Appunti di viaggio
A nord di Lione
tra chiese e castelli
GIÒ REZZONICO


La regione a nord di Lione (vedi articolo su questa città a pagina 30) vanta alcune mete turistiche da non perdere. In particolare ne segnaliamo tre: la romantica strada del Beaujolais, l’incantevole villaggio di Pérouges e il maestoso monastero reale di Brou. Iniziamo dall’itinerario nel Beaujolais, di circa 150 chilometri, che si può facilmente percorrere giungendo a Lione da nord (circa 150 chilometri da Ginevra).
La strada scorre sinuosa tra le colline attraversando tranquilli villaggi, incontrando antiche chiese e castelli (degno di nota quello Corcelles). A tratti la vista dall’alto sui vigneti ondulati è incantevole. Il vitigno coltivato è il Gamay, che dà vini rossi fruttati e freschi. Questa regione è nota soprattutto per il Beaujolais Nouveau, un vino novello che si stappa contemporaneamente in tutto il mondo ogni anno nella notte del terzo giovedì di novembre. Le etichette più pregiate sono prodotte più a nord, tra Villefranche e Mâcon, dove il Beaujolais confina con la regione del Bourgogne. Particolarmente apprezzati sono 10 cru, tra cui i noti Moulin-à-Vent, Fleurie, Chénas. A sud di Villefranche i vini sono meno pregiati, ma la Route de Crête nel cosiddetto Pays des Pierres-Dorées offre splendidi panorami sui vigneti che si estendono lungo la valle della Saona e i villaggi assumono un fascino particolare, proprio per il loro colore dorato, che si accende soprattutto al tramonto.
Gioiello dell’architettura medievale, Pérouges - dalle case in pietra gialla del XV e XVI secolo - dista 30 chilometri da Lione. Qui il tempo sembra essersi fermato. Le stradine sono rimaste com’erano nel Medioevo, tanto che diversi registi cinematografici hanno trasformato questo villaggio in set di film. Eppure all’inizio del Novecento sembrava destinato alla rovina. È risorto grazie a importanti e garbati restauri.
A poco più di un’ora di autostrada sia da Lione che da Ginevra, sorge il Monastère Royal de Brou. Mentre nella valle della Loira i re di Francia costruivano i loro lussuosi castelli, fra il 1506 e il 1512, la sconsolata Margherita d’Austria edificava questo monastero (nelle vicinanze di Bourg-en-Bresse) in memoria del suo amore defunto Filiberto il Bello e della sua dinastia. La sfortunata principessa, dopo appena tre anni di felice matrimonio, diventò vedova per la seconda volta a soli 24 anni e rimase fedele al suo innamorato fino alla morte. Il monastero è un capolavoro dello stile gotico, che tuttavia già presenta influenze rinascimentali. Emozionanti sono le tombe di Margherita e Filiberto scolpite in marmo di Carrara.
11.08.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prove
di Olimpiadi
con la paura
del coronavirus

Messico: donne
in marcia
contro
i femminicidi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00