La deputata Udc Nathalie Rickli vuole spazio per i privati
'La Ssr deve svegliarsi
non è una vacca sacra'
MASSIMO SCHIRA


L’iniziativa per l’eliminazione del canone radiotelevisivo la giudica "eccessiva", ma non accetta che il governo non proponga un controprogetto con cui rimettere in discussione il ruolo dominante della Ssr e lo spazio concesso ai media privati. Nathalie Rickli, 41enne deputata dell’Udc al Consiglio nazionale, è uno dei primi nomi di grido della politica federale ad essere intervenuta con particolare decisione sul problema del canone. "La Ssr non è una vacca sacra, deve svegliarsi - spiega Rickli al Caffè -. È più che mai necessario chiedersi quanto sia giusto che lo Stato finanzi tv e media. E in che misura debba farlo. Secondo me, il canone va senza dubbio diminuito e nelle prossime settimane l’idea di proporre un controprogetto all’iniziativa ‘No Billag’ tornerà d’attualità nella commissione del Nazionale, dopo il no risicato agli Stati".
Concretamente, l’idea della parlamentare democentrista è quella di portare l’abbonamento radiotelevisivo a circa 300 franchi contro gli attuali 462, facendo così scendere il contributo pubblico a circa 750 milioni l’anno, rispetto al miliardo di oggi. "Pensare ad una Svizzera senza canone radiotelevisivo non mi sembra possibile - aggiunge Rickli -, perché credo che il mandato di servizio pubblico sia importante e vada preservato, anche nell’ottica della tutela del plurilinguismo e delle zone periferiche. Questa è, però, l’occasione per lanciare un dibattito profondo sull’ente radiotelevisivo, per riflettere sul ruolo della Ssr  e far capire all’azienda che è arrivato il momento di svegliarsi. Si tratta di capire se con meno mezzi a disposizione, la Ssr saprà realizzare un prodotto di qualità, incentrato sull’informazione".
Uno degli aspetti centrali della questione è certamente il ruolo dei privati. Sia dal profilo della pluralità d’informazione, sia da quello della raccolta pubblicitaria. "Nel ventunesimo secolo, mi sembra più che lecito interrogarsi su cosa debba fare lo Stato nel campo dei media e della comunicazione e cosa, invece, spetti all’economia privata - precisa la deputata -. Molti privati non hanno la forza per confrontarsi con la Ssr e quindi non è la strada giusta, ad esempio, quella di permettere all’ente pubblico di sviluppare con forza l’offerta su internet. Quindi di pubblicità sul web della Ssr non si deve assolutamente parlare, perché l’offerta privata già esiste e non si può opporle una concorrenza dell’ente pubblico. Sarebbe sbagliato".
Altro problema molto dibattuto è quello della pubblicità. In Paesi come l’Inghilterra alla tv di Stato non è permesso accedere al mercato pubblicitario. Una scelta, secondo Rickli, non adatta al caso svizzero, anche perché in Inghilterra la lingua è una sola. "In una situazione ideale, è chiaro che lo Stato dovrebbe incassare il canone radiotelevisivo per l’ente pubblico, mentre la pubblicità dovrebbe rimanere solo in mano ai privati - osserva la deputata udc -. Ma in Svizzera, oltre al plurilinguismo, lo stesso mercato pubblicitario aperto porta benefici a tutti, non solo alla Ssr". Il dibattito, al di là del voto sull’iniziativa "No Billag" è lanciato: "Ed è un fatto positivo su cui la Commissione del Nazionale dovrà riflettere".  m.s.
11.06.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo
28.11.2017
Concorsi scolastici: sono aperti i concorsi per la nomina e l’incarico di docenti e operatori per l’anno scolastico 2018/2019
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel