Il Punto
Immagini articolo
Ad ogni voto popolare
serve un piano B
CHANTAL TAUXE


In occasione delle votazioni popolari, si è instaurata una curiosa abitudine. Siamo chiamati a rispondere a domande precise, ma quando si rivelano delicate, emozionali, non "vinte alla vigilia", ci si pone il problema: qual è il piano B? La nostra democrazia e le nostre istituzioni non sono opzionali, non si basano su varianti, obbligano a decidere. E in caso di verdetto negativo - con la costante necessità di legiferare - di rimettersi al lavoro sul tema. È stato così per l'assicurazione maternità, iscritta nella Costituzione nel 1945, ma che ha dovuto attendere una maggioranza popolare fino al 2004, dopo infiniti tentativi di concretizzazione.
La votazione del 18 maggio sull'acquisto di 22 aerei da combattimento Gripen è l'epilogo di una grande saga, di quelle che solo il dipartimento della Difesa sa alimentare. Non ci si ricorda acquisto di aerei senza controversie per il nostro esercito. La peggiore, quella dei Mirages, è sfociata nelle dimissioni del consigliere federale Paul Chaudet, nel 1966. I 22 Gripen svedesi sono lontani dall'aver sedotto gli svizzeri.
Secondo i sondaggi, il "no" raccoglie il 62%. Ai tradizionali pacifisti che sognano una Svizzera senza esercito, si sono aggiunti gli scettici a proposito delle priorità della difesa e coloro che avrebbero preferito l'acquisto di un altro velivolo.  E Ueli Maurer, ministro della Difesa, fa fatica a convincere.
È in questo difficile contesto che si sono inserite le dichiarazioni del consigliere nazionale Thomas Hurter (Udc, Sciaffusa). L'ex pilota suggerisce apertamente un piano B: acquistare gli aerei direttamente attraverso il budget corrente dell'esercito. La proposta ha suscitato polemiche e non solo nel suo partito. Ammettere di essere pronti ad aggirare la volontà popolare, prima ancora che essa sia espressa, non è stata una mossa molto abile. Inoltre, poco democratica, soprattutto perché arriva da un politico eletto con i voti del partito che santifica il rispetto della volontà popolare. È la prova di un'etica politica a geometria molto, molto variabile.
Un'altra soluzione "di ricambio" è stata sovente evocata: acquistare dei Rafale, assicurandosi così le grazie della Francia nei contenziosi fiscali in corso. Ma, anche in questo caso, sulle speranze è arrivata la doccia fredda da Parigi. La Francia di Manuel Valls e Arnaud de Montebourg non transigerà sulla morale fiscale in cambio di qualche aereo. Non siamo più nell'era dei buoni affari tra amici, siamo piuttosto in quella del regolamento di conti. Se gli svizzeri abbatteranno i Gripen, dovranno assumersene le conseguenze. Anche se è pur vero che, già oggi, subappaltiamo parte della nostra politica dei cieli ai nostri vicini. Almeno fuori dagli orari d'ufficio...
13.04.2014


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prove
di Olimpiadi
con la paura
del coronavirus

Messico: donne
in marcia
contro
i femminicidi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00