function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Il punto
Immagini articolo
Una storia di successo
con la qualità svizzera
GERHARD LOB


S i attendeva la notizia da qualche mese. E alla fine è arrivata. La Stadler Rail, costruttore ferroviario di Bussnang, nel Canton Turgovia, sbarcherà in borsa. Nei prossimi mesi l’azienda chiederà di essere quotata sul mercato di Zurigo. Questa decisione è solo l’ultimo tassello di una storia industriale che ha dell’incredibile. Una storia legata all’imprenditore Peter Spuhler (60 anni), economista zurighese, già consigliere nazionale Udc dal 1999 al 2012. Nel 1989 Spuhler comprò questa azienda che apparteva ai suoi suoceri per 4,5 milioni di franchi grazie ad un credito ottenuto in banca. Allora l’impresa contava appena 18 dipendenti.
In 30 anni Spuhler ha creato una multinazionale con 1.700 dipendenti a Bussnang e altri 7.500 a livello internazionale con un fatturato di circa 2 miliardi di franchi, realizzando fabbriche in Germania, Polonia, Bielorussia e Stati Uniti. È riuscito a imporsi in un settore altamente competitivo come la costruzione di materiale rotabile ferroviario, facendo i conti con la concorrenza di colossi come Bombardier, Alstom o Siemens. Come è riuscito nell’impresa? Resta un segreto, ma sicuramente il suo successo è legato alla qualità svizzera su cui ha puntato. Tutti i passeggeri che in Ticino usano i treni Flirt della Tilo lo sanno. Questi convogli sono il prodotto di punta di Stadler. Si può solo sperare che i nuovi Intercity Giruno siano ugualmente buoni e affidabili.
Peter Spuhler nella vita ha sempre dato priorità alla sua azienda. Proprio per questo motivo nel 2012 ha dato le dimissioni da consigliere nazionale, pur avendo buone chance di diventare consigliere federale. Ma un ritorno in politica non sembra escluso. Qualche anno fa diceva d’essere pronto a fare il consigliere agli Stati per il canton Turgovia se il suo partito glielo avesse chiesto. Sino ad oggi la richiesta non è arrivata, forse perché Spuhler è un fautore della libera circolazione delle persone. La sua posizione verso l’Ue è molto più conciliante di quella ufficiale del suo partito.
Nella sua carriera professionale ha ricevuto varie volte il premio "Manager dell’anno". Purtroppo nella vita privata il destino lo ha messo davanti a una tragedia. Nel 2015 ha perso il secondo figlio Laurin. Una "morte in culla" fenomeno assai raro e finora inspiegabile. Nell’annuncio funebre lui e la moglie (la seconda) scrivevano d’essere "senza parole e pieni di dolore". Spuhler, allora, dimostrò d’essere non solo un imprenditore eccezionale, ma anche un uomo con profonde emozioni.
24.03.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La sovranità perduta
blocca il dialogo con l'Ue
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I patti dell'intelligence
con i trafficanti di droga
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Belgio: dorme
nel suo bar
per protesta
contro le chiusure

La CDU
sceglie l’erede
di Angela
Merkel

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00