function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Accolto con scettiicismo il bonus bebè da 3'500 franchi
Immagini articolo
"È un piccolo aiuto
ma serve ben altro"
PATRIZIA GUENZI


Troppo poco. Un piccolo aiuto ma occorre ben altro. Una presa in giro per le famiglie che davvero faticano ad arrivare a fine mese, visto che a beneficiarne saranno anche coppie con redditi sino ai 140mila franchi. Il bonus bebè - o meglio l’assegno parentale, come è istituzionalmente stato definito, di 3’500 franchi contenuto nel pacchetto fiscale presentato dal governo - piace poco. Accolto con scetticismo il sostegno "una tantum" per ogni neonato. Dagli esperti, come pure dalle mamme e i papà. La misura è giudicata insufficiente dai potenziali beneficiari, giovani famiglie, con o senza figli, che chiedono altro. Chiedono di più allo Stato. "Non è questo che ci serve - dice Vito Robbiani, 45 anni, cineasta, due figli di 4 e 1 anno -. Se lo intendiamo come un incentivo a fare più figli non ci siamo proprio. Servono più strutture per accoglierli questi figli, asili nido e scuole dell’infanzia aperti dalle 8 alle 18, ad esempio. Per permettere alle madri di tornare al lavoro senza fare i salti mortali tra nonne, tate e baby sitter. E su questo fronte in Ticino siamo molto carenti".
Dovrebbero essere circa duemila i beneficiari dell’assegno per un totale di spesa di 6,9 milioni di franchi. Tanti soldi che potrebbero essere meglio impiegati. "Accanto a misure di questo genere serve una politica sociale mirata per sostenere realmente le famiglie", osserva Brenno Martignoni, 55 anni, avvocato, ex sindaco di Bellinzona, papà speciale con i suoi nove figli, l’ultima ha un anno. Senza arrivare al severo giudizio del professor Giuliano Bonoli (vedi intervista nella pagina accanto), che giudica questa misura "una cattiva idea, un modo sbagliato di spendere i soldi", l’opinione generale non ha esultato, né pensato di trovarsi di fronte all’idea del secolo. "Se davvero si vogliono favorire i genitori e incentivare la natalità, anche se spero che nessuno si metta a fare figli per incassare 3’500 franchi, serve uno sguardo più lungo - riprende Robbiani -. Non necessariamente sostegni economici, ma più servizi, che alla fine comunque fanno risparmiare un bel po’ di soldi".  
Insomma, troppo poco il bonus bebè pensato dal governo. Ma, soprattutto, non servirà mai ad incrementare il tasso di fecondità delle donne ticinesi. "Non credo proprio che una misura del genere possa, da sola, orientare una scelta così importante per la vita di una persona", dice Alberto Carta, 34 anni, impiegato, sposato con un’architetto. La coppia non ha ancora figli. "È un piccolo aiuto - riprende -, 3’500 franchi sono comunque un ‘regalo’ apprezzabile, ma occorre ben altro. Con questo non voglio dire che non siano niente, soprattutto per chi si trova in una situazione di bisogno". C’è infatti chi, come Antonio Nene, 40 anni, una moglie e un figlio di due anni, li avrebbe incassati ben volentieri. "Beh sì, avrebbero fatto comodo - ammette l’ex ristoratore, ora impiegato part time -. Soprattutto se non hai un lavoro al cento per cento, se sei precario come me in questo momento. Ma è evidente che non penserei mai di fare un figlio per ricevere il bonus bebè. Sono altre le ragioni".
Ragioni che si scontrano però con la sfida più grande per la maggior parte delle famiglie costrette ad avere due redditi: conciliare professione e compiti legati alla cura dei figli. E l’arrivo del primo bimbo spesso è il momento chiave per capire in che modo riorganizzare la vita della coppia e le rispettive carriere. Una soluzione che necessita di negoziazioni e strategie che vanno costantemente adattate con il passare del tempo. E un versamento una tantum non fa la differenza. "Se vogliamo davvero più bambini - conclude Martignoni - occorre un cambiamento di mentalità: i nostri figli non sono i cittadini di domani, sono già a tutti gli effetti cittadini di oggi".

pguenzi@caffe.ch
24.09.2017


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00