function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Il punto
Immagini articolo
Lo sciopero delle donne
è anche degli uomini
MICHEL GUILLAUME


Nel 1991 un successo aveva sorpreso il mondo: 500mila donne avevano scioperato per protestare contro le discriminazioni salariali. Dieci anni dopo la votazione sull’iscrizione del principio di uguaglianza nella Costituzione federale non è però cambiato ancora niente. Quasi tre decenni dopo, il prossimo 14 giugno, le donne si mobiliteranno ancora in occasione di un secondo sciopero. Nel frattempo, hanno ottenuto il congedo maternità, il diritto all’aborto e una revisione della legge sulla parità. Di più: da quest’anno tre membri su sette del Consiglio federale sono donne.
Tutto bene, dunque? Non proprio. Secondo l’ultimo rapporto sulla parità dei diritti del World economic forum (Wef) di Davos la Svizzera è al 20esimo posto, dopo Paesi come il Ruanda, le Filippine e la Namibia. Per quanto riguarda le differenze salariali la situazione è addirittura peggiorata. Soprattutto a livello europeo, dove si stima che bisognerà attendere ancora 61 anni per raggiungere l’uguaglianza di genere.
Le donne hanno perso la pazienza. Del resto rispetto agli uomini e allo stesso tipo di lavoro guadagnano 7mila franchi in meno l’anno. In realtà, la questione va ben oltre i salari. È la società nel suo insieme che deve cambiare. Nel 2016, secondo l’Ufficio federale di statistica, le donne si sono occupate anche della famiglia, dedicando quasi 9 miliardi di ore del loro tempo. Gratuitamente.  
Lo sciopero del 14 giugno riguarda dunque tutti: anche gli uomini, visto che una delle prossime battaglie verterà sul congedo paternità. Una richiesta portata avanti con un’iniziativa popolare dal sindacato Travail Suisse, che punta a concedere 4 settimane di congedo ai futuri padri. Nel centro-destra, il Ppd si avvia tristemente a proporre un controprogetto che prevede soltanto due settimane. I lavori preparatori nelle commissioni del Parlamento stanno andando avanti, ma in realtà tutto è ancora fermo. I rappresentanti dei datori di lavoro sostengono che il progetto del Ppd non è finanziabile, dimenticando che la politica familiare dovrebbe far parte delle condizioni quadro dell’economia. Concedere dieci giorni a un papà che vuole occuparsi del proprio bebé dovrebbe essere il minimo in un Paese ricco come la Svizzera. In questo senso, lo sciopero delle donne deve diventare anche quello degli uomini. La lotta per l’uguaglianza non ha genere, né sfumature politiche.
17.03.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00