Si riapre il confronto sulla maternità coi reparti dell'Ente
Immagini articolo
Sono troppi i cesarei
nelle cliniche private
PATRIZIA GUENZI


Un’incisione di quindici centimetri per far nascere il bebè col bisturi, costo medio 3mila franchi. Ma in totale, calcolando anche la degenza della mamma, un parto cesareo viene fatturato dagli ospedali tra gli 8’500 e i 10’500 franchi, mentre uno naturale oscilla dai 6’000 ai 7’500 franchi (costi ufficiali registrati dall’Acsi nel 2012). E in Ticino, su circa 3mila nascite annue, la media dei cesarei è di oltre un terzo. Secondo l’Oms, Organizzazione mondiale della sanità, il tasso non dovrebbe superare il 10-15%. Già l’Eoc, Ente ospedaliero cantonale, nel 2013 ha sforato di parecchio con un 27,5%; la clinica Sant’Anna di Sorengo si attestava al 40,7%, mentre la Santa Chiara di Locarno registrava il 42,9%. Percentuale, quest’ultima, nel frattempo salita al 44,8%, come ha precisato la dottoressa Daniela Soldati, membro del cda della clinica, durante un’audizione con la Commissione speciale della pianificazione ospedaliera. Era l’agosto 2014 e si stavano gettando le basi per una futura collaborazione tra pubblico e privato per ostetricia, neonatologia e ginecologia. Progetto naufragato dopo la recente bocciatura della riforma sanitaria.
I tagli cesarei rappresentano una prestazione importante per la sanità privata, "rifugio" di molte donne spaventate dal parto naturale. O che, come ha ricordato la dottoressa Soldati sempre durante l’audizione, "si rivolgono a noi perché in ospedale subiscono forti pressioni per partorire naturalmente".
Va ricordato che alla clinica Sant’Anna di Lugano e alla Santa Chiara di Locarno le tariffe a carico delle casse malati, sia per il parto naturale che per il cesareo, sono un po’ più basse rispetto all’Eoc (circa il 5 per cento in meno). Un costo inferiore compensato dall’elevato numero di cesarei.
Intanto, la Federazione svizzera delle levatrici non nasconde la sua preoccupazione per l’elevata quantità di parti cesarei che si registra oggi nella Confederazione. Tanto più se si considerano i rischi di effetti collaterali, le difficoltà per i parti successivi e le conseguenze per il sistema immunitario del bambino, senza parlare dei maggiori costi a carico delle assicurazioni e dello Stato. La Federazione delle levatrici fa, perciò, sue le parole del direttore del dipartimento Family Health and Research dell’Oms, per il quale  i cesarei sono operazioni programmabili, più brevi rispetto a un travaglio naturale e permettono, inoltre, di ridurre il lavoro di notte e durante il fine settimana. Sono quindi chiaramente più redditizi per ospedali pubblici e cliniche private.
Nel 2014 in Svizzera sono nati 84.014 bambini. Di questi, 28.337 con l’aiuto del bisturi. Un tasso del 33,7%, ben superiore alle direttive dell’Oms. Tra i cantoni più "virtuosi" spiccano Giura e Vallese, 23 e 26%. Il Ticino, con il 33,6% è nella media nazionale. I "peggiori" sono Zugo e Basilea, attorno al 40%.
Per i sostenitori della nascita senza bisturi, frenare l’aumento dei cesarei e degli interventi medici non necessari nei parti a basso rischio non significa lasciar soffrire la donna, bensì rispettare le condizioni necessarie per un travaglio naturale. Le levatrici hanno pubblicato un dépliant in cui spiegano che a parità di rischio il cesareo non garantisce al neonato una nascita migliore. Possono esserci più disturbi di respirazione rispetto a un neonato nato per via naturale.
Nelle cliniche private, dove operano ginecologi esterni, ogni medico dà le proprie indicazioni alla futura mamma o è più propenso ad ascoltarne le richieste, mentre le quattro maternità pubbliche del cantone hanno sottoscritto la convenzione Unicef che favorisce i parti naturali. Discorso diverso per le gravidanze ad alto rischio, su cui tutti concordano: vanno trasferite in un centro di neonatologia.  
Tuttavia, anche nel caso di un parto naturale a volte si utilizza il bisturi. Come nell’episiotomia, una piccola incisione del perineo per agevolare il passaggio del bebè. Un intervento minimo, ma fatturato a parte alle casse malati. La media svizzera è del 22,9% (dati 2013). All’Eoc del 29%, alla Sant’Anna del 23,5% e alla Santa Chiara del 42%, che anche in questa casistica si conferma in prima posizione. Per i cesarei la dottoressa Soldati ai commissari della Pianificazione ha ricordato: "Lasciamo piena libertà alle mamme di decidere secondo quali modalità far nascere il loro bambino. La differenza nelle nascite tramite cesareo la fanno le scelte delle mamme".
Di chi sia o no la decisione, fatto è che oltre il 40% di cesarei nelle cliniche private è un dato rilevante.  

pguenzi@caffe.ch
@PatriziaGuenzi
12.06.2016


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017
18.10.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 18 ottobre 2017 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe