function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Gli scenari
Immagini articolo
Si temano le paure,
certamente non la Cina
LUIGO BONANATE


Il mondo della politica internazionale sta andando incontro a una svolta (forse) storica: la Cina ha scoperto l’Europa! Per mille anni, le scoperte geografiche sono partite dall’Europa per ampliare i confini delle terre conosciute; oggi, che quella ricerca si è esaurita, il meccanismo si rovescia e gli ultimi stanno diventando i primi... A quanto pare, una grande agitazione sta afferando le diplomazie dei paesi più avanzati, che temono lo shopping cinese in Europa.
Ma ha senso che grandi stati capitalistici cerchino di bloccare le iniziative di un nuovo concorrente che, utilizzando gli stessi loro metodi, li sta sopravanzando tecnologicamente e industrialmente proprio sullo stesso terreno sul quale aveva dovuto inseguire per decenni? Perché temere l’impeto del nuovo-venuto se oggi porta con sé nuovo know how e nuove soluzioni che, grazie alle sue particolari doti industriali, gli permettono di aprirsi tutti i mercati? Ora, rifiutare tale tipo di competizione e di concorrenza sarebbe fuori luogo e ingenuo, dopo che per decenni lo stesso modello di sviluppo aveva avuto tanto successo: se l’Occidente vede oggi nella Cina un "rivale sistemico" (espressione invero sgradevole che è stata usata per indicare una contrapposizione totale e irrefrenabile), allora ecco che qualche chiarimento va immediatamente dato. Prima che il rivale si trasformi sul serio in un  nemico, dovremo chiederci quali siano i confini che siamo disposti ad abbattere e quali invece intendiamo difendere gelosamente. Quando, più di mezzo secolo fa, l’Europa ha subito la superiorità dell’american way of life, lo ha fatto perché convinta di partecipare a un grande e progressivo miglioramento delle condizioni di vita comuni a tutti. Oggi, non possiamo escludere che qualche cosa del genere possa succedere in diverse parti del mondo. In altri termini, la rivalità non ha necessariamente natura "sistemica" (che è come dire: senza limiti) bensì competitiva e comparativa. Il punto, insomma, riguarda la politica più che l’economia: quale tipo di società immaginiamo per nostro futuro?
Un altro ammonimento su cui dovremmo riflettere riguarda quel senso di frustrazione se non di paura che circola in un Occidente che si avvolge in sé stesso, reclama la la superiorità dei singoli interessi nazionali, teme le novità e gli sconosciuti, disperdendo quel patrimionio di comunanza culturale e sociale e che è stato il motore della sua storia. Soltanto se invece la Cina viene vista come il boss che, con le tasche piene di yuan, comprerà non soltanto i nostri gioielli ma anche le nostre anime, le prospettive  sistemiche diverranno davvero preoccupanti, e la solidarietà euro-atlantica dovrà essere ripensata, certo non con formule del tipo America-First o Itay-First, come si è sentito dire nei giorni scorsi, ma alla luce dei principi stessi dello sviluppo socio-economico che ha guidato l’Occidente nei secoli. I premi e i privilegi vanno dati a chi progredisce meglio e li redistribuisce; il commeercio non deve "seguire la bandiera", come si diceva nell’Ottocento, ma perseguire il progresso, materiale nonché sociale e morale. È anti-storico temere la Cina; dobbiamo temere, piuttosto, le nostre paure.
24.03.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00