function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Fuori dal coro
A Locarno nel 2050,
ecco il Ticino del futuro
GIÒ REZZONICO


Il periodo del Festival internazionale del film è certamente il momento più interessante per tornare a Locarno a trascorrere una vacanza. Mio nipote Niccolò, che abita a New York, torna nella sua città natale a 36 anni nel 2050 per visitare i genitori e per assistere alla rassegna cinematografica, tanto legata alla storia della sua famiglia. L’attuale sindaco locarnese è un suo compagno di scuola, sin dai tempi delle elementari. Si incontrano nel bar del Palacinema, affollatissimo durante la rassegna.
Dopo una chiacchierata il sindaco propone a Niccolò una passeggiata in città per mostrargli orgoglioso come Locarno si è sviluppata negli ultimi anni. L’attività del Festival si estende ormai su tutto l’arco dei dodici mesi, coordinando varie proposte culturali che ruotano attorno sia alla facoltà universitaria dell’Usi dedicata agli sviluppi della settima arte, sia alla scuola di cinema con sede al Palacinema e con un’estensione nella ex caserma di Losone, dove trovano ospitalità varie attività dello spettacolo. La passeggiata non può che iniziare con una visita del castello Visconteo, dove negli anni scorsi è terminato un restauro con inserimenti di architettura moderna per valorizzarlo come sede di importanti esposizioni. I due amici attraversano quindi la rotonda di Piazza Castello, prezioso centro di incontro cittadino, passano davanti all’alta torre che domina la piazza, sede di un rinomato albergo, per raggiungere una modernissima e futuristica costruzione: il Palexpo. In agosto si trasforma in sala cinematografica, ma durante l’anno propone spettacoli di vario genere e accoglie congressisti provenienti da tutto il mondo.
Da lì Niccolò e il sindaco raggiungono in pochi minuti il quartiere eco sostenibile, che sorge sul terreno dell’ex macello. L’antico edificio, valorizzato da un attento restauro, sorge al centro di spazi verdi su cui si affacciano innovative strutture intergenerazionali e altre costruzioni sede di industrie hightec. Proseguono quindi la loro passeggiata incamminandosi verso il lago e si fermano a bere l’aperitivo nell’albergo sorto sulla ex sede dei canottieri, che propone ai suoi ospiti una vasta offerta di sport acquatici. Percorrendo il lungolago, passano davanti al porto, da cui con un’imbarcazione elettrica posso raggiungere Venezia, passando per Milano, prima di giungere all’imbarcadero, dove si apre una vasta zona pedonalizzata con ampi giardini, che porta in piazza Grande, fulcro della città e del Festival, con il suo schermo cinematografico più grande al mondo. Prima di raggiungere il salotto locarnese, che a differenza del passato è ora degno di questo nome, si soffermano davanti al Museo di storia naturale.
Occupa gli ampi spazi dell’ex convento di Santa Caterina e propone un’interessante esposizione multimediale dedicata al territorio cantonale. Prima di salutarsi un ascensore porta i due amici nella città vecchia pedonalizzata e sede di eleganti commerci. Da qui Niccolò raggiunge la piazza della stazione, nel quartiere di Muralto, che è diventata il secondo centro cittadino, dominata dalla chiesa romanica di San Vittore, che sorge sullo sfondo di un ampio spazio verde sul quale si affacciano anche moderni edifici di pregio architettonico: tra questi la scuola universitaria di turismo. Sale sul treno-metro che lo porterà a Mendrisio, dove incontrerà all’università, per ragioni di lavoro, il sindaco del magnifico borgo.
14.11.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2020
13.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2020
11.11.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 23 novembre 2020
10.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2020
10.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2020
06.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2020
05.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2020
30.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2020
28.10.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 novembre prossimo
13.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il trionfo di Biden
in un Paese dilaniato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La perenne infinita attesa
per l'attacco all'Occidente
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Tormentati e solitari,
animati dalla genialità
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Abbiamo appena dieci anni
per evitare una catastrofe
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Thailandia:
nuove
proteste
a Bangkok

Piovono razzi
su Kabul.
Sospetti
sui talebani

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00