Fuori dal coro
Immagini articolo
Terra, cielo e mare...
per i popoli polinesiani
GIÒ REZZONICO


Visitando la Polinesia Francese (vedi pagina 26) non si incontrano pittoreschi villaggi, né testimonianze del periodo precedente l’arrivo degli europei, salvo numerosi siti archeologici, sparsi in tutte le isole. Sebbene queste terre lontane oltre 16mila chilometri da Parigi siano ormai quasi del tutto indipendenti, la cultura europea è tuttora dominante. Del periodo precoloniale non si sa molto, i popoli polinesiani non possedevano una lingua scritta. Quello che si conosce si è appreso dalle testimonianze orali raccolte dagli antropologi e dai resoconti dei primi esploratori che nel 700 scoprirono questo piccolo paradiso dipinto spesso con toni idilliaci. Ma dietro queste sembianze pacifiche e ingenue si nascondeva una società rigidamente regolata in classi sociali e retta da un sistema gerarchico e aristocratico con aspetti anche crudeli.
Ciò che resta dell’epoca precoloniale sono soprattutto i cosiddetti "marae", luoghi di culto presenti su tutte le isole e solitamente inseriti in splendidi paesaggi in riva al mare che ci permettono di ricostruire, anche in base alle testimonianze, i modi di vita della civiltà Mahoi. Popolazioni di origine agricola che avevano abbandonato, non si sa per quali ragioni, alcune zone sud orientali dell’Asia per trasformarsi in gente di mare, dando inizio a quelle migrazioni oceaniche che nel corso dei secoli avrebbero popolato gli arcipelaghi del Pacifico centrale. Gli studiosi ritengono che i "marae" riproducessero il cosmo e fossero siti dove l’uomo accoglieva gli dei e li venerava per propiziarsi favori con cerimonie di vario genere, che giungevano fino al sacrificio umano. I tre elementi principali del cosmo erano ritenuti la terra, il cielo e il mare. Per questa ragione i templi erano aperti e inseriti nella natura. I polinesiani veneravano una serie di divinità, che facevano capo a Taaroa il dio supremo creatore di ogni cosa, ognuna delle quali proteggeva un’attività, un elemento naturale, un gruppo sociale o professionale.
I colonizzatori, soprattutto tramite i missionari, repressero questa cultura ritenuta incivile, distrussero i templi, gli idoli pagani e pretesero dai convertiti l’abbandono delle loro usanze ancestrali. Le danze furono proibite perché ritenute troppo sensuali, i rapporti sessuali condotti al puritanesimo più rigido. Oltre alla repressione religiosa gli europei portarono anche malattie nuove, alle quali gli organismi degli indigeni non erano preparati, l’alcoolismo, il denaro che si sostituì alla logica del baratto. Tutto questo condusse a un rapido declino della cultura polinesiana e alla decimazione della popolazione: secondo le stime degli studiosi sull’isola di Tahiti gli indigeni si ridussero nel giro di un secolo da 40mila a 6mila e nelle Isole Marchesi addirittura da 80mila a 2mila.
15.07.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14