Dopo Milano anche in Ticino giro di vite contro le 'bionde'
Immagini articolo
I divieti di fumo
ci "soffocano"
CLEMENTE MAZZETTA


Stop al fumo, basta cicche per terra, via le sigarette. Non solo negli spazi chiusi, la controffensiva al fumo conquista anche gli spazi aperti. Se a Milano il sindaco Giuseppe Sala ha preannunciato il divieto alle fermate dei bus, dei tram e nelle code davanti ai musei e agli ufficipubblici (In metropolitano è già vietato fumare, banchine all’aperto comprese), in Ticino nelle stazioni le sigarette sono "off-limits" dal 2019.
"La società sta relegando i fumatori sempre più in piccoli spazi", commenta Alain Proietto, uno dei maggiori venditori di sigari del Ticino e dell’Engadina. Come dicono i francesi si sta scivolando in una "société du tout-interdit". Per il fumo tira aria grama da tempo. A New York, è vietato in tutti i parchi pubblici. In Svezia non si può fumare all’aperto alle fermate dell’autobus, nelle stazioni, nei parchi gioco.
In Svizzera l’Unione dei trasporti pubblici (Utp) ha introdotto un graduale divieto di fumo nelle stazioni al di fuori delle zone fumatori. Dal giugno dello scorso anno, In tutte le stazioni ferroviarie ticinesi, Bellinzona per prima, i fumatori sono stati relegati in spazi limitati. Lo scopo è quello di migliorare la qualità dell’aria e diminuire anche la sporcizia, cenere e cicche per terra.
"Fra qualche mese avremo un resoconto sul gradimento per questa iniziativa - dice Patrick Walser portavoce delle Ffs -, ma la sperimentazione iniziale, effettuata anche a Bellinzona ha dato esito positivo. Due persone su tre si sono dette favorevoli all’attuale sistema. Oggi tutte le stazioni ferroviarie della Svizzera hanno delimitato le aree per fumatori, lasciando la gran parte libera dal fumo per i viaggiatori".
La limitazione del fumo sarà introdotta prossimamente anche nelle varie stazioni della Ferrovia luganese (Lugano Ponte Tresa) "Abbiamo intenzione di uniformarci alle prescrizioni già vigenti nelle stazioni delle Ffs, individuando delle are limitate per fumatori sulla linea Lugano Ponte Tresa - spiega Roberto Ferroni, direttore della Tpl (Trasporti luganesi) - non abbiamo alcuna direttiva in merito a divieti presso le pensiline dei bus. Non sapremmo del resto come far rispettare un divieto del genere".
Nelle stazioni sotterranee della "Centovallina", a Locarno-Muralto, St. Antonio e Solduno, il divieto di fumo è in vigore già da anni. Per le stazioni all’aperto invece non è ancora stato applicato nessun divieto specifico. La città di Locarno ha messo dei posaceneri alle fermate dei bus per contrastare il littering (le cicche per terra). Del resto, le mozioni presentate dalla deputata Nadia Ghisolfi per un divieto generalizzato di fumo alle fermate dei mezzi pubblici e per vietarlo nei parchi gioco e alle entrate dei locali chiusi accessibili al pubblico o nei luoghi di lavoro, sono state respinte dal parlamento l’anno scorso. Manca la base legale per questo divieto. Ma qualcosa si è mosso.
Il Cantone, dal primo febbraio introdurrà una nuova regolamentazione per ridurre le pause per i fumatori. Se si esce dall’ufficio oltre alle due pause caffé (una mattutina, l’altra pomeridiana) si dovrà timbrare. Per evitare tentazioni verranno eliminati i posacenere all’ingresso degli edifici governativi. Un provvedimento accolto senza problemi dai sindacati e considerato dall’Associazione non fumatori anche come un passo avanti nella lotta contro il fumo. Meno draconiane le disposizioni nelle industrie. Ad esempio, alla Medacta, il personale dispone di due pause caffè. "Ma nessuno proibisce ai nostri dipendenti di prendersi 5 minuti per fumarsi una sigaretta. Senza esagerare", osserva il titolare dell’azienda, Alberto Siccardi.
cmazzetta@caffe.ch
26.01.2020


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.03.2020
Pubblicazione straordinaria: Decreto esecutivo concernente l’annullamento e il rinvio delle elezioni comunali per il periodo 2020-2024 del 18 marzo 2020
18.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2020
13.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2020
11.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
28.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2020
26.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 marzo 2020
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'economia malata
cambierà la società
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi



IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Coronavirus:
il business
della paura

Wuhan:
prove tecniche
di normalità

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00