function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




I retroscena dei negoziati falliti per la vendita del Lugano
Immagini articolo
"Dopo le trattative...
riparto dai club italiani"
MAURO SPIGNESI


Mister Campbell, rappresentante di una società anglo-americana, alla fine ha ripreso l’aereo per Londra a mani vuote. "Nel calcio incontri sempre gente che vuole speculare, che fa accordi e poi li disfa e alla fine si dimostra insolvente". A un mese dall’ultima trattativa (saltata) per vendere il Lugano e ora che i contorni della vicenda sono più chiari, il patron Angelo Renzetti dice d’aver compreso la lezione. "Prima di Campbell ci sono stati italiani, turchi, russi che volevano il club. Oggi io, dopo nove anni e mezzo, ho capito che non posso più portare avanti un negoziato con potenziali compratori. Sono un sentimentale, punto subito a capire se chi ho davanti farà poi gli interessi della società, che rappresenta il Ticino nel mondo del futbol e dei tifosi". E così Renzetti ha preso la sua decisione. Il Lugano resta in vendita per un valore di circa 8 milioni. Ma non sarà più lui a trattare: ha affidato tutto a un legale. "Non è questione solo di soldi, la speranza è quella di tenere in piedi la società sfruttando il suo brand. Intanto siamo un club svizzero (con tutti i vantaggi che questo comporta), poi siamo una vetrina europea e questo ci consente di far conoscere i nostri giocatori (non dimentichiamo che noi possiamo schierare sino a sette extracomunitari) in Germania, Francia e Italia, visto che giochiamo in tutte le regioni linguistiche elvetiche. Infine, siamo identità sociale e politica, visto che ci identifichiamo con il Ticino".
Renzetti, inoltre, spera di ripartire sfruttando la lezione assorbita in un’altra trattativa saltata. Oltre Campbell, a dicembre si erano fatti timidamente avanti anche rappresentanti di club della serie A. Si era parlato di Roma, Juventus, Torino, Genoa. Renzetti s’era illuso che si potesse creare una sorta di alleanza capace di gestire il Lugano, di dialogare con queste società. "Invece - svela ora il presidente - oltre l’ipotesi di qualche scambio di calciatori non si è andati, perché alla fine non si parla mai con i proprietari ma solo con i dirigenti". Da qui però si potrebbe ripartire. "Possiamo annodare i rapporti con le società di serie A italiane: recentemente abbiamo dato in prestito due ragazzi alla Juventus e uno all’Inter. Per loro è importante, solo così si sentono calciatori. Qui da noi, vista la piccola realtà, non potrebbero crescere, essere valorizzati per davvero". Insomma, la soluzione potrebbe essere la creazione di un "sistema Ticino" dove mettere insieme settore giovanile - "che va molto bene" - collaborazioni con l’Italia, vetrina europea e vantaggi Swiss made.
E così a 66 anni l’imprenditore resta a capo del club con il pacchetto di maggioranza del 60% e una opzione sino a fine aprile per riacquistare il restante 40% (circa 2 milioni) dal russo Leonid Novoselskiy. "È da anni che cerco qualcuno per condividere le responsabilità. Quando ho preso la squadra, abbiamo cominciato una crescita progressiva. Da cinque anni siamo stabilmente in Super League, per due volte ci siamo qualificati in Europa League, abbiamo centrato la finale di Coppa Svizzera. La nostra è una società sana e forse per questo non trova acquirenti".
mspignesi@caffe.ch
19.01.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
17.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, settembre 2020
14.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2020
09.09.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 21 settembre 2020
09.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2020
27.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2019
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2020
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2020
19.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Gran Bertagna vive
sopra una "bomba fiscale"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Le trappole sessuali cinesi
per "arruolare" spie a Parigi
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il culto della mascherina
accende il negazionismo
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ciclone
Ianos
spazza
la Grecia

Covid:
Londra aspetta
una seconda
ondata

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00