Fogli in libertà
Immagini articolo
Il tedesco ad Ascona,
il cinese a St. Moritz
RENATO MARTINONI


Succede di leggere che ad Ascona e in altri poli turistici del nostro Cantone si parla il tedesco invece dell’italiano. Un idioma forestiero al posto di quello del luogo. Non nelle case private, dove ognuno ha il diritto di usare la lingua che vuole. Ma negli hotel, nei bar e nei negozi. Uno non fa in tempo ad aprir bocca che il portiere, o la cameriera, o la commessa, gli chiede che cosa vuole. In tedesco, naturalmente. Uno magari insiste un poco, usando l’italiano. Ma l’altro prosegue imperterrito per la propria strada. Anche se magari è un frontaliero. La cosa è spiacevole per uno che parla italiano e vive nella regione. Ma come?, insorgono alcuni. Non siamo più padroni in casa nostra? È proprio necessario calare le brache in modo tanto sconcertante? Non vale, il primanostrismo, anche per le lingue? Non dovrebbero, i turisti, darsi un po’ la pena di imparare l’italiano? Quel tanto che gli serve per prenotare una camera, per ordinare un cappuccino o per chiedere quanto costa un boccalino? Fino a qualche anno fa c’era anche chi, temendo che la lingua tedesca si facesse sempre più invadente, parlava del Ticino come di una riserva indiana ("È l’unico Cantone che profuma di colonia", aggiungeva fra l’ironico e l’irato qualcun altro).
Mi è successo settimane fa di dover riservare per telefono una camera in un albergo del centro di Zurigo. Da bravo confederato, rispettoso della diversità e delle lingue nazionali, ho subito usato la lingua tedesca. La persona che stava alla reception non sapeva però una sola parola di tedesco. Conosceva soltanto l’inglese (oltre, non so con chi avessi a che fare, alla sua lingua madre). Per farla breve: per prenotare una notte nel centro di Zurigo, a soli due passi dalla stazione, non ho potuto usare la lingua di Zurigo. Sembrerebbe impossibile, eppure è proprio così. Parrebbe una "fake new" ma è la pura verità.
E allora viene da pensare che le cose stanno ancora peggio di quanto non possiamo azzardare. Il problema non riguarda soltanto una lingua minoritaria, l’italiano (non parliamo poi del romancio), ma la maggiore parlata elvetica. C’è anzi da immaginare che lo stesso succeda a Ginevra con il francese. Ma come faranno a vivere, in Svizzera, le persone che non sanno esprimersi in una delle tre lingue ufficiali? E per assumere, c’è da supporre risparmiando, gli alberghi non chiedono che il personale forestiero conosca almeno un poco una parlata del nostro Paese? Con il boom del turismo asiatico c’è da ipotizzare che prima o poi chi riserva una camera a St. Moritz dovrà farlo in cinese. Se lo farà in tedesco, francese o in italiano verrà preso per un marziano arrivato con la navicella. Un extraterrestre che parla una lingua galattica.
09.06.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Ecco come sarà
il Cardiocentro 1.0
L'INCHIESTA

Sembrano giocattoli
... eppure uccidono
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il formidabile esercito
...che ora si rinnova
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dall'Iran sino a Kim
donald alza il tiro
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
25.06.2019
Aggiornato il catasto del potenziale solare degli edifici con i dati di tettosolare.ch consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
19.06.2019
Nuova veste grafica, contenuti e funzionalità per il sito della Divisione della formazione professionale
17.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2019
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.
12.06.2019
Pubblicato il rapporto annuale 2018 sul programma di monitoraggio ICP-Waters [www.ti.ch/aria]
11.06.2019
Qualità dell'aria in Ticino: rapporto 2018 [www.ti.ch/aria]
07.06.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha rinnovato il suo portale tematico, modificando e aggiornando parte della documentazione [www.ti.ch/commesse]
05.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2019
31.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Incendio
nel centro
di Parigi,
almeno 3 morti

Italia: così
gli scafisti
scaricano i migranti
a Lampedusa