function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Il momento economico non favorisce il lavoro dei giovani
Immagini articolo
Ragazzi senza impiego,
una generazione a rischio
ANDREA BERTAGNI


Solo poco più di 350 contratti di tirocinio firmati su 2.500 disponibili. Se non è allarme poco ci manca. I posti di lavoro per
i ragazzi in formazione e per quelli che hanno terminato un apprendistato non sono mai stati così pochi. C’entra la pandemia, certo. E la crisi che stanno attraversando le imprese.

1/prima dell’apprendistato
Nolween Kümin, 17 anni
"In pochi rispondono, senza un tirocinio dovrò andare all’estero"
"Ho spedito tante lettere, ma sono poche le aziende che rispondono. Una volta non era così. Rispondevano tutte, anche per dire di no". Nolween Kümin, 17 anni, è delusa e non sa davvero che pesci pigliare. Tra poco finirà un apprendistato come custode di cavalli e vorrebbe continuare a studiare. "Mi piacerebbe fare un apprendistato come assistente in veterinaria - spiega -, è sempre stato il mio sogno e un giorno vorrei riuscirci".
Il presente però è un altro. Ed è fatto di lettere che non ricevono una risposta. Anche se Nolween è disposta a spostarsi, a prendere il treno e andare dovunque in Ticino pur di agguantare il suo sogno. "Se non troverò niente la mia famiglia probabilmente mi manderà all’estero a studiare le lingue, anche se sarà sicuramente una spesa importante, soprattutto in un periodo come questo".
Nolween, e con lei la sua famiglia, però non demordono. Per tutta l’estate continueranno a cercare un posto di tirocinio, bussando a più porte possibili. Con la speranza di iniziare la formazione in settembre. "Il Covid-19 ha davvero incasinato tutto", afferma sconsolata. E in effetti è così. Le aziende, lo dicono i dati del Cantone, stanno offrendo meno posti di apprendistato rispetto agli altri anni. Colpa della crisi. E di un periodo che in passato non ha avuto eguali.


1/dopo l’apprendistato
Stefania maggiulli, 17 anni
"È difficile trovare un impiego stabile anche a Zurigo"
Stefania Maggiulli tra un mese finirà l’apprendistato in banca, come impiegata di commercio. Tra un mese può accadere ancora di tutto. "Magari riesco a trovare un lavoro - dice ottimista - anche se finora non c’è stato nulla da fare". Stefania è una delle tante ragazze che ha finito una formazione professionale e sta facendo fatica a immaginare un futuro. Perché la pandemia ha messo in ginocchio molte aziende. E tante altre hanno bloccato le assunzioni. Aspettando che la situazioni migliori.
"Il Covid-19 sicuramente non aiuta - riprende Stefania -, vorrei rimanere in Ticino e magari spostarmi in un secondo tempo in Svizzera tedesca". Ma i posti sono pochi. "Sto cominciando seriamente a preoccuparmi".
Anche perché non è che la situazione a nord delle Alpi sia tanto differente. "Di solito in Svizzera tedesca le offerte di lavoro non mancano, mentre quest’anno è tutto bloccato anche lì. Solo a Ginevra si sta muovendo qualcosa. Vedremo".
Intanto non resta che crederci ancora. Bussare alla porta delle aziende e sperare in una risposta positiva. Anche se il settore in cui si è specializzata Stefania è in sofferenza, come tanti altri comparti economici. "Oggi come oggi nel bancario non c’è veramente niente, si intravvedono pochissime opportunità - conclude -. È una situazione davvero scioccante".


2/prima dell’apprendistato
Cecilia Piazza, 15 anni
"Oggi sono in prova... domani spero di avere una vera opportunità"
"Tra un paio di settimane avrò una risposta. Spero davvero che mi assumano". Cecilia Piazza ha 15 anni e sta facendo uno stage come assistente veterinaria. Cecilia è contenta, è quello che ha sempre desiderato fare. Si augura che l’azienda le confermi il posto. Anche se sa che è dura. Che il momento è difficile. Lo dicono i dati del Cantone. Lo fanno capire le aziende, che quest’anno si stanno muovendo in ritardo. La speranza è però l’ultima a morire. "Non so cosa farò se non dovesse andare - continua Cecilia -, ho già fatto altri periodi di prova in passato, ma nessuno è andato in porto".
Cecilia però non si perde d’animo. Anche se il periodo è difficile. E ha cercato di percorrere tutte le strade possibili. Partecipando, ad esempio, all’iniziativa "A tu per tu" organizzata dall’Ufficio dell’orientamento scolastico e professionale tutti gli anni in primavera. Che mette in contatto ragazzi e imprese. "Non ha portato molti frutti, anche se ho fatto una decina di colloqui e sono stata impegnata per una mezza giornata". Non ha portato frutti, perché i rappresentanti delle aziende l’hanno ascoltata ma nessuno si è rifatto vivo.
Ora però c’è da guardare al futuro. Per trovare un posto subito. Prima di luglio. Così da iniziare a settembre una nuova avventura professionale e di vita.


2/dopo l’apprendistato
Fabio Targa, 19 anni
"Se non mi assumono mi accontenterei anche di uno stage"
"È un mese e mezzo che sto cercando, ho scritto decine di lettere, ma fino a oggi non ho ancora trovato niente". Fabio Targa ha 19 anni e ha appena finito la Scuola di commercio a Bellinzona. Si accontenterebbe di un qualsiasi lavoro di ufficio. E invece sta ancora aspettando. Come molti suoi coetanei, per la verità. Perché quest’anno trovare un posto di lavoro per i giovani sembra essere diventata un’impresa straordinaria. "Il periodo è sicuramente difficile e il coronavirus non ha facilitato le cose - riprende - un’azienda della Svizzera tedesca che inizialmente si era mostrata interessata, dopo la pandemia ha cominciato a licenziare e non l’ho più sentita".
Le difficoltà legate al Covid-19 sono reali, Targa lo sa, ma a settembre vorrebbe iniziare a lavorare. "Mi accontenterei anche di uno stage - dice -, anche se un contratto a tempo determinato sarebbe meglio". A tempo determinato perchè l’anno prossimo deve partire per il militare. "Se invece la mia ricerca non dovesse funzionare nel 2021 potrei anche fare una formazione in banca, che mi interessa comunque molto".
Intanto però nessuno si è ancora fatto vivo. "O non mi rispondono o dicono che non hanno bisogno". Il futuro perciò appare incerto. Anche a 19 anni, quando si sta costruendo il proprio avvenire è indispensabile avere delle certezze professionali.
27.06.2020


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2020
23.07.2020
Attivato il sito dell’Ufficio del controlling e degli studi universitari
13.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2020
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Fra Trump e Biden
sfida rivolta al passato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I morti viventi dell'Isis
scompaiono e riappaiono
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Belgio: 64 anni fa
la strage
nella miniera
di Marcinelle

Covid-19:
quarantena
"spagnola"
in Svizzera

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00