Il punto
Immagini articolo
Lo sciopero delle donne
è anche degli uomini
MICHEL GUILLAUME


Nel 1991 un successo aveva sorpreso il mondo: 500mila donne avevano scioperato per protestare contro le discriminazioni salariali. Dieci anni dopo la votazione sull’iscrizione del principio di uguaglianza nella Costituzione federale non è però cambiato ancora niente. Quasi tre decenni dopo, il prossimo 14 giugno, le donne si mobiliteranno ancora in occasione di un secondo sciopero. Nel frattempo, hanno ottenuto il congedo maternità, il diritto all’aborto e una revisione della legge sulla parità. Di più: da quest’anno tre membri su sette del Consiglio federale sono donne.
Tutto bene, dunque? Non proprio. Secondo l’ultimo rapporto sulla parità dei diritti del World economic forum (Wef) di Davos la Svizzera è al 20esimo posto, dopo Paesi come il Ruanda, le Filippine e la Namibia. Per quanto riguarda le differenze salariali la situazione è addirittura peggiorata. Soprattutto a livello europeo, dove si stima che bisognerà attendere ancora 61 anni per raggiungere l’uguaglianza di genere.
Le donne hanno perso la pazienza. Del resto rispetto agli uomini e allo stesso tipo di lavoro guadagnano 7mila franchi in meno l’anno. In realtà, la questione va ben oltre i salari. È la società nel suo insieme che deve cambiare. Nel 2016, secondo l’Ufficio federale di statistica, le donne si sono occupate anche della famiglia, dedicando quasi 9 miliardi di ore del loro tempo. Gratuitamente.  
Lo sciopero del 14 giugno riguarda dunque tutti: anche gli uomini, visto che una delle prossime battaglie verterà sul congedo paternità. Una richiesta portata avanti con un’iniziativa popolare dal sindacato Travail Suisse, che punta a concedere 4 settimane di congedo ai futuri padri. Nel centro-destra, il Ppd si avvia tristemente a proporre un controprogetto che prevede soltanto due settimane. I lavori preparatori nelle commissioni del Parlamento stanno andando avanti, ma in realtà tutto è ancora fermo. I rappresentanti dei datori di lavoro sostengono che il progetto del Ppd non è finanziabile, dimenticando che la politica familiare dovrebbe far parte delle condizioni quadro dell’economia. Concedere dieci giorni a un papà che vuole occuparsi del proprio bebé dovrebbe essere il minimo in un Paese ricco come la Svizzera. In questo senso, lo sciopero delle donne deve diventare anche quello degli uomini. La lotta per l’uguaglianza non ha genere, né sfumature politiche.
17.03.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, luglio 2019
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2019
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio 2019
20.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio 2019
05.08.2019
Comunicazione Ustat: Pericoli naturali Ticino
30.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2019
29.07.2019
Avviso di prudenza del 29.07.2019 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2019 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
14.07.2019
Traversa di Cavanna/Bedretto - coordinate 682/152 - Predazione 3 pecore
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
A Hong Kong la rivolta
che cambierà la Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il tiranno Salvini
al ballo del Papeete
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Le pubblicazioni
di Rezzonico
Editore

Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Indonesia:
Giacarta,
la città
che affonda

Open Arms,
Salvini autorizza
lo sbarco
dei minori

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00