L'assemblea generale della Corsi approva i conti Rsi
Immagini articolo
Un netto no all'iniziativa
contro il canone
LIBERO D'AGOSTINO


Confermando di considerare un servizio pubblico forte essenziale per il funzionamento della democrazia e per le identità regionali, l’assemblea generale della Corsi, la cooperativa che gestisce la Rsi, è scesa in campo ieri, sabato,   approvando un’opposizione attiva e decisa all’iniziativa No-Billag.  All’unanimità ha inoltre approvato sia il Rapporto d’attività 2016, sia i relativi conti della società dove, tra tagli e risparmi da mesi va in onda la paura. Esercizio non facile per Ssr quello di ridurre i costi senza intaccare la qualità dell’offerta.  A Comano, come altrove, si è cercato di risparmiare soprattutto sul personale, contenendo il più possibile le spese del palinsesto. Ma ora il pericolo maggiore è l’iniziativa popolare per abolire il canone  radiotelevisivo, che priverebbe la Ssr e le sue sedi regionali di entrate indispensabili. Troppo caro un canone annuo di 462 franchi sostengono gli iniziativisti, che non tutti vogliono o possono pagare; la Ssr deve essere capace di finanziarsi da sola sul mercato.  Dal fronte opposto si replica che il canone è fondamentale per salvaguardare la libertà d’opinione,  un’informazione oggettiva e la stessa visibilità alle diverse regioni linguistiche.  Per tacere delle migliaia di posti di lavoro in gioco.  Molto probabilmente si andrà al voto nell’estate del 2018, ma la battaglia è gia iniziata.
11.06.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

La polizia e il migrante,
i perchè di una tragedia
L'INCHIESTA

Sono 85 mila i ticinesi
tartassati dalle Casse
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ora aleggia il fantasma
del camionista polacco
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Dietro le autonomie
solo forza economica
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I nuovi pirati del mare
sono gli scafisti armati
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Da al Quaeda a Isis
tutto si è semplificato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017
18.10.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 18 ottobre 2017 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
13.10.2017
Concorso letterario "Castelli di carta" – Cerimonia di premiazione, martedì 24 ottobre 2017, ore 18.30
13.10.2017
Aggiornata la pagina Protezione ABC con la pubblicazione dei dati statistici inerenti gli interventi del picchetto NOI nel 2016 [www.ti.ch/protezioneabc]
04.10.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 16 ottobre 2017.
28.09.2017
Pubblicati i dati statistici del passaggio di autobotti con merci pericolose sull'autostrada A2 presso Coldrerio nel 2016 [www.ti.ch/protezioneabc]
26.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2017
25.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2017
18.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Londra:
auto piomba
sul marciapiede,
diversi feriti

Russia:
Onda di proteste
anti-Putin finisce
in repressione