I social network fanno aumentare le denunce per ingiurie
Immagini articolo
Agenti, politici sportivi,
nella trappola del web
MAURO SPIGNESI


Pensavano d’essere fra quattro amici al bar, invece erano su internet e il loro insulto postato magari in un momento di rabbia è passato, come si dice alla tv, in mondovisione. Prima di finire dritto dentro un incarto del ministero pubblico. Ingiurie, diffamazione e calunnie, sono diventate tra le denunce più comuni da quando esiste internet e soprattutto da quando esso è accessibile a tutti e tutti sono iscritti ai social network. Come Facebook, dove politici, professionisti, sportivi hanno lanciato insulti senza pensare alle possibili conseguenze. Che sono poi puntualmente arrivate attraverso una denuncia.
Persino gli agenti di polizia sono caduti nella trappola, postando richiami non proprio democratici di personaggi condannati dalla storia. Perché oggi, come spiegano gli esperti, chi scrive qualcosa sul web non ha poi scampo. Verrà sempre rintracciato e se l’offesa è dimostrata, condannato. Con l’avvento della Rete, inoltre, anche la giurisprudenza si sta pian piano adattando al nuovo mondo digitale con piccoli, ma rilevanti accorgimenti. Ad esempio ha fatto discutere una sentenza del Tribunale federale pronunciata nel 2015 su un caso di diffamazione partito da un articolo pubblicato su un blog ticinese, che ha aperto il dibattito sui tempi di prescrizione. Questo perché tutti ritengono che fintanto che una ingiuria, una calunnia o una diffamazione restano su internet, il reato vive. E cioè che qualsiasi giorno è buono per far partire il termine e calcolare appunto la prescrizione, cioè quattro anni. Se nel giro di questo periodo non c’è una sentenza la persona va prosciolta. In questo caso la sentenza di primo grado diceva che il termine dei quattro anni andava calcolato dal momento in cui l’offesa era stata cancellata. Se invece si fosse calcolato il termine dal momento in cui il post che conteneva l’offesa era stato caricato su internet, ovviamente molto prima, l’effetto sarebbe stato tardivo.
Sulla Rivista ticinese di diritto l’avvocato Gianni Cattaneo ha analizzato sin nel dettaglio la vicenda giudiziaria e ha sostanzialmente sostenuto che oggi più che mai si impone una revisione della normativa. Il legislatore, prima dell’era web, aveva pensato ai quattro anni perché "gli effetti delle lesioni dell’onore svaniscono con il passare del tempo". Questo nel caso di stampa o tv o radio.  In pratica il legale ha sostenuto che oggi vanno allungati i termini di prescrizione, aggiungendo un’aggravante formale alla normativa. Questo perché contrariamente alla stampa il reato commesso online persiste più nel tempo, perché i post offensivi possono essere condivisi, replicati.
09.04.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il Califfo capitola
ma non all'estero
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I nuovi pirati del mare
sono gli scafisti armati
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Da al Quaeda a Isis
tutto si è semplificato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Disposte a tutto
per i propri figli
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nei menù si trova
la civiltà del domani
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2017
14.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2017
11.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2017
07.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, secondo trimestre 2017
07.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2017
06.09.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 settembre 2017.
05.09.2017
Pubblicati i dati di quattro ulteriori punti di misura delle PM2.5 in Ticino: Airolo, Locarno, Brione e Pregassona [www.ti.ch/oasi]
30.08.2017
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2016
30.08.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2017
24.08.2017
Proscioglimento dagli obblighi militari 2017
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Corea del Nord:
bombardieri
Usa sorvolano
le coste

Francia:
i "ribelli"
in piazza
contro Macron

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch