Sport, fillm e informazione, analisi della spesa televisiva
Immagini articolo
Ecco tutti i costi
dei programmi Rsi
EZIO ROCCHI BALBI


Ogni settimana vedere lo sport Rsi in tv costa 1,12 franchi a famiglia. Nella stessa settimana le varie edizioni del Telegiornale costano a Comano più di 200mila. Un film costa mediamente 14mila franchi e ogni puntata di una serie tv sui 3’000. A patto che che non sia made in Ticino, perché in questo caso supererebbe i 60mila franchi. Un "listino prezzi" in linea con  le altre emittenti Ssr (vedi articolo accanto).
I "tagli" per il momento non sono stati profondi,  almeno per  i programmi, perché basta fare due calcoli, leggendo il rapporto di gestione dell’ente, per appurare quanto abbiano inciso sul bilancio. Dopo un 2015 con un risultato d’esercizio in rosso per oltre cento milioni, se la Ssr è tornata nelle cifre nere,  è quasi esclusivamente grazie ai tagli del personale. Alla voce "entrate" figurano 33 milioni in più, mentre il vero ago della bilancia è in quei 125 milioni di costi del personale in meno, che hanno permesso di azzerare il disavanzo precedente e accantonare il resto, 25 milioni. Gli altri costi, da quelli dei programmi a quelli amministrativi e gestionali, non sono diminuiti di una virgola. Perché fare tv, tagli o non tagli, costa. Resta il fatto che, nonostante il "sacrificio" di risorse umane, più di 4 franchi su 10 sono spesi in stipendi. Alla fine il costo di programmi e  produzioni è del 10% inferiore a quello dei dipendenti: 600,6 milioni. Grazie alla nuova politica di trasparenza si scoprono i costi dei preziosissimi diritti sportivi, che nell’ultimo quadriennio hanno consentito la copertura di un centinaio di discipline sportive, ma toccando la media annua di 51,2 milioni.  Diritti che non vengono conteggiati nei costi di Comano, che vede i suoi investimenti più onerosi  nelle trasmissioni prettamente di servizio pubblico: informazione, cultura e documentaristica. "Investiamo molto anche nelle coproduzioni nazionali e nella fiction che realizziamo attraverso il Pacte de l’audiovisuel con cui la Ssr sostiene l’industria cinematografica svizzera - spiega Milena Folletti, responsabile Programmi e Immagine Rsi -. Se acquistassimo più serie e film e riducessimo la produzione propria potremmo risparmiare, ma ci perderemmo in know-how,  ricchezza e diversificazione culturale. In autunno diffonderemo due nuove fiction prodotte dalla Rsi anche per sostenere il mercato audiovisivo svizzero. I telefilm Usa sono molto seguiti, così come quelli europei, che abbiamo incrementato. Questi prodotti costano meno e assicurano buoni ascolti, ma, seguendo il nostro mandato di servizio pubblico, siamo molto attenti a valorizzare produzioni e coproduzioni svizzere. Certo ci sono dei margini di ottimizzazione, ma già ora le nostre produzioni sono economicamente competitive". Spese inferiori si registrano soprattutto per le trasmissioni in diretta da studio, quelle "seriali" che non comportano rifacimenti di scenografie o, ad esempio, "Il gioco del mondo" e "60 minuti", che non richiedono  filmati e reportage. Il problema è come diminuire ancora i costi senza intaccare la qualità dell’offerta. "Abbiamo già iniziato nel 2010 col piano ‘Efficienza’ - precisa Giuseppe Gallucci, responsabile Finanze e amministrazione Rsi - e i nostri costi amministrativi si attestano attorno al 5%, i più bassi della Ssr. Percentuale difficile da riscontrare anche nei network privati. Forse, l’evoluzione tecnologica potrà aiutare a ridurre ancora i costi di produzione". e.r.b.
11.06.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
12.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2017
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo
28.11.2017
Concorsi scolastici: sono aperti i concorsi per la nomina e l’incarico di docenti e operatori per l’anno scolastico 2018/2019
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel