Polemiche e analisi dopo il delitto di Ascona
Immagini articolo
Le donne oggi sanno
chiedere protezione
PATRIZIA GUENZI


Le donne hanno imparato a chiedere aiuto. Hanno capito che da sole non ce la possono fare ad uscire da una situazione di violenza familiare. "Ci sono più denunce - osserva l’avvocato Nora Jardini Croci Torti, attiva nell’ambito del diritto del lavoro e della legge sulla parità dei sessi -. Rispetto al passato escono di più allo scoperto". Un grado di consapevolezza difficile da misurare, "ma al giorno d’oggi possiamo dire che c’è più sensibilizzazione e informazione", sottolinea Cristiana Finzi, delegata cantonale aiuto alle vittime di reati.
Infatti, vieppiù sollecitati anche i centralini di centri e strutture di sostegno. "Pur essendo sempre molto diversi i casi, li accomuna una relazione in cui l’uomo prevarica", osserva  un’educatrice dell’Associazione delle donne di Lugano. Una prevaricazione che può anche sfociare in tragedia, come ad Ascona, malgrado l’aggressore non potesse avvicinarsi alla vittima. "Lei avrebbe dovuto ogni volta segnalarlo in polizia, ma un conto è dirlo, un conto è farlo", sottolinea l’avvocato.
Al centralino dell’Associazione delle donne arrivano molte telefonate. "Vogliono sapere cosa devono fare, a chi possono rivolgersi, che sostegni hanno. Non sempre vengono subito da noi, a volte passa un po’ di tempo. Non possiamo obbligare nessuno, sarebbe come imporre un’altra violenza". Ma chi trova il coraggio di informarsi, prima o poi, quasi sempre si presenta negli uffici dell’Associazione che, se necessario, trova immediatamente un posto sicuro in una casa protetta. In tutto, in Ticino, le strutture di questo tipo sono due. L’Associazione delle donne e Casa Armònia. Per le emergenze, ci sono anche Casa Astra o Santa Elisabetta. "Ma i loro indirizzi sono noti, quindi dobbiamo sempre trovare il più presto possibile un’altra sistemazione", osserva l’educatrice, che sottolinea come in alcuni periodi dell’anno i due centri del cantone siano sovraccaricati.
Non sempre, anche se la vittima trova il coragggio di denunciare l’aggressore. "Purtroppo - riprende l’educatrice -, la maggior parte delle donne non lo fa o se lo fa, spesso la ritira". Per paura, perché spera di ricucire il rapporto. "Non è facile, soprattutto se ci sono dei figli - conclude l’avvocato -. Ancora più difficile arrivare a chiedere delle misure nei confronti del partner, come l’allontanamento". Lo aveva fatto la donna uccisa una settimana fa ad Ascona. Ma lui ha continuato a tormentarla lo stesso. Sino alla fine.

p.g.
02.07.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

L'esame delle urine
non entra in classe
L'INCHIESTA

Via la plastica
da negozi e market
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il radar milionario
ha sbancato il Baffo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una crisi energetica
dalla guerra del petrolio
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'Ok Corral innesca
la faida dei marsigliesi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo
26.09.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 26 settembre 2018 alle ore 10.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Afghanistan:
attentato
a raduno
elettorale

Manifestazioni
a Parigi, in Europa,
nel mondo
per salvare il pianeta