Fogli in libertà
Immagini articolo
Quell'antico cancro
di retorica e populismo
RENATO MARTINONI


Dimmi come parli e ti dirò chi sei". Se il detto è vero, dovremmo preoccuparci per come parlano certi politici. Il presidente del Consiglio italiano, uno di quei "professori" che la nuova classe politica del Belpaese diceva di voler rottamare, ha fatto due discorsi al Parlamento. Le sue parole sono piaciute ai suoi. Gli avversari hanno parlato di "vuoto totale" e di "nulla". I mercati finanziari hanno reagito negativamente. Segno che gli esperti economici sono tutt’altro che tranquilli vedendo il timone dell’Italia in mano a gente di tale caratura. Freddezza e preoccupazione ha mostrato anche il mondo politico dell’odiata Europa. Quell’Europa che permette all’Italia di stare a galla malgrado un debito pubblico gigantesco.
Anche chi tiene d’occhio la lingua ha di che preoccuparsi. Non solo l’Accademia della Crusca, chiamata a correggere gli strafalcioni che emergono dai discorsi politici. Le parole sono nate non per un desiderio di bellezza, ma perché l’uomo ha sentito il bisogno di dare un nome alle cose. Il pane è pane e non è acqua. L’acqua è acqua e non è pane. E invece in politica si sentono di continuo, spacciate come nuove, parole ambigue e vecchie come il bacucco. Basta pensare al tormentone del "cambiamento" (ma quando mai un governo non si è definito "del cambiamento"?) O all’idea della crociata "contro il potere corrotto". Per non dire della "terza repubblica". Niente di nuovo, dato che se ne parla almeno da quando, nel 2011, Silvio Berlusconi ha dovuto lasciare la presidenza del governo.
Tutto, si proclama, è nuovo e diverso. In realtà tutto appare vecchio e uguale a prima. Tutto continua a vivere sotto le bandiere di quell’abitudine nefasta che un grande linguista italiano ha chiamato, un secolo e mezzo fa, "l’antichissimo cancro della retorica". Tanta scorza e poco succo. Le parole stanno nel vocabolario. Ma quando entrano in un discorso, allora vivono, si caricano di significati, diventano lo specchio dell’anima e del pensiero di chi le usa. Purtroppo molti non lo sanno. O fingono di non saperlo. Il presidente del Consiglio dei ministri italiano, capace di confondere, in un discorso, i "paradisi fiscali" con i "paradisi artificiali", si è definito "avvocato difensore" del popolo. (Il popolo abbisogna di difensori, non di avvocati). Ha detto anche che il "populismo" è l’"attitudine ad ascoltare la gente". Qui si è toccato il fondo. Per i "populisti" il "populismo" è una virtù. In realtà il "populista" è colui che, disprezzando chi ne sa più di lui, semplifica i problemi fino a banalizzarli. Per essere ben visto da chi avrebbe invece bisogno che i problemi vengano risolti. Questa non è una virtù. È un atto grave di irresponsabilità. Che va combattuto.
10.06.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

"Mi sento vittima
di un complotto"
L'INCHIESTA

'No a piatti di plastica
alle feste e alle mense'
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I soldi dei contribuenti
per pagare il karaoke
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Trump con i tassi bassi
sogna d'essere Reagan
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Come i killer dell'Isis
ma non sono terroristi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
07.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 novembre prossimo
26.10.2018
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2017 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
26.10.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da sabato 27 ottobre 2018 alle ore 8:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
24.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 5 novembre 2018.
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch


Degenera
manifestazione
a Barcellona

Trump
denunciato
dopo la stretta
sull'asilo