Fogli in libertà
Immagini articolo
Se gli "scoccial media"
illudono gli ascoltatori
RENATO MARTINONI


Sulla Rete 2 della Rai passa una réclame che dice: "La televisione è cambiata, il futuro è arrivato". La si potrebbe trasportare nel nostro Paese, pur con qualche ritocco, per dire: "La Radio è cambiata, il presente è arrivato". Difatti uno dei messaggi più importanti che la Rete 1 della Rsi sta facendo passare, nel volere adeguarsi ai nuovi bisogni, è quello di stare fra la gente. Perché la gente si senta "dentro la radio". Per fare questo sono nate alcune trasmissioni fondate sul dialogo continuo con gli ascoltatori. Così essi ravvivano certi programmi, condotti non da uno ma da due o tre animatori, inondando la nostra prima rete radiofonica di messaggini e di chiamate, usando insomma i social (anzi, diamogli il nome che a volte si meritano: gli "scoccial"), con la facoltà di esprimersi su tutto e su tutti: dalle diete vegane ai dentifrici, dalle razze canine ai rumori misteriosi. Per la Rete 1 della nostra radio è un modo per farsi sentire vicina e quindi per evitare che l’attenzione cali. Per gli ascoltatori è l’illusione di salire sulla pedana di chi "fa la radio".
Riempire il palinsesto è un’arte che non si inventa; e "fare la radio" è un mestiere tutt’altro che semplice. Resta che in certi momenti della giornata si parla troppo: e neanche sempre di cose interessanti. Ma soprattutto mancano dei sani spazi di silenzio (occupati, s’intende, dalla musica). Verrebbe anche da aggiungere che c’è un limite oltre il quale sarebbe bene non andare. Perché c’è da chiedersi: ma, per piacere, e per essere ascoltata, la Rete 1 della Rsi deve trasformarsi in un’amica logorroica che regali pacche sulle spalle? No, perbacco, la nostra radio deve solo fare il suo lavoro. Prendendosi sì la libertà di adeguarsi al presente, insomma di non perdere il treno. Ma senza con questo cadere nelle trappole sottili del nuovo.
Certo, al di là di qualche caduta nel banale e di qualche eccesso di protagonismo, la colpa non è della Rsi ma della tendenza a lasciarsi distrarre e a cambiare canale. Si potrebbe anche pensare a una differenza di percezione. Questo modo di "fare la radio", tanto interattivo, può piacere e anzi piace. Non va tuttavia dimenticato che per i giovani c’è già la Rete 3. Non si vuol dire con questo che la Rete 1 debba essere destinata agli anziani, ci mancherebbe. E poi il problema non è di generazioni: c’è semplicemente chi ama certe cose e chi no. Anche a quest’ultima fetta della società sarebbe comunque giusto pensare.
19.03.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Approcci differenti
...non funzionerà!
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Gli imprevedibili
soldati del Califfo
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I nuovi pirati del mare
sono gli scafisti armati
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il "ciclone Trump"
lascia solo macerie
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Disposte a tutto
per i propri figli
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nei menù si trova
la civiltà del domani
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
23.06.2017
L'Ufficio dei lavori sussidiati e degli appalti ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
20.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2017
20.06.2017
Pubblicata la statistica finanziaria "i conti dei comuni nel 2015"
14.06.2017
Pubblicato il nuovo sito tematico "Circonvallazione Agno-Bioggio" [www.ti.ch/circonvallazione]
14.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2017
07.06.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 giugno prossimo
07.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile e primo trimestre 2017
06.06.2017
Qualità dell'aria in Ticino: rapporto 2016 [www.ti.ch/aria]
02.06.2017
Modifica calendario tiro obbligatorio 2017
02.06.2017
La Documentazione regionale ticinese (DRT) ha pubblicato il nuovo dossier sull’artigianato in Ticino.
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Afghanistan,
4000 soldati
USA
in arrivo

Colonia,
musulmani in marcia
contro
il terrorismo

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch