function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Fogli in libertà
Serve dialogo con l'Ue
e non gesti populistici
RENATO MARTINONI


È presto per dire se il cambiamento del governo italiano porterà a un mutamento nei rapporti fra il Belpaese e l’Unione europea. Un primo segnale di distensione però si è già visto e, pur con la prudenza necessaria, vale la pena di spenderci sopra qualche considerazione. È comparsa sul mare un’altra nave piena di naufraghi e nessuno si è intestardito nel ripetere i soliti mantra: "i porti sono chiusi", "vadano da un’altra parte", "l’Italia agli italiani". La Germania si è detta disposta ad accogliere un quarto dei profughi e la Francia un altro quarto. Malta farà la sua parte e il rimanente resterà in Italia o verrà assegnato, se qualcuno sarà solidale, ad altri Stati europei.
Raccontata così la cronaca può essere letta in vari modi. Sarebbe ingenuo pensare che, cambiate le cose, sia mutata per davvero la situazione. Ce ne vorrà prima di poter concludere che l’atteggiamento dell’Europa, riguardo all’immigrazione, è meno menefreghista rispetto a poche settimane fa. Si potrebbe anzi pensare che l’apertura europea sia una provocazione nei confronti del precedente Ministro dell’interno italiano e delle sue quotidiane spacconate. La generosità improvvisa dell’Europa sarebbe allora una spallata ai sovranismi e ai primanostristi. Un fatto comunque è certo. Si vuole mostrare che il dialogo pacato serve, eccome, e che i testa a testa cocciuti non portano da nessuna parte (se non all’illusione di poter fare da soli. Immaginarsi, basta vedere cosa ha combinato il governo italiano "gialloverde", quello del "cambiamento"…)
Ci vuole ben altro, insomma, che una generosa apertura dell’Europa verso l’Italia per tirare conclusioni anche provvisorie. Ma sarebbe altrettanto sbagliato non cercare qualche possibile spiegazione che vada oltre le euforie degli alcuni o le rabbie degli altri. La prima cosa che si può pensare è che il dialogo serve, anzi è indispensabile. E che il sud deve imparare a conoscere il nord e deve sapere che non è con le minacce di piazza che si possono fare dei veri passi avanti o ottenere qualcosa di concreto. Chi frequenta i paesi del nord sa benissimo che nessuno mai in politica (al di fuori dei sovranisti e tranne in epoche che c’è da sperare non tornino più) urla, minaccia, spara a zero su tutto e su tutti. Il populismo paga solo a breve termine e serve a far contenti i creduloni che spesso, oltre a essere creduloni, si illudono che basti poco, una minaccia, una pacca sulla spalla, la mano sul cuore, un rosario in mano, per arrivare lontano. Insomma, il bullismo di quelli che si illudono di governare il mondo, riunendosi sui prati, sventolando vessilli e urlando minacce e improperi non porta a nulla. Anzi, si spegne come un fiammifero quando la festa è finita.
22.09.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00