Il diario tra i Paesi strategici, viaggio nell'isola di ghiaccio
Immagini articolo
La Groenlandia fa gola
alla Cina e all'America
LORETTA NAPOLEONI


La corsa all’Artico non è iniziata da poco, si è soltanto intensificata. Isola strategica importantissima è da sempre la Groenlandia. Nel 1867, il segretario di stato americano, William Seward, ventilò per la prima vota la possibilità di acquistarla quando gli Stati Uniti comprarono dai russi l’Alaska. Nel 1946, l’amministrazione Truman offrì alla corona danese 100 milioni di dollari per l’isola ma l’offerta venne rifiutata. Il presidente americano sostenne che possedere la Groenlandia fosse fondamentale per la sicurezza degli Stati Uniti durante la guerra fredda, così Washington riuscì ad ottenere una base militare strategica a Thule, nella Groenlandia occidentale, dove ancora oggi esiste una stazione spaziale e sistemi di difesa balistici.
Gli Stati Uniti non sono l’unica potenza mondiale interessata alla Groenlandia, nel 2006 la Cina ha cercato di acquistare una vecchia base navale americana, ma è stata bloccata dal governo danese. Due anni dopo Pechino tentò di ottenere i permessi per costruire tre aeroporti, ma non ci riuscì grazie alle pressioni che erano arrivate di Washington.
La Groenlandia fa gola a molti per una serie di motivi che vale la pena analizzare. L’isola fa parte della Danimarca, che insieme a Canada, Finlandia, Islanda, Norvegia, Svezia, Russia e Stati Uniti sono le otto nazioni artiche. Tuttavia ha un’economia notevolmente arretrata rispetto alle altre. Nonostante abbia una superficie grande come la somma di Regno Unito, Francia, Germania, Spagna, Italia, Austria, Svizzera e Belgio, l’economia della Groenlandia è meno di un decimo di quella del Vermont, lo stato con la più piccola economia statunitense. Appena 56mila persone risiedono in Groenlandia la cui attività principale è la pesca e la caccia alle balene, insufficiente a garantire l’indipendenza economica, così il governo danese ogni anno inietta nell’economia 670 milioni di dollari in sussidi.
Lo scioglimento dei ghiacci, però, sta cambiando radicalmente le prospettive economiche della Groenlandia. Al momento il ghiaccio copre circa l’80% dell’isola, rendendo difficile l’estrazione di importanti risorse che l’isola possiede. Secondo gli esperti sotto i ghiacci si trova il 13% delle riserve di petrolio ed il 30% di quelle di gas naturale ancora non scoperte. Ma non basta, la Groenlandia è anche ricca di depositi di minerali tra cui zinco, ferro e terre rare. Tutto ciò fa gola a molti, specialmente agli americani che vogliono porre fine alla dipendenza dalla produzione di terre rare cinesi. Per ora soltanto un’impresa australiana, la Greenland Minerals, è riuscita ad avere concessioni nel sud est per l’estrazione delle terre rare.
Lo scioglimento dei ghiacci ha anche trasformato la Groenlandia in un nodo strategico per il commercio internazionale. L’apertura del passaggio a nord-est ed a nord-ovest ha già ridotto considerevolmente la navigazione da una parte all’altra del pianeta. Ecco spiegato l’inserimento della Groenlandia nella via della seta cinese: si pensi ad esempio alla rotta che congiunge la Cina con il nord Europa, che fino a qualche anno fa doveva necessariamente passare per l’oceano indiano e il canale di Suez. Attraversando l’artico si risparmiano ben 10 giorni di navigazione. L’interesse della Cina va però oltre la via della seta, Pechino vuole avere una presenza nell’artico e partecipare alla corsa alle sue ricchezze.
(4 - fine)
15.09.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prove
di Olimpiadi
con la paura
del coronavirus

Messico: donne
in marcia
contro
i femminicidi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00