Gli scenari
Immagini articolo
Si temano le paure,
certamente non la Cina
LUIGO BONANATE


Il mondo della politica internazionale sta andando incontro a una svolta (forse) storica: la Cina ha scoperto l’Europa! Per mille anni, le scoperte geografiche sono partite dall’Europa per ampliare i confini delle terre conosciute; oggi, che quella ricerca si è esaurita, il meccanismo si rovescia e gli ultimi stanno diventando i primi... A quanto pare, una grande agitazione sta afferando le diplomazie dei paesi più avanzati, che temono lo shopping cinese in Europa.
Ma ha senso che grandi stati capitalistici cerchino di bloccare le iniziative di un nuovo concorrente che, utilizzando gli stessi loro metodi, li sta sopravanzando tecnologicamente e industrialmente proprio sullo stesso terreno sul quale aveva dovuto inseguire per decenni? Perché temere l’impeto del nuovo-venuto se oggi porta con sé nuovo know how e nuove soluzioni che, grazie alle sue particolari doti industriali, gli permettono di aprirsi tutti i mercati? Ora, rifiutare tale tipo di competizione e di concorrenza sarebbe fuori luogo e ingenuo, dopo che per decenni lo stesso modello di sviluppo aveva avuto tanto successo: se l’Occidente vede oggi nella Cina un "rivale sistemico" (espressione invero sgradevole che è stata usata per indicare una contrapposizione totale e irrefrenabile), allora ecco che qualche chiarimento va immediatamente dato. Prima che il rivale si trasformi sul serio in un  nemico, dovremo chiederci quali siano i confini che siamo disposti ad abbattere e quali invece intendiamo difendere gelosamente. Quando, più di mezzo secolo fa, l’Europa ha subito la superiorità dell’american way of life, lo ha fatto perché convinta di partecipare a un grande e progressivo miglioramento delle condizioni di vita comuni a tutti. Oggi, non possiamo escludere che qualche cosa del genere possa succedere in diverse parti del mondo. In altri termini, la rivalità non ha necessariamente natura "sistemica" (che è come dire: senza limiti) bensì competitiva e comparativa. Il punto, insomma, riguarda la politica più che l’economia: quale tipo di società immaginiamo per nostro futuro?
Un altro ammonimento su cui dovremmo riflettere riguarda quel senso di frustrazione se non di paura che circola in un Occidente che si avvolge in sé stesso, reclama la la superiorità dei singoli interessi nazionali, teme le novità e gli sconosciuti, disperdendo quel patrimionio di comunanza culturale e sociale e che è stato il motore della sua storia. Soltanto se invece la Cina viene vista come il boss che, con le tasche piene di yuan, comprerà non soltanto i nostri gioielli ma anche le nostre anime, le prospettive  sistemiche diverranno davvero preoccupanti, e la solidarietà euro-atlantica dovrà essere ripensata, certo non con formule del tipo America-First o Itay-First, come si è sentito dire nei giorni scorsi, ma alla luce dei principi stessi dello sviluppo socio-economico che ha guidato l’Occidente nei secoli. I premi e i privilegi vanno dati a chi progredisce meglio e li redistribuisce; il commeercio non deve "seguire la bandiera", come si diceva nell’Ottocento, ma perseguire il progresso, materiale nonché sociale e morale. È anti-storico temere la Cina; dobbiamo temere, piuttosto, le nostre paure.
24.03.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur