Il punto
Immagini articolo
Corriamo il rischio
di trovarci ai margini
CHANTHAL TAUXE


I sondaggi sui temi in votazione il prossimo 24 novembre hanno fatto così clamore che ben poca attenzione è stata rivolta a uno dei primi sondaggi su un altro prossimo scrutinio: quello del 9 febbraio sull'iniziativa dell'Udc "Contro l'immigrazione di massa". Realizzato da Isopublic, ha indicato che il 52% dei votanti sarebbe pronto ad accettare il testo.
La tendenza è inquietante. Accettare questa iniziativa significherebbe la fine degli accordi bilaterali con l'Unione Europea, in nome della clausola ghigliottina: se la Svizzera ricusa la libera circolazione delle persone, allora tutti gli altri accordi cadono, compresi quelli che riguardano i nostri prodotti. Ci si può anche beffare di questa esigenza dell'Ue, pretendere che il Consiglio Federale "non dovrà far altro che negoziare" una soluzione alternativa... Un'incomprensione dei cittadini che cade nel momento peggiore.
I partiti, le Camere e il governo hanno lasciato che si scavasse una voragine tra gli svizzeri e i nuovi standard delle relazioni internazionali. A non vedere il modo in cui il continente e il mondo funzionano, la Svizzera rischia di trovarsi ai margini. La prova è la leggera inquietudine che sale nel dipartimento di Johann Schneider-Ammann. Il nostro ministro dell'Economia ha incontrato il commissario europeo del commercio. E anche in questo caso, la notizia non ha avuto una grande eco. I due politici hanno ricordato l'accordo di libero scambio transatlantico attualmente in corso di negoziazione tra l'Ue e gli Stati Uniti (Tafta). Se questi due blocchi, che rappresentano i nostri principali mercati d'esportazione, si mettono d'accordo sull'abbassamento dei loro diritti doganali, ciò sarà un handicap per la nostra industria e la nostra agricoltura. Il loro intento potrebbe pure spingere le multinazionali americane che avevano scelto la Svizzera per sfuggire al diritto europeo, a rivedere i luoghi d'insediamento perché godrebbero di regole americano-euro-compatibili.
Un'ulteriore prova di una marginalizzazione in corso della Svizzera, la si evince dai recenti propositi di Barnier, commissario europeo per il mercato interno. Ha raffreddato le speranze elvetiche di negoziare lo scambio automatico di informazioni nell'ambito fiscale contro l'accesso al mercato dei servizi finanziari. L'accesso al mercato non si concede à la carte, solo per le banche. Riguarda tutte le attività di servizi. L'Ue cerca una soluzione per i Paesi terzi, soprattutto per gli americani, ma non ci saranno trattamenti privilegiati per la Svizzera, sarebbe contrario alle regole dell'Organizzazione mondiale del commercio. Le nuvole si addensano, anche se gli svizzeri si vogliono convincere che l'estate indiana si prolungherà.
27.10.2013


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.03.2020
Pubblicazione straordinaria: Decreto esecutivo concernente l’annullamento e il rinvio delle elezioni comunali per il periodo 2020-2024 del 18 marzo 2020
18.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2020
13.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2020
11.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
28.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2020
26.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 marzo 2020
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'economia malata
cambierà la società
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi



IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Coronavirus:
il business
della paura

Wuhan:
prove tecniche
di normalità

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00