Fuori dal coro
Immagini articolo
Festival e Alptransit
finestre sul mondo
GIÒ REZZONICO


Archiviata la settantesima edizione del Festival del cinema, Locarno e il Ticino tornano lentamente alla vita normale. Si spera senza chiudere eccessivamente quelle finestre sul mondo che la rassegna locarnese ogni anno spalanca. Un’apertura di cui il nostro cantone ha vitale bisogno per crescere.
"Sì, il Festival rappresenta una grande opportunità di guardare oltre i nostri confini, di aprirci al mondo", afferma il consulente per la comunicazione della rassegna Michele Jannuzzi. La sua visione della realtà del nostro cantone mi pare particolarmente interessante, perché dopo gli studi in Ticino si è trasferito a Londra, dove si è laureato, ha avviato uno studio con un partner e vi abita da trent’anni. Ha però mantenuto stretti legami con la Svizzera italiana, dove dieci anni fa ha aperto uno studio di comunicazione con il fratello. Il suo è dunque uno sguardo esterno ma partecipativo.
"A quindici anni - racconta - sono venuto per la prima volta dalla Mesolcina, dove sono cresciuto, al Festival di Locarno. Ho incontrato persone che la pensavano come me e altre che avevano visioni diverse, ma mi si è aperta una finestra sul mondo. A Locarno durante la rassegna si ha l’opportunità di conoscere realtà differenti, di compiere un affascinante viaggio attorno al mondo. Per questa ragione ritengo che il Festival rappresenti per il Paese un agente di cambiamento.  Per affrontare le sfide dell’epoca che stiamo vivendo, dove tutto avviene sempre più velocemente, penso infatti sia necessario conoscere realtà diverse, anche lontane dalla nostra. D’altra parte ritengo che la Svizzera italiana debba essere più coraggiosa e credere maggiormente nelle sue possibilità".
Un apporto positivo in questo senso, cioè di maggiore apertura verso nord e verso sud, potrebbe giungere da Alptransit, che ha già aumentato del 30 per cento l’afflusso ferroviario da nord. "L’apertura della galleria del San Gottardo ci apre nuovi obiettivi verso il mondo, quella del Monte Ceneri crea invece in Ticino una città diffusa. Sono persuaso che la realizzazione di questo progetto possa diventare lo strumento ideale per abbattere quelle barriere di cui il Ticino sembra prigioniero. Potrà generare attività per favorire lo sviluppo e il cambiamento, proprio come avviene a Locarno durante il Festival, come è accaduto con l’apertura dell’università della Svizzera italiana e come sta succedendo grazie al Lac di Lugano. Alptransit può letteralmente sbloccare il Paese intensificando i legami verso nord e verso sud, creando i presupposti per una politica di maggiore apertura. Naturalmente senza rinunciare alla nostra identità e alle nostre tradizioni, ma sapendole adattare ai mutamenti della società. A volte - conclude Jannuzzi - ho l’impressione che il nostro Paese manchi di una visione progettuale per il futuro e che il treno su cui viaggia invece di accelerare avanzi con il freno tirato. Dobbiamo quindi trovare la fiducia per spingerci avanti senza però dimenticare di vigilare affinché le opportunità che si svilupperanno non vengano destinate ai ‘pochi’ ma siano in grado di cambiare in meglio la vita ai ‘molti’ ".
13.08.2017


IL DOSSIER


Le carte segrete
dello scandalo Argo1
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il Califfo capitola
ma non all'estero
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I nuovi pirati del mare
sono gli scafisti armati
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Da al Quaeda a Isis
tutto si è semplificato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Europa dia più soldi
per aiutare i migranti
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Disposte a tutto
per i propri figli
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nei menù si trova
la civiltà del domani
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
23.08.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio e secondo trimestre 2017
22.08.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio e secondo trimestre 2017
21.08.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, luglio 2017
18.08.2017
Aggiornati i dati sulla qualità igienica delle acque di balneazione rilevati dal Laboratorio cantonale [www.ti.ch/oasi]
27.07.2017
Avviso di prudenza del 27.07.2017 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2017 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
25.07.2017
La Documentazione regionale ticinese (DRT) ha pubblicato un nuovo dossier sulla caccia e pesca in Ticino
20.07.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2017
18.07.2017
Giornate informative obbligatorie 2017
07.07.2017
Aggiornato l'elenco dei tecnici riconosciuti della polizia del fuoco [www.ti.ch/edilizia]
03.07.2017
Quinto/Cascina Rosserrora - coordinate 696/150 - Predazione 1 capra
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Boston:
nuovo duello
razzisti
e antirazzisti

Barcellona:
"Ho visto l'orrore
dal mio ristorante
su Las Ramblas"

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch