Nuova Delhi ora più importante come partner economico
Immagini articolo
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
LORETTA NAPOLEONI


Il vertice informale tra il premier cinese Xi Jinping e quello indiano Narendra Modi a Wuhan, nella provincia centrale di Hubei, in Cina, il 27 e 28 aprile scorso è quasi passato inosservato. Ma quell’incontro ha riconfermato gli accordi bilaterali su questioni globali, strategiche ed a lungo termine tra le due nazioni. Qualche settimana dopo Modi ha anche incontrato Vladimir Putin a Sochi e il Cremlino gli ha conferito la più prestigiosa onorificenza russa, l’Ordine di San Andrea Apostolo. Tutto ciò sembra cementare un’alleanza strategica tra le tre nazioni all’interno del clima di nuova guerra fredda che sta prendendo piede nel mondo da quando Donald Trump è stato eletto presidente degli Stati Uniti.
Modi è decisamente tornato al potere con un profilo internazionale più prestigioso. Ormai tutti i leader mondiali guardano all’India come una nazione asiatica di peso che deve assumersi responsabilità maggiori nel nuovo assetto mondiale, che può agire da ago della bilancia nei precari equilibri asiatici e del Pacifico. Allo stesso tempo l’India è vista come un Paese che si deve necessariamente aprire ai mercati internazionali e che deve affrontare i problemi climatici per contribuire alla loro risoluzione.
Durante gli ultimi cinque anni, dunque, nonostante abbia avuto diversi problemi interni, Modi è riuscito a navigare bene la politica internazionale ed a modernizzare l’immagine che il mondo ha del suo Paese. Ha anche mantenuto un atteggiamento di non allineamento, ad esempio è entrato a far parte della Banca asiatica d’investimento per le infrastrutture anche se sia il Giappone che gli Stati Uniti si erano opposti. Ed è stato un bene, secondo il Financial Times nel 2018 l’India è stata la nazione che ha maggiormente beneficiato dei servizi di questa istituzione.
Non sarà però facile per Modi navigare le acque turbolente della politica internazionale nei prossimi cinque anni. Washington vuole che Nuova Deli controbilanci il potere di Pechino per bloccare l’ascesa economica e politica della Cina in Asia, ma vuole anche che Modi abbatta le barriere doganali alla penetrazione del mercato indiano da parte del Made in Usa. Secondo il World Economic Forum, entro il 2030 l’India sarà il terzo mercato di consumo mondiale passando da 1’500 miliardi di dollari a 6’000 miliardi annui. Una cuccagna per gli esportatori statunitensi.
La Cina, da parte sua, cerca in Modi un alleato nella guerra commerciale con gli Stati Uniti non come mercato di sbocco ma come fonte di approvvigionamento. Da qualche tempo Pechino corteggia il premier indiano perché il suo Paese è un importante sostituto per le importazioni cinesi. Già nel 2018 il volume dei prodotti indiani esportati in Cina è aumentato e così facendo si è ridotto il deficit commerciale indiano con Pechino di ben 10 miliardi di dollari. In cambio l’India riceverà un trattamento preferenziale per accedere ai settori della medicina e del software cinesi e parteciperà all’iniziativa globale della nuova via della seta.
Secondo la stampa cinese Modi è più incline ad allearsi con Pechino e con Mosca, geograficamente suoi vicini e membri dei Brics, che con Washington. Una conferma o smentita con molta probabilità ce la daranno i risultati degli incontri informali tra India, Cina e Russia prima del G20 di Osaka,  che si etrrà a fine giugno.
09.06.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
18.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2019
15.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
06.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 18 novembre 2019
04.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2019
30.10.2019
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2018 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Un traguardo sociale
ma ancora non per tutti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'attentato a Londra
rilancia l'allarme jihad
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Arrestato
il presunto
aggressore
dell’Aja

Un trono
di soldi…
con lo scopo
di farne di più

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00