Mezza piazza finanziaria a giudizio a Como
Immagini articolo
Bancari ticinesi
a processo per riciclaggio


Mezza piazza finanziaria ticinese va a processo a Como. Sono stati infatti rinviati a giudizio bancari e dirigenti di istituti di creditio e di fiduciarie ccusati di riciclaggio di denaro per aver accolto, tra il 2003 e il 2006, decine di milioni di euro nascosti al fisco da contribuenti italiani. Tra loro nomi di spicco della finanza, come Michele Moor di Wegelin (sebbene coinvolto in maniera marginale nella vicenda) e l'ex responsabile della Arner Nicola Bravetti, e poi dirigenti dell'Euromobiliare di Lugano, della Pkb Privatbank, della Finter Zurich Bank, della Cial-Cic e di Bps. Il giudice delle udienze preliminari, come anticipato da La Provincia di Como, ha rinviato a giudizio 49 dei 57 imputati finiti nella maxi inchiesta della procura di Como. Il processo, che si annuncia lungo e particolarmente complicato, è fissato per il prossimo 19 gennaio 2012. Il giudice delle udienze preliminari ha prosciolto dalle accuse due imputati, e un solo imputato ha patteggiato un anno e quattro mesi di reclusione. I banchieri chiamavano - secondo la ricostruzione dei magistrati che ora dovrà reggere l'urto del processo - gli "spalloni" e li mandavano a prendere i soldi dai clienti che poi finivano in cassaforte. Per evitare di sbagliare persona ogni volta c'era una sorta di password, parole d'ordine spesso legate al calcio. Tipo: "Chi vincerà lo scudetto?". Risposta: "La Juventus". Le valigette colme di contante passavano la dogana a bordo di auto guidate da personaggi insospettabili.
13.04.2011


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Gli ospedali diventano
cliniche specializzate
L'INCHIESTA

Il successo di Airbnb
infastidisce gli hotel
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Niente video porno
tra i caffè americani
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I giganti del mercato
condizionano gli Stati
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La silente resistenza
del Califfato islamico
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori
06.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2018
29.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2018
28.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 10 dicembre 2018.
26.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

La Cina
rilancia
la "Corsa
alla Luna"

Strage
di Corinaldo:
la discoteca
era sovraffollata