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Incendio
nel centro
di Parigi,
almeno 3 morti

Italia: così
gli scafisti
scaricano i migranti
a Lampedusa