Fuori dal coro
Immagini articolo
Parco del Locarnese,
troppe paure infondate
GIÒ REZZONICO


Per vincere le elezioni bisogna seminare paure nella gente. Bisogna rivolgersi alla componente irrazionale dell’elettorato. Questo sembra essere il cattivo andazzo di questi ultimi anni. È una deriva pericolosa per la democrazia, che esige invece razionalità. Da sempre sono favorevole alla creazione del Parco nazionale nel Locarnese, sul quale i cittadini dei territori interessati saranno presumibilmente chiamati alle urne a giugno. Ritengo che il Parco rappresenti una grande opportunità sia dal profilo turistico, sia per rivitalizzare le nostre valli. Il mio intervento, con questo contributo e con altri che seguiranno, ha l’intento di portare il dibattito sul piano della razionalità smascherando le fandonie.
• Se passa il Parco non possiamo più battere nemmeno un chiodo ("sa po pü batt un ciod") e non siamo più nemmeno liberi di fare una pisciata ("a sem pü neanca liber da fa una pisada").
Non è vero. Sul 72% del territorio coinvolto dal Parco, cioè nella cosiddetta zona periferica, nulla cambierà. Per quanto riguarda il rimanente 28% bisogna tener conto che sul 40%, quindi quasi sulla metà del territorio restante, già ora la caccia non è permessa. Un altro 20%, quindi un quinto del territorio rimanente, è già oggi riserva forestale. La zona in cui le cose cambiano riguarda solo un 10% della zona centrale, dove si vuol permettere alla natura di seguire il suo corso. Anche qui, comunque, si potranno in ogni caso caricare gli alpi, mantenere i pascoli e proseguire con le attività delle capanne alpine. Che cosa sarà proibito? La caccia, salvo quella selettiva (eliminazione per esempio di cinghiali), la pesca, la raccolta di funghi o bacche, lo sfruttamento sistematico dei boschi.
• Scrivono gli oppositori del Parco ("la Regione" dell’8 febbraio): Siamo preoccupati "per la sorte dei rustici e in generale delle costruzioni in zona centrale, che secondo l’ordinanza di applicazione e il correlato rapporto esplicativo, verranno a lungo termine espropriati".
Non è vero. Perché per la dozzina di rustici privati che si trovano all’interno delle cosiddette zone centrali vigono le stesse leggi cantonali che regolano i rustici in tutto il Ticino. Il loro destino non è quindi in alcun modo legato alla Carta del Parco.
• Se tutto questo fosse vero, obiettano alcuni contrari, potremmo anche essere d’accordo con il Parco, ma non ci fidiamo perché dopo l’accettazione da parte del popolo cambierebbero le regole.
Non è vero. Perché progetti, finanziamenti e regole contenuti nella Carta del Parco verranno rivotati ogni 10 anni. Inoltre i Comuni, qualora le condizioni del Parco dovessero cambiare, potranno sciogliere il contratto in qualsiasi momento.
04.03.2018


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Troppi negozi chiusi,
ogni mese 5 in meno"
L'INCHIESTA

La "bolla integralista"
cresce nelle carceri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Sparate leghiste
da ignorare sempre
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una politica assente
per il business migranti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.
06.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2018
01.06.2018
In occasione della "Settimana europea per lo sviluppo sostenibile", in programma dal 30 maggio al 5 giugno 2018, il Dipartimento del territorio (DT) ha aggiornato le pagine del proprio sito tematico, mettendo in evidenza attività e progetti promossi in collaborazione con i numerosi partner [www.ti.ch/sviluppo-sostenibile]
30.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile e primo trimestre 2018
29.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile e primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Macron
ipoteca
il mini vertice
europeo

Bosnia-Erzegovina:
la rotta dei migranti
al confine
con la Croazia