Fogli in libertà
Immagini articolo
Lettera di un migrante
per le elezioni cantonali
RENATO MARTINONI


Mi scrive un migrante da un’isola sperduta del Mediterraneo: "Ciao, ti racconto la mia storia. Sono nato in Africa e non ti spiego perché sono partito né perché ho cercato di sbarcare in Europa. Sono cose che già sapete a memoria. Anche se per tanto tempo nessuno ha descritto la nostra avventura. Poi avete deciso di narrarla. Dal vostro punto di vista, s’intende. Ed ecco che i telegiornali hanno cominciato a mostrarvi immagini di barche alla deriva e di naufraghi. Quindi è venuto il turno di alcuni politici, i furbacchioni!, che grazie a noi hanno inventato discorsi che ogni giorno ripetono. È comodo poter parlare dei migranti! Così non ti devi occupare di altre cose ben più drammatiche. La crisi economica, la crisi sociale, la crisi dei valori. È grazie a noi che i vostri eroi sono stati eletti. Due o tre argomenti bastano e avanzano per riempire la cronaca. E la zucca della gente.
È vero che da voi ci saranno delle elezioni politiche? È popoloso il vostro cantone? Dalla marea di pubblicità che circola da qualche mese, così almeno mi hanno riferito, dev’essere una megalopoli. Dice qualcuno che siete inondati di fotografie, tutte di facce sorridenti, di promesse a gogò, di parole sante, di giornali zeppi di articoli. Ma che meraviglia! Deve trattarsi di un evento storico. Paragonabile, se non superiore, all’elezione del capo dello stato tedesco o francese. Chissà il livello culturale, nei vostri dibattiti parlamentari! Altro che nelle nostre tribù della foresta! Verrei a stare da voi anche soltanto per sollazzare le orecchie e per nutrire l’intelletto.
Ho letto poi sui "sòscial" che un po’ dappertutto da voi circola un detto: "Padroni in casa vostra, sennò son cacchi nostri". Ma quanta generosità! Volete che noi, in casa nostra, siamo padroni. Ma che bravi! E se non lo siamo, vi scomoderete per venire ad aiutarci! Come i missionari. Vogliamo chiamarlo: "Primavostrismo"? Si vede proprio che da voialtri la generosità e l’apertura mentale la fanno da padrone. Sono tanto contento che, quasi quasi, mi viene voglia, per riderci sopra, di rovesciare la formula. Immaginiamo che qualcuno, per sfottervi, dica sottovoce: "Padroni in casa nostra, se no son cassis vostri". Nessuno, su quest’isola sperduta del Mediterraneo, pensa però che in un paese civile si possano scrivere fanfaluche del genere. Fra l’altro quel "cassis" mi ricorda due cose: un aggeggio maschile e… non avete un ministro che ha un cognome più o meno simile? Ohibò, ti prego di scusarmi, sono andato troppo oltre. Voi non siete il villaggio degli Zulù. Siete il Canton Ticino. Un paese rispettoso e di grande tradizione umanitaria. Un luogo serio. Dove tutti misurano le parole. Altro che quaggiù. Nel paese dei Baluba…"
24.03.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur