Il punto
Immagini articolo
Lo sciopero delle donne
è anche degli uomini
MICHEL GUILLAUME


Nel 1991 un successo aveva sorpreso il mondo: 500mila donne avevano scioperato per protestare contro le discriminazioni salariali. Dieci anni dopo la votazione sull’iscrizione del principio di uguaglianza nella Costituzione federale non è però cambiato ancora niente. Quasi tre decenni dopo, il prossimo 14 giugno, le donne si mobiliteranno ancora in occasione di un secondo sciopero. Nel frattempo, hanno ottenuto il congedo maternità, il diritto all’aborto e una revisione della legge sulla parità. Di più: da quest’anno tre membri su sette del Consiglio federale sono donne.
Tutto bene, dunque? Non proprio. Secondo l’ultimo rapporto sulla parità dei diritti del World economic forum (Wef) di Davos la Svizzera è al 20esimo posto, dopo Paesi come il Ruanda, le Filippine e la Namibia. Per quanto riguarda le differenze salariali la situazione è addirittura peggiorata. Soprattutto a livello europeo, dove si stima che bisognerà attendere ancora 61 anni per raggiungere l’uguaglianza di genere.
Le donne hanno perso la pazienza. Del resto rispetto agli uomini e allo stesso tipo di lavoro guadagnano 7mila franchi in meno l’anno. In realtà, la questione va ben oltre i salari. È la società nel suo insieme che deve cambiare. Nel 2016, secondo l’Ufficio federale di statistica, le donne si sono occupate anche della famiglia, dedicando quasi 9 miliardi di ore del loro tempo. Gratuitamente.  
Lo sciopero del 14 giugno riguarda dunque tutti: anche gli uomini, visto che una delle prossime battaglie verterà sul congedo paternità. Una richiesta portata avanti con un’iniziativa popolare dal sindacato Travail Suisse, che punta a concedere 4 settimane di congedo ai futuri padri. Nel centro-destra, il Ppd si avvia tristemente a proporre un controprogetto che prevede soltanto due settimane. I lavori preparatori nelle commissioni del Parlamento stanno andando avanti, ma in realtà tutto è ancora fermo. I rappresentanti dei datori di lavoro sostengono che il progetto del Ppd non è finanziabile, dimenticando che la politica familiare dovrebbe far parte delle condizioni quadro dell’economia. Concedere dieci giorni a un papà che vuole occuparsi del proprio bebé dovrebbe essere il minimo in un Paese ricco come la Svizzera. In questo senso, lo sciopero delle donne deve diventare anche quello degli uomini. La lotta per l’uguaglianza non ha genere, né sfumature politiche.
17.03.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur