In pochi trovano il coraggio di denunciare il persecutore
Immagini articolo
'Noi, violentate...,
vi chiediamo aiuto
PATRIZIA GUENZI


Di violenza domestica si parla troppo poco. Eppure, stando ai reati registrati nel 2016 dalla polizia in Svizzera, le vittime sono in aumento. Erano 17.297 nel 2015 e sono salite a 17.685 nel 2016. Si va dalle lesioni, più o meno gravi, alla coazione sessuale, dall’abbandono allo sfruttamento dello stato di bisogno. Un allarme registrato anche in Ticino dal direttore delle Istituzioni, Norman Gobbi, che lo scorso aprile, ha giudicato "troppi!" i due casi sospetti di violenza domestica al giorno. Anche nell’ultima settimana, la polizia è intervenuta in un appartamento a Lugano, dove una coppia stava litigando furiosamente.
Le strutture di accoglienza non mancano nel cantone. Come osserva Ivan Pau-Lessi, presidente della Commissione di coordinamento per l’aiuto alle vittime: "Ascolto, protezione e sostegno durante tutto l’iter giudiziario sono garantiti". Ma forse, o a volte, non basta. Serve una rete più stretta, come chiede Simona Davi, che ha raccontato il suo calvario al Caffè. Quando ha avuto la forza di denunciare il suo aguzzino s’è trovata in un altro incubo. Non per niente i casi che emergono sono solo la punta dell’iceberg. E visto che i delitti sessuali sono associati al senso di colpa, spesso non sono denunciati. Come sottolinea Prevezione svizzera della criminalità. Simona ha impiegato 10 anni per dire basta. Il suo stupratore ha ammesso le sue colpe ed è stato condannato. Ma tra interrogatori, confronti e visite psichiatriche lei ha rivissuto tutte quante le violenze. Una ad una. Forse, dice Simona, un sostegno meno traumatico e più empatico per la vittima c’è.
18.06.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Troppa canapa light
e il mercato è saturo
L'INCHIESTA

Se lavori oltre i 65
rendite più ricche
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dagli esodati
ai pensionati d'oro
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una tregua "olimpica"
riunisce le due Coree
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La folle corsa nucleare
non è solo propaganda
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La tendenza a esagere
...ereditata dai greci
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2018
12.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre 2017
12.02.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È in linea il nuovo dossier concernente la protezione dell'ambiente in Ticino
08.02.2018
La Segreteria del Gran Consiglio ha pubblicato la lista delle presenze dei Deputati alle sedute della legislatura in corso
07.02.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 febbraio prossimo
01.02.2018
Aggiornato il formulario della domanda di costruzione (versione 01.2018) [www.ti.ch/edilizia]
31.01.2018
Lingue e stage all'estero - 20 anni di scambi linguistici. Partecipa al concorso.
22.01.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2017
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kosovo:
si festeggiano
i 10 anni
d'indipendenza

Messico:
la terra trema
e le paure
riaffiorano