L'economista Amalia Mirante difende la Rsi
"A rischio ci sono
migliaia di impieghi"
LIBERO D'AGOSTINO


L’ appello per difendere la radiotelevisione pubblica, lanciato dall’associazione "Amici della Rsi" ha già superato le 1700 firme. "Il servizio pubblico radiotelevisivo è sotto attacco da tempo e ora c’è chi vuole eliminarlo del tutto. La Ssr, e con essa la Rsi, va invece difesa e sostenuta se si vogliono preservare la libertà d’opinione e un’informazione oggettiva nell’interesse di tutta la popolazione" afferma l’economista dell’Usi, Amalia Mirante.
Mirante è tra i promotori della nuova associazione che vuole contrastare la minaccia dell’iniziativa popolare "No Billag" per l’abolizione del canone radio-tv che, di fatto, potrebbe significare anche la fine della Rsi. Secondo Mirante è fondamentale tutelare l’indipendenza e la qualità dell’informazione pubblica in un panorama editoriale che in Svizzera, con la morte di testate prestigiose, come il settimanale L’Hebdo, e la concentrazione di altre, sta conoscendo radicali cambiamenti dettati da una logica di mercato dominata dal principio del chi paga comanda. "Proprio questo dimostra la necessità di difendere un’informazione libera - dice -. Libera di vendere senza doversi vendere".
Abolendo il canone per la Rsi suonerebbero le campane a morto. "A rischio ci sono 1200 posti di lavoro - avverte Mirante- più un altro migliaio d’impieghi nell’indotto, con i relativi redditi e gettito fiscale. Persone che hanno casa qui, che vivono e consumano qui. Non dimentichiamo che la Rsi è uno dei più grandi datori di lavoro del cantone ed è pure un incubatore di professionalità". All’obiezione di chi sostiene che se la Rsi è davvero un’azienda efficiente e professionale, sarà capace di stare sul mercato anche senza i soldi del canone, l’economista replica decisa: "Impossibile in un mercato di appena 350mila persone come quello ticinese, non in grado, perciò, di assicurare risorse alternative a quelle che arrivano ora da Berna. Senza gli introiti attuali la Rsi non potrebbe assolvere alla sua missione istituzionale, ossia essere lo specchio del nostro Paese e della realtà culturale della Svizzera italiana, garantendo anche un’informazione di prossimità che nessun servizio privato assicurerebbe. Senza la Rsi il suo spazio sarebbe inevitabilmente occupato dalle emittenti estere che già oggi rappresentano una temibile concorrenza". E c’è, poi, la grande questione della coesione nazionale, dell’unità nella diversità di un Paese con quattro lingue e quattro culture diverse, in cui ad ogni realtà regionale si assicura, anche attraverso il servizio pubblico radiotelevisivo, pari dignità e visibilità.
"Oggi ci si lamenta tanto che lingua italiana venga progressivamente eliminata dai programmi scolastici degli altri cantoni - ricorda Mirante - e, allora, domandiamoci che cosa resterebbe della nostra italianità nel panorama culturale nazionale senza la Rsi". Le oltre 1700 firme raccolte in pochi giorni da un’associazione, nata al di fuori dai partiti e dalla Rsi, sono per Mirante la chiara dimostrazione dell’attacamento dei ticinesi alla radio-tv pubblica: "Sinora hanno firmato soprattutto cittadini comuni, ben consapevoli della reale posta in gioco".
l.d.a.
11.06.2017


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin