Si riapre il confronto sulla maternità coi reparti dell'Ente
Immagini articolo
Sono troppi i cesarei
nelle cliniche private
PATRIZIA GUENZI


Un’incisione di quindici centimetri per far nascere il bebè col bisturi, costo medio 3mila franchi. Ma in totale, calcolando anche la degenza della mamma, un parto cesareo viene fatturato dagli ospedali tra gli 8’500 e i 10’500 franchi, mentre uno naturale oscilla dai 6’000 ai 7’500 franchi (costi ufficiali registrati dall’Acsi nel 2012). E in Ticino, su circa 3mila nascite annue, la media dei cesarei è di oltre un terzo. Secondo l’Oms, Organizzazione mondiale della sanità, il tasso non dovrebbe superare il 10-15%. Già l’Eoc, Ente ospedaliero cantonale, nel 2013 ha sforato di parecchio con un 27,5%; la clinica Sant’Anna di Sorengo si attestava al 40,7%, mentre la Santa Chiara di Locarno registrava il 42,9%. Percentuale, quest’ultima, nel frattempo salita al 44,8%, come ha precisato la dottoressa Daniela Soldati, membro del cda della clinica, durante un’audizione con la Commissione speciale della pianificazione ospedaliera. Era l’agosto 2014 e si stavano gettando le basi per una futura collaborazione tra pubblico e privato per ostetricia, neonatologia e ginecologia. Progetto naufragato dopo la recente bocciatura della riforma sanitaria.
I tagli cesarei rappresentano una prestazione importante per la sanità privata, "rifugio" di molte donne spaventate dal parto naturale. O che, come ha ricordato la dottoressa Soldati sempre durante l’audizione, "si rivolgono a noi perché in ospedale subiscono forti pressioni per partorire naturalmente".
Va ricordato che alla clinica Sant’Anna di Lugano e alla Santa Chiara di Locarno le tariffe a carico delle casse malati, sia per il parto naturale che per il cesareo, sono un po’ più basse rispetto all’Eoc (circa il 5 per cento in meno). Un costo inferiore compensato dall’elevato numero di cesarei.
Intanto, la Federazione svizzera delle levatrici non nasconde la sua preoccupazione per l’elevata quantità di parti cesarei che si registra oggi nella Confederazione. Tanto più se si considerano i rischi di effetti collaterali, le difficoltà per i parti successivi e le conseguenze per il sistema immunitario del bambino, senza parlare dei maggiori costi a carico delle assicurazioni e dello Stato. La Federazione delle levatrici fa, perciò, sue le parole del direttore del dipartimento Family Health and Research dell’Oms, per il quale  i cesarei sono operazioni programmabili, più brevi rispetto a un travaglio naturale e permettono, inoltre, di ridurre il lavoro di notte e durante il fine settimana. Sono quindi chiaramente più redditizi per ospedali pubblici e cliniche private.
Nel 2014 in Svizzera sono nati 84.014 bambini. Di questi, 28.337 con l’aiuto del bisturi. Un tasso del 33,7%, ben superiore alle direttive dell’Oms. Tra i cantoni più "virtuosi" spiccano Giura e Vallese, 23 e 26%. Il Ticino, con il 33,6% è nella media nazionale. I "peggiori" sono Zugo e Basilea, attorno al 40%.
Per i sostenitori della nascita senza bisturi, frenare l’aumento dei cesarei e degli interventi medici non necessari nei parti a basso rischio non significa lasciar soffrire la donna, bensì rispettare le condizioni necessarie per un travaglio naturale. Le levatrici hanno pubblicato un dépliant in cui spiegano che a parità di rischio il cesareo non garantisce al neonato una nascita migliore. Possono esserci più disturbi di respirazione rispetto a un neonato nato per via naturale.
Nelle cliniche private, dove operano ginecologi esterni, ogni medico dà le proprie indicazioni alla futura mamma o è più propenso ad ascoltarne le richieste, mentre le quattro maternità pubbliche del cantone hanno sottoscritto la convenzione Unicef che favorisce i parti naturali. Discorso diverso per le gravidanze ad alto rischio, su cui tutti concordano: vanno trasferite in un centro di neonatologia.  
Tuttavia, anche nel caso di un parto naturale a volte si utilizza il bisturi. Come nell’episiotomia, una piccola incisione del perineo per agevolare il passaggio del bebè. Un intervento minimo, ma fatturato a parte alle casse malati. La media svizzera è del 22,9% (dati 2013). All’Eoc del 29%, alla Sant’Anna del 23,5% e alla Santa Chiara del 42%, che anche in questa casistica si conferma in prima posizione. Per i cesarei la dottoressa Soldati ai commissari della Pianificazione ha ricordato: "Lasciamo piena libertà alle mamme di decidere secondo quali modalità far nascere il loro bambino. La differenza nelle nascite tramite cesareo la fanno le scelte delle mamme".
Di chi sia o no la decisione, fatto è che oltre il 40% di cesarei nelle cliniche private è un dato rilevante.  

pguenzi@caffe.ch
@PatriziaGuenzi
12.06.2016


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento